I Sogni di Mio Padre - Barack Obama

I Sogni di Mio Padre - Barack Obama

Guarda come Barack Obama, il primo presidente nero della più grande economia del mondo, ricorda il suo viaggio attraverso le sue origini e la ricerca di un'identità razziale.

L'autobiografia di Barack Obama, "I Sogni di Mio Padre", è un libro stimolante sul primo presidente afroamericano degli Stati Uniti.

Seguendo la sua vita fin dall'infanzia, Obama mostra le sfide, gli ostacoli e le difficoltà che ha dovuto affrontare e come ha affrontato il razzismo.

Sei curioso della sua ascesa alla vita politica e di tutti i problemi che ha dovuto affrontare da nero negli Stati Uniti? Segui questo riassunto e scopri di più sulla vita dell'ex presidente.

Sul libro "I Sogni di Mio Padre"

La autobiografia di Barack Obama "Dreams From My Father: A Story of Race and Inheritance" o "I Sogni di Mio Padre" (in italiano) è stato originariamente pubblicato nel 1995 da Times Books.

Questo best-seller del New York Times ha ottenuto un'altra versione il 10 agosto 2004, da Broadway Books, con 464 pagine sulla vita e la carriera in quel momento del viaggio dell'autore.

Circa l'autore Barack Obama

Barack Hussein Obama II, figlio del keniano Barack Obama Sr. e della 'americana Ann Dunham, è nato nel 1961 a Honolulu, nelle Hawaii. È stato il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti, eletto nel 2008 e in carica dal 2009 al 2017.

È sposato con Michelle Obama dal 1992 e la coppia ha due figlie, Malia Ann e Natasha.

Vincitore del Premio Nobel per la pace nel 2009, Obama è un avvocato laureato all'Università di Harvard. Prima di diventare presidente, è stato senatore per lo stato dell'Illinois negli Stati Uniti per il partito democratico.

Inoltre, è l'autore dei libri: "The Audacity of Hope" ed "Of Thee I Sing".

Per chi è questo libro?

Il libro "I Sogni di Mio Padre" è per le persone che cercano la crescita indipendentemente dalle loro origini e dai pregiudizi nella società.

È adatto anche a p ersone che amano imparare dalle esperienze degli altri e vogliono capire cosa le spinge a raggiungere un grande successo.

Principali idee tratte dal libro "I Sogni di Mio Padre"

Barack Obama svela i dettagli della sua vita prima di entrare in politica. Ecco alcune idee principali:

  • Pregiudizi razziali e come hanno influenzato la vita di Obama;
  • Come le origini e le creazioni influenzano le percezioni delle persone;
  • Gli effetti che il razzismo e la mancanza di identità hanno avuto sulla vita di Barack Obama;
  • Come assumere una posizione di leadership e aiutare gli altri;
  • I benefici di una comunità con accettazione, redenzione e speranza;
  • Il legame tra storia familiare e identità individuale.

Parte 1 - Origini

Barack Obama inizia la sua autobiografia raccontando come, all'età di 21 anni, abbia ricevuto la notizia della scomparsa del padre. La zia gli disse solo che suo padre era morto in un incidente d'auto e chiese al ragazzo di informare lo zio dell'incidente.

Il libro "I Sogni di Mio Padre" risale poi all'infanzia di Barack Obama. I suoi genitori si sono conosciuti mentre studiavano in Kansas. Si sono sposati, hanno avuto un figlio e si sono trasferiti alle Hawaii, dove è nato Barack. Tuttavia, suo padre lasciò la famiglia quando era ancora un bambino di due anni.

L'autore presenta sua madre come una donna indipendente e forte che ha lottato per vincere nella sua vita. Ha studiato per ottenere il dottorato di ricerca. mentre allevava suo figlio. Obama è molto affettuoso con sua madre, menzionando l'amore e le attenzioni che ha sempre avuto con lui. Dopo di ciò, sua madre si risposò.

Barack Obama conosceva suo padre solo attraverso le storie che sua madre ei suoi nonni raccontavano sull'uomo. E poiché hanno fatto del loro meglio per proteggere il bambino dall'abbandono del padre, queste storie sono sempre state di un uomo carismatico e coinvolgente. Pertanto, non sono mai stati sul motivo per cui se n'è andato.

Mancando suo padre, Barack Obama è cresciuto senza la forte figura di un uomo di colore. Quindi, quando ha iniziato a subire bullismo ed essere vittima di razzismo, credeva che l'oppressione fosse normale e che dovesse accadere così.

Spiega nell'autobiografia che, per molto tempo, quando lo chiamavano nero, si difendeva dicendo che sua madre era bianca. Col tempo è maturato e si è accettato.

Barack Obama crede che, all'epoca, dire che sua madre era bianca significava cercare l'approvazione delle persone razziste. Che, nel cercare di diventare migliore dicendo che aveva la parte bianca della famiglia, ha ulteriormente diminuito il morale della comunità nera.

Come il razzismo può influenzare la vita di una persona

La parte materna della famiglia di Barack Obama è interamente bianca. E, poiché hanno cercato di proteggerlo da ciò che potrebbe accadere, è cresciuto senza responsabilizzazione e senza sapere come affrontare le situazioni di razzismo.

A causa della mancanza di influenza, racconta in "I Sogni di Mio Padre" che credeva che i neri fossero fatti per subire il razzismo.

Questa prospettiva di autoironia che la società gli ha imposto lo ha portato a farsi coinvolgere da alcol e droghe, come un modo per cercare di affrontare la realtà che ha di fronte.

Barack Obama ha iniziato a cercare un senso per la sua esistenza, per capire chi fosse e dove potesse avere un senso di appartenenza. La mancanza di identità gli ha fatto accettare molte cose. D'altra parte, era anche ciò che lo motivava a cercare sostegno e rappresentanza della comunità nera.

Inoltre, i suoi nonni hanno messo troppa pressione su di lui per eccellere a scuola e negli studi. Supera sempre le aspettative, cerca sempre l'eccellenza accademica. La sfida è stata grandiosa, soprattutto quando i suoi compagni di classe lo hanno paragonato alle scimmie e non hanno voluto impegnarsi con lui.

Il giovane era combattuto tra la pressione per riuscire a scuola e compiacere la sua famiglia, desiderando sempre meno di andare alla scuola dove ha subito il razzismo.

Parte 2 - Chicago

Sempre eccellente negli studi, Obama è stato ammesso a frequentare l'Occidental College di Los Angeles. Lì, nonostante abbia avuto l'esperienza di vivere tra altri neri, si considera ancora incerto sulla sua identità razziale.

Barack Obama stava ancora cercando l'accettazione di sé. Ha avuto l'opportunità di trasferirsi alla Columbia University di New York. Quando si è trasferito, ha promesso a se stesso che sarebbe stato più coinvolto con la comunità nera.

Con questo coinvolgimento e comprendendo le difficoltà che stavano attraversando i suoi coetanei, Barack Obama ha deciso di voler lavorare come leader della comunità con altre minoranze. Lui voleva aiutare altri neri che hanno subito il razzismo negli Stati Uniti e, allo stesso tempo, ritrovare se stesso.

L'opportunità è arrivata dopo il college, quando è stato invitato a lavorare a Chicago su un progetto di sviluppo delle comunità come organizzatore di comunità.

Lì ha imparato molto sulle etnie e sulla politica e su come lavorare tra di loro e con loro per ottenere miglioramenti. Ha poi visto la necessità di cambiare il sistema. Ma si è anche reso conto di quanto sarebbe stato difficile essere in grado di aiutare le persone e fare la differenza.

Oltre alle difficoltà politiche di migliorare la situazione e porre fine allo status quo, Barack Obama ha anche incontrato resistenze da parte delle comunità che voleva aiutare.

La gente era già stanca di false speranze e quindi non accettava l'aiuto di estranei. Il razzismo, il pregiudizio, la differenza di trattamento hanno mostrato le loro conseguenze.

Anche una persona simile a loro e che cercava di aiutarli, come Barack Obama, non è stata ben accolta. Dopotutto, è difficile abbassare la guardia dopo tanti anni di ingiustizia e oppressione.

Racconta nel libro "I Sogni di Mio Padre" che la violenza, e in particolare le bande, controllava molte cose all'interno delle comunità. Questo gli ha impedito di attuare effettivamente le sue idee per il miglioramento nella vita di queste persone.

Obama ha trovato la sua comunità con redenzione e speranza

Problemi politici, bande, violenze, tutto questo ha aumentato la difficoltà del suo servizio e anche il livello di stress che ha generato nella sua vita.

Così, a Chicago, Barack Obama è andato in chiesa. Lì ha scoperto il senso di appartenenza a una comunità, ed è lì che ha ricevuto accoglienza. Nella storia del cristianesimo ha anche incontrato i temi della redenzione e della speranza e ad essi si è relazionato.

La chiesa arriva ad avere una grande importanza nella vita di Barack Obama. Ha continuato a fungere da pilastro per aiutarlo ad affrontare tutti gli ostacoli e le sfide che avrebbe dovuto affrontare nel suo lavoro negli anni a venire.

È stato attraverso questo rapporto con il cristianesimo e la storia di Gesù che Barack Obama ha compreso e accettato di più la sua identità razziale. Successivamente, ha fatto domanda ed è stato accettato alla facoltà di giurisprudenza dell'Università di Harvard.

Durante la sua permanenza a Chicago, è stato fortemente influenzato dalla comunità in cui ha lavorato. Poi ha capito la necessità di sanare le ferite del passato.

La sua vita nella chiesa lo aiuta a comprendere la traiettoria di successo di molti neri americani e come questo percorso abbia richiesto molta fede e sacrificio da parte di tutti coloro che lo hanno percorso. Nella sua ricerca per guarire le ferite del passato, Obama cerca poi di saperne di più su suo padre.

Parte 3 - Kenya

Barack Obama conosce i suoi fratelli da suo padre. Capisce un po' di più su suo padre, com'era e come ha cresciuto i suoi figli. Racconta della relazione travagliata di suo nonno con suo padre e che si è reso conto di quanto fosse complicato suo padre. Dopotutto, suo padre era un mistero per lui sin da quando era bambino.

Imparando di più sulla storia familiare durante la colonizzazione del Kenya, è stato in grado di vedere molti punti di connessione con la propria storia. La scoperta dell'identità, la ricerca di appartenenza e la mancanza di responsabilizzazione sono presenti in entrambe le storie.

Barack Obama presenta nel libro "I Sogni di Mio Padre" l'idea che il razzismo riscontrato negli Stati Uniti non derivi da una perdita della cultura afro nei suoi discendenti. In effetti, è il risultato di una cultura della sottomissione, già imposta prima ancora che arrivare nelle Americhe.

La ricerca dell'accettazione e della libertà fa parte della storia africana. Va anche agli americani che sono di origine africana, anche se soggettivamente.

Pertanto, il popolo keniano e la sua lotta per l'indipendenza fanno sì che Obama identifichi la lotta dei neri americani: per condizioni migliori e la fine del razzismo.

Barack Obama racconta nel libro "I Sogni di Mio Padre" che si è reso conto di quanto fosse connesso con i suoi fratelli e parenti, anche se erano persone che non aveva mai incontrato. Questo perché condividevano esperienze, desideri e ambizioni simili.

Obama conosce la sua sorellastra, Auma. Una donna, secondo lui, molto intelligente, che si interroga continuamente e che veniva spesso considerata amareggiata. Lo aiuta a capire meglio il loro legame e il defunto padre che condividevano.

In una parte del libro "I Sogni di Mio Padre", Barack Obama dice che il passato non è mai veramente nel passato, che è sempre vivo nei ricordi delle persone.

Cerca di rendere i lettori consapevoli di come vengono trattati: il modo e le differenze in cui viene trattato un bambino sono in gran parte responsabili della persona che potrebbe diventare in futuro.

Infine, il libro si conclude con scene del matrimonio di Obama con Michelle e del suo lavoro di avvocato.

Il matrimonio di Michelle e Barack Obama

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel libro di Tony Robbins "Awaken the Giant Within", ci sono anche grandi lezioni sul cambiamento della vita, che, secondo l'autore, dipendono solo dalla decisione iniziale di cambiare. In quanto tale, il libro delinea lezioni sull'autocontrollo e su come queste lezioni possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi personali.

Il libro "Mindset" della psicologa Carol S. Dweck discute di come le nostre convinzioni modellano il nostro comportamento e la nostra crescita. Mentre le mentalità producono visioni del mondo definitive, le persone possono cambiare imparando nuove abilità. Si può insegnare agli esseri umani a reagire in modi diversi, come affrontare le sfide e pensare in modo diverso.

Infatti Michelle Obama, nel suo libro "Becoming: La Mia Storia", racconta come ha conosciuto Barack Obama. Rivela che, all'inizio, non era interessata a lui. Ma, in seguito, ha cominciato a individuare in Obama caratteristiche a lei molto simili, come serietà e dedizione, e pian piano si è incantata, sia per il suo lavoro che per l'uomo che è Barack Obama.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Ispirati dalle conoscenze acquisite dalla storia di Barack Obama, abbiamo separato alcuni suggerimenti da applicare nella tua vita:

  • Cerca supporto per affrontare le situazioni difficili.
  • Impara a demistificare gli idoli o i fantasmi della tua infanzia.
  • Non dare nulla per scontato, ogni situazione può essere migliorata.
  • Conosci la storia della tua famiglia e impara da essa.
  • I pregiudizi esistono, ma possono e devono essere combattuti.
  • Ogni volta che puoi aiutare gli altri che sono nei guai, aiuta.
  • Trova qualcosa che ti dia la speranza di continuare a lottare per un mondo migliore.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "I Sogni di Mio Padre"?

Allora cosa ne pensi del viaggio di Barack Obama?

Assicurati di inviare il tuo commento dicendo cosa ne pensi del riassunto del libro "I Sogni di Mio Padre"! Il tuo feedback ci aiuta a produrre contenuti ancora migliori per te.

L'edizione completa del libro è disponibile per l'acquisto di seguito:

Libro 'I Sogni di Mio Padre'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!