Guga, Um Brasileiro - Gustavo Kuerten

Guga, Um Brasileiro - Gustavo Kuerten

Conosci la storia del più grande tennista brasiliano e lasciati ispirare da questa incredibile traiettoria di determinazione e perseveranza!

In Brasile, il calcio è lo sport più praticato, riconosciuto e apprezzato, non è vero?

Per questo motivo, è molto difficile distinguersi e ottenere il riconoscimento in uno sport a cui i media danno poca importanza, specialmente quando è individuale. Ma un ragazzo lo ha fatto! È proprio lui, il Guga in persona!

Il tennis è ancora uno sport diffuso in Brasile, rispetto al calcio, ma quando ci riferiamo a lui ricordiamo Gustavo Kuerten, Guga, considerato il più grande tennista brasiliano e uno dei più grandi tennisti della storia del tennis mondiale.

Attraverso la sua autobiografia "Guga, Um Brasileiro", l'atleta racconta la sua affascinante traiettoria e le sue conquiste.

Vuoi sapere come è successo tutto?

Quindi, vieni con noi e sii entusiasta di questa storia stimolante!

Sul libro "Guga, Um Brasileiro"

Il libro "Guga, Um Brasileiro" è stato pubblicato nel 2014. Questa autobiografia è un racconto sincero ed emozionante della carriera dell'atleta come tennista, dall'infanzia alla vittoria di titoli mondiali.

Gustavo Kuerten rivela tutti i suoi sentimenti e gli eventi straordinari, menzionando la sua famiglia e gli ostacoli che ha dovuto affrontare, il tutto con un'enorme ricchezza di dettagli.

Circa l'autore Gustavo Kuerten

Gustavo Kuerten, noto come Guga, è nato a Florianópolis nel 1976. È un ex giocatore di tennis professionista, con numerosi titoli, tra cui il terzo campionato del Roland Garros.

Trattandosi di una biografia, tutti i dettagli sull'autore verranno presentati nel corso della nostra analisi.

Per chi è questo libro?

"Guga, Um Brasileiro" è l'ideale per te che vuoi conoscere biografie stimolanti, con storie di superamento dello sport.

Inoltre, il contenuto è adatto a chi cerca esempi di valori, resistenza, integrità e determinazione.

Principali idee tratte dal libro "Guga, Um Brasileiro"

  • Dei 3 fratelli, Guga era l'atleta promettente;
  • La sua famiglia e le sue esperienze furono gli incentivi per Guga a continuare senza arrendersi;
  • L'anno più straordinario della sua carriera è stato il 1997, quando ha vinto il suo primo Grande Slam: Roland Garros;
  • Fiducia, dedizione e tenacia sono caratteristiche fondamentali per raggiungere il successo;
  • Avere persone al tuo fianco è essenziale per raggiungere il tuo scopo.

In questo riassunto, riuniamo i momenti salienti della tua infanzia, adolescenza e carriera professionale. Allora, andiamo a conoscere la storia di questo atleta tanto amato dai brasiliani?

Panoramica - Infanzia

L'intera storia raccontata da Guga Kuerten è molto coinvolgente ed eccitante. Inizia la narrazione parlando dei suoi genitori, raccontando come si sono incontrati, la loro vita coniugale, i loro piani, le loro formazioni e professioni. Aldo e Alice erano atleti ed erano sempre stati nel mondo dello sport.

Entrambi avevano sempre sognato di avere figli. Hanno realizzato il sogno, hanno avuto 3 figli: Gui, Rafa, il cervello di casa; e Guga, l'atleta promettente. Gui aveva serie limitazioni nell'andare in giro e comunicare a causa di una microcefalia e paralisi cerebrale. I medici gli avevano dato oltre 14 anni di vita, ma visse fino a 28.

Di conseguenza, il piccolo Gui aveva spesso delle complicazioni e richiedeva assistenza continua. Questo è il motivo che ha permesso a Guga Kuerten di imparare a gestire bene i pensieri e il lato emotivo durante le partite. Ogni punto fatto nel corso di tutte le partite era dedicato a Gui, il guardiano delle sue coppe.

All'inizio, il padre aveva manifestato un certo rifiuto nei confronti di Gui, ma, col tempo si adattò a questa situazione, facendo sì che Gui desse a tutta la famiglia una grande lezione di vita.

Guga ci dice che quando aveva sei anni, quando tutto ebbe inizio, il tennis non aveva tradizione e Florianopolis non aveva un posto dove allenarsi. Inoltre, in televisione non c'era mai nulla che riguardasse lo sport quindi lui non ne sapeva quasi nulla.

Suo fratello maggiore, Rafael, ha sempre avuto una forte influenza su di lui. Tutto quello che lui faceva, Guga voleva ripeterlo e farlo a sua volta, come, ad esempio, giocare a tennis. Suo fratello era bravo ma l'obiettivo di Guga era di essere migliore di lui. All'età di 6 anni si iscrive alla scuola di tennis LIC (Lagoa Iate Clube).

Il tennis era qualcosa che riuniva la sua famiglia e anche al padre cominciava a piacere questo sport. Rafael aveva grandi capacità tanto che divenne un coach, anche se, a un certo punto, si fermò per dedicarsi al college e, successivamente, all'amministrazione della carriera del fratello.

Di sicuro l'infanzia di Guga non fu contrassegnata dalla monotonia. Lui e Rafa praticavano vari sport, frequentavano costantemente il club e partecipavano persino ai campionati di ping-pong.

Guga crede che la maggiore sconfitta in tutti i tornei della sua vita fu all'età di 8 anni, quando suo padre morì. In quel momento, infatti, lui e Rafa erano ad un torneo, e la madre diede loro la notizia non appena rientrarono a casa.

Con la morte di suo padre, la madre di Guga Kuerten decise di chiudere il negozio di fabbro di suo padre e l'unica fonte di reddito fu il ricavato di tutti gli strumenti di lavoro del marito.

Secondo Gustavo Kuerten, ella fece delle grandi magie nel riuscire a prendersi cura dei figli, anche con il vuoto emotivo enorme che si era aperto nelle loro vite.

Dopo la sua morte, comunque, il padre continuò, da lassù, ad essere l'angelo custode di tutta la famiglia, specialmente in due situazioni degne di nota: un incidente d'auto con la madre e i fratelli, e poi uno in mare, con un peschereccio, mentre faceva surf.

Panoramica - Adolescenza

Fino a 12 anni, Guga voleva essere un giocatore di tennis, un giocatore di calcio e un surfista, tutto allo stesso tempo. A quel tempo, gran parte del suo tempo era dedicato al club Astel, dove si dedicava allo sport con impegno.

A un certo punto, tuttavia, dovette prendere una decisione: giocare a calcio nel suo paese o un tennista nel mondo. Gustavo Kuerten dice che più raggiungeva risultati nel tennis, meno gli mancava il calcio.

Il tennis è sempre stato visto come uno sport praticato da persone con condizioni di vita migliori e non era così diffuso in Brasile. La sua famiglia, invece, non aveva molto denaro per iscriverlo ai tornei e quindi l'unica possibilità era quella di trovare dei sostenitori.

Larri Passos era uno dei tecnici più ambiti della regione. Un anno prima di morire il padre di Gustavo Kuerten aveva organizzato un barbecue nel tentativo di far diventare Larri l'allenatore del figlio. Larri, sul momento, non accettò, ma promise ad Aldo che in futuro lo avrebbe allenato e questo accadde tre anni dopo.

In questo modo, con l'aiuto di Larri, le cose cominciarono a cambiare. Egli era molto severo ed esigente e quando parlava, lo faceva con intenti motivazionali. Aveva una missione da svolgere e aveva preso un impegno con il padre di Gustavo Kuerten.

Larri diventò il suo allenatore ufficiale, delineando una strategia che facesse arrivare il ragazzo lontano e che gli facesse ottenere il massimo delle prestazioni. Tutte cose raggiunte con molto sacrificio.

La sua carriera si sviluppò come una scala, gradino dopo gradino, portandolo ad essere uno dei migliori giocatori di tennis nella sua regione e nel suo stato. Dopo di che egli sentì l'esigenza di altre sfide e quindi fece un viaggio in Europa per affrontare i migliori tennisti e molte nuove sfide.

All'età di 19 anni, la sua carriera giovanile si concluse, lasciando strada al professionista. Ciò fece sì che il tennis cessasse di essere un sogno e diventasse una questione di pelle e di motivazione.

Sempre in quel periodo, realizzò il suo sogno: venne chiamato nella squadra nazionale brasiliana.

Un passaggio interessante nel libro è la definizione di campione secondo Guga. Ha sempre considerato il campione non il migliore di tutti, ma quello che "toglie le patate bollenti" che appaiono sul percorso e alla fine vincono il gioco.

Panoramica - La carriera di Guga anno dopo anno

La sua intera carriera e i momenti più importanti di ogni partita sono ben rappresentati nel libro. Guga è in grado di esporre tutte le sue emozioni, pensieri ed eventi che si sono svolti dentro e fuori il campo.

Guga Kuerten riferisce che la storia della sua infanzia e adolescenza lo ha portato a generare grandi stimolo che lo hanno reso capace di ottenere risultati sensazionali nelle partite.

In tutte le partite e di fronte a ogni nuova sfida, sentiva molta positività e sicurezza per affrontare tutto. Attivava la "modalità Gui" e si diceva sempre: "un passo alla volta", "concentrati al massimo", "non commetterò errori".

Il primo anno in cui Guga lavorò come professionista fu il 1995, iniziando la sua carriera al 187° posto nella classifica mondiale. Riuscì a raggiungere le finali individuali e di doppio del torneo Challenger, ma, alla fine, perse in entrambe le finali. Nello stesso anno, si unì al torneo di formazione della Coppa Davis.

Nel 1996, le cose progredirono, debuttò con la vittoria alla Coppa Davis, vinse i suoi primi tornei Challenger, giocò come giocatore titolare al Roland Garros e vinse il primo ATP (Association of Professional Players, responsabile dell'organizzazione dei tornei).

Secondo Guga, non ci sarà un anno più favolosamente strano del 1997, l'anno in cui è avvenuta la svolta decisiva della sua vita. I risultati divennero fantastici e gli fece ottenere degli sponsor senza doverli inseguire, tra cui Diadora e il Banco do Brasil.

Quello fu l'anno in cui sconfisse 3 ex campioni del torneo e vinse il famoso Roland Garros, una pietra miliare nella sua vita. Inoltre, guadagnò diversi ATP e riuscì ad arrivare al 14° posto della classifica mondiale.

Tutto il successo stava arrivando ed egli ottenne vittorie senza precedenti, come il titolo della serie Masters, battendo il tennista numero uno al mondo e vincendo i titoli ATP.

Il 2000 è stato contrassegnato come l'anno record, nel quale ha ottenuto il maggior numero di vittorie della sua carriera, per un totale di 63, ed è diventato il numero 1 al mondo. Vinse il Roland Garros e il Masters Cup due volte, disputò la sua prima Olimpiade e portò il Brasile alla semifinale della Coppa Davis.

L'anno successivo, Guga ottenne altri titoli e i tre campionati del Roland Garros, chiudendo l'anno come il numero 2 del mondo. Con tutti i risultati di Guga, i brasiliani si interessarono di più al tennis, rendendolo più popolare, ampliato anche dalle trasmissioni televisive e dai giornali.

Guga veniva da una serie di allenamenti e campionati per un lungo periodo, chiedendo sempre il massimo a sé stesso, senza avere il tempo di riposarsi fisicamente. Per questo motivo, nel 2002, cominciarono ad apparire i primi problemi all'anca che lo fecero allontanare dai campi per alcuni mesi a causa di un primo intervento chirurgico. Ma, non appena tornò a giocare, vinse il suo primo titolo in Brasile, il Brasil Open Tournament. Inoltre, continuò a vincere alcuni ATP.

Guga ha vinto il suo ultimo titolo nel 2004, il Brasil Open Tournament. Quello stesso anno ha anche vinto una partita contro il numero uno del mondo, Roger Federer, e ha partecipato alla sua seconda Olimpiade. Alla fine dello stesso anno si sottopose ad una artroscopia dell'anca.

Gli anni tra il 2005 e il 2007 sono stati caratterizzati da scarse partecipazione e poche vittorie, a causa dei problemi all'anca e infatti, alla fine del 2007, occupava il posto 6.800 della classifica mondiale.

Motivo per cui, nel 2008, Guga ha deciso di andare in pensione, tiene un tour di addio al World Circuit e assiste alla creazione di un premio che porta il suo nome.

Guga Kuerten ha perseguito la sua carriera nello sport, ma in un modo diverso. Ora riceve gli inviti a partecipare alle commissioni, il suo valore è riconosciuto per la sua partecipazione di successo nello sport con molti titoli. Ha ricevuto, infatti, innumerevoli onori e riconoscimenti nazionali e internazionali.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Jim Collins e Morten Hansen, nel libro "Great by Choice", presentano un principio che indica: prima i proiettili di revolver, poi le palle di cannone. Questo è perfettamente applicato da Guga all'inizio dei suoi confronti, affrontando prima avversari locali e nazionali, cioè con meno tecniche, e poi gareggiando con atleti ad alte prestazioni, considerati i migliori al mondo.

Il libro "As 16 Leis do Sucesso", di Jacob Petry, spiega che è importante avere uno scopo chiaro, specifico e raggiungibile per il tuo percorso, concentrando tutte le energie e i pensieri sul raggiungimento del tuo successo.

Infine, nel libro "True North", Bill George afferma che la scoperta della nostra "leadership autentica" richiede che mettiamo alla prova i nostri valori e le nostre convinzioni attraverso esperienze del mondo reale.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

  • La fiducia in noi stessi ci dà la certezza che dobbiamo usare il nostro massimo potenziale per perseguire i nostri obiettivi;
  • Avere un allenatore o un mentore è essenziale, soprattutto quando la sfida diventa più grande;
  • Avere uno scopo ben definito, poiché questo ci porta a cercare soluzioni per continuare, mantenendoci concentrati, saldi e motivati;
  • Avere sempre una fonte di apprendimento e ispirazione.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Guga, Um Brasileiro"?

Ci auguriamo che il nostro riassunto ti sia piaciuto e che sia in grado di applicare gli insegnamenti di Guga/Gustavo Kuerten nella tua vita. Lascia la tua opinione nei commenti, poiché il tuo feedback è molto importante per noi.

Inoltre, l'edizione completa di questa incredibile storia è disponibile per l'acquisto nell'immagine qui sotto:

Libro 'Guga, Um Brasileiro'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!