Leadership 101 - John C. Maxwell

Leadership 101 - John C. Maxwell

Scopri quali sono i segreti della leadership e che potrebbero essere più semplici e accessibili di quanto pensi!

I fondamenti della leadership possono essere più semplici e accessibili di quanto la maggior parte degli esperti faccia credere. È qui che entra in scena John Maxwell.

Basandosi su oltre vent'anni di esperienza, Maxwell parla dei punti chiave della leadership con saggezza, naturalezza e obiettività.

Nel suo libro "Leadership 101dimostra che quanto più in alto si vuole salire, tanto maggiore è la necessità di essere leader, e che quanto maggiore è l'impatto che si vuole ottenere, tanto più influente deve essere il proprio ruolo.

Volete sapere come fare? Allora continuate a leggere!

Il libro "Leadership 101”?

Il libro "Leadership 101" è stato scritto dall'autore di bestseller John Maxwell.

Quest'opera appartiene alla serie "I 4 segreti del successo" e offre i principi fondamentali che hanno guidato Maxwell nel suo percorso.

La serie è composta dai libri: "Empowerment 101", "Attitude 101", "Relationship 101" e "Leadership 101".

Chi è John C. Maxwell?

John Calvin Maxwell è nato nel 1947 negli Stati Uniti, è un esperto di leadership (argomento su cui tiene conferenze), fondatore di EQUIP e della John Maxwell Company.

Inoltre, Maxwell è considerato il leader aziendale numero uno dall'American Management Association e l'esperto di leadershippiù influente al mondo da Business Insider.

Ha venduto oltre 30 milioni di libri, tra i quali ricordiamo:

Perchè leggere “Leadership 101”?

Se lavori in una carriera che richiede eccellenti capacità relazionali, questo libro fa sicuramente al caso tuo, perché spiega come sviluppare le abilità fondamentali di un vero leader.

Inoltre, è consigliato a chi vuole saperne di più su influenza, integrità, attitudine, visione, autodisciplina e capacità di risolvere i problemi.

Quali sono i punti principali di “Leadership 101”?

  • "La leadership è un processo graduale, si sviluppa gradualmente, non da un giorno all'altro".
  • "La prima persona che guidi è te stesso";
  • "Per diventare un vero leader bisogna avere autodisciplina";
  • "La fiducia è alla base della leadership";
  • "La vera misura della leadershipè l'influenza. Senza influenza non c'è leadership";
  • "Il successo non si misura da ciò che si è lasciato fare, ma da ciò che si è lasciato alle spalle".

Come si diventa leader?

Chiunque speri di diventare un leader in un giorno si renderà conto che questo pensiero non è corretto. John Maxwell dice che: "Diventare un leader è molto simile a investire con successo nel mercato azionario. Chi spera di fare fortuna in un giorno non ci riuscirà. Ciò che conta di più è quello che si fa nel lungo periodo".

In altre parole, la chiave del successo sta nelle responsabilità che si assumono giorno per giorno. Se continuate a investire nella tua crescita personale, verso la leadership, l'unico risultato sarà inevitabilmente lo sviluppo.

Anche se sappiamo che alcuni individui nascono con la capacità di guidare, ci sono anche coloro che imparano a farlo. Perché la leadership è un insieme di abilità che possono essere apprese e affinate.

Indipendentemente dal fatto che abbia o meno la capacità naturale di guidare, è probabile che la tua crescita e il tuo progresso avvengano secondo le quattro fasi dello sviluppo della leadership:

Prima fase - Non so cosa non so

Non credere nel valore della leadership è un pensiero comune a molte persone. Non credere alle opportunità che si presentano quando si possiede la capacità di guidare è un errore comune.

Secondo John Maxwell, "avere una leadership significa avere influenza e che, nel corso di ogni giornata, la maggior parte degli individui cerca di influenzare almeno quattro persone. Probabilmente è stato stimolato il loro desiderio di saperne di più. Perché una volta che una persona non sa quello che non sa, non cresce".

Seconda fase - So quello che non so

Un primo ministro ha detto una volta: "Essere consapevoli di non conoscere i fatti è un grande passo verso la conoscenza".

Ci sono momenti nella nostra vita in cui ci rendiamo conto di non avere alcuna conoscenza su un determinato argomento. È in quell'istante che tutto diventa possibile.

John Maxwell racconta un'esperienza personale: "Nel 1969, quando ho assunto la mia prima posizione di leadership, ho cercato di guidare le persone nel mondo reale. Mi consideravo già un leader, ma ho scoperto la verità, mi sbagliavo".

Questo lo ha portato a raccogliere risorse e a imparare da loro. Scrisse ai dieci principali leader della sua zona e offrì loro cento dollari per mezz'ora di tempo per porre loro alcune domande. Quegli uomini hanno condiviso esperienze che altrimenti non avrebbe potuto conoscere.

Terza fase - Mi sviluppo ed imparo e comincio a vedere

Accadranno cose interessanti quando riconosci la tua mancanza di conoscenza e inizierete il processo di apprendimento quotidiano.

Non pensi che sia facile, ma tra cinque anni, con l'aumentare della tua influenza, noterei i tuoi progressi. In dieci anni, svilupperai un'abilità che renderà la tua leadership veramente efficace. Tra 20 anni, altri vi chiederanno insegnamenti su come essere un leader.

Si può diventare un grande leader, ma è un processo graduale. Iniziate a prepararvi ora e un giorno potrete godere dei benefici di questo processo.

Quarta fase - Avanzo semplicemente grazie a ciò che so.

Secondo Maxwell, "quando si raggiunge la fase 4, la capacità di condurre sarà quasi automatica. È a quel punto che sperimenterei la più grande ricompensa del mondo. Tuttavia, l'unico modo per arrivare a quella fase è riconoscere il processo e pagarne il prezzo".

Le caratteristiche di un leader

Il percorso che conduce alla cima è arduo. Pochi individui riescono a essere tra i migliori nella loro professione. Ancora meno sono quelli considerati "i migliori". Per raggiungere il successo è necessaria l'autodisciplina.


I talenti di ogni leader contano poco, perché si può raggiungere il massimo livello di tali talenti solo con l'autodisciplina. È questo che fornisce il supporto al leader per raggiungere il livello più alto, è la chiave per una leadership duratura.

Per raggiungere questo obiettivo, è necessario intraprendere alcune azioni:


Mettete in discussione le vostre giustificazioni: quasi tutti i nostri fallimenti sono più giustificabili dei metodi che immaginiamo per nasconderli.

I motivi per cui non sei disciplinati sono solo scuse, metteteli tutti in discussione ed eliminate la tendenza a giustificarvi.

Annullare i bonus finché il lavoro non viene svolto: i bonus motivano i bravi dipendenti, ma sono demotivanti quando vengono dati anche a chi non rende;

Rimani concentrati sui risultati: se ti concentrate sugli impedimenti del lavoro piuttosto che sui risultati, è probabile che ti demotiva.

La prossima volta che ti troverei di fronte a un'attività essenziale e penserete a ciò che è conveniente, cambiate la tua attenzione. Pensi ai vantaggi di fare la cosa giusta e poi andate avanti.

Sviluppare la fiducia

Una lezione molto importante sulla leadership è l'apprendimento del funzionamento della fiducia. Per Maxwell, "la fiducia si riferisce al guadagnare e spendere le monete che si hanno in tasca.”

Ogni volta che prenderei una buona decisione, guadagnerei una moneta. Ogni volta che prenderei una decisione sbagliata, perderei una parte delle tue monete. Se un leader prende molte decisioni sbagliate, una dopo l'altra, si renderà conto che non gli rimarranno più monete. A quel punto sarà scartato come leader.

Ci sono tre qualità che un leader deve possedere per ottenere la fiducia: competenza, connessione e carattere.

Per Craig Weatherup, presidente e CEO di PepsiCo, "le persone tollerano gli errori onesti, ma se si tradisce la loro fiducia, sarà molto difficile riconquistare".

Pertanto, è necessario trattare la fiducia come il bene più prezioso. Si può ingannare il capo, ma mai i colleghi o i collaboratori.

L'influenza può essere sviluppata

È molto semplice sapere chi è il leader di un gruppo. Osservi quando si deve decidere una questione, di chi è l'opinione che spicca? Con chi sono d'accordo le persone?

L'autore condivide l'idea del "triangolo del potere", composto da tre componenti: comunicazione, riconoscimento e influenza. Inizialmente, comunicati in modo efficace. Questo fa sì che siate riconosciuti, il che ti porterà a essere influenzati.

Un modo per aumentare la propria influenza è l'atto di dare capacitazione agli altri. Possedere questa abilità è una delle chiavi per raggiungere il successo personale e professionale. Lavorando con e attraverso le persone, sarei in grado di fare molto di più.

Secondo Maxwell, "potenziare significa influenzare ai fini della crescita personale e organizzativa". È condividere le esperienze per investire nella vita delle persone affinché possano dare il meglio di sé. È intravedere il loro potenziale condividendo le risorse e mostrando loro che si crede totalmente in loro".

Per riuscire a responsabilizzare gli altri, seguite questi passaggi:

  1. Valuta le persone;
  2. Sia un modello di comportamento;
  3. Lasci che abbiano successo;
  4. Delega l'autorità;
  5. Dimostra pubblicamente che vi fidate dei vostri collaboratori;
  6. Incoraggi;
  7. Lasci andare per conto loro.

Man mano che procedi nello sviluppo degli altri, scoprirai che molti aspetti della tua vita miglioreranno. Avrete più tempo per fare le cose importanti della vita e apporterà cambiamenti incredibilmente positivi nella vita di molte persone.

Altri libri su Leadership

Daniel Goleman, nella sua opera "Focus", afferma che ogni leader efficace deve focalizzare l'attenzione dell'azienda dove è più necessaria e produttiva. Prestate attenzione ai tuoi comportamenti e agli effetti delle tue azioni. La leadership richiede la conoscenza dei propri valori e la comunicazione della propria visione per ispirare e motivare gli altri.

Un altro lavoro che parla di leadership è la "The Leadership Pipeline". I suoi autori, Ram Charan, Stephen Drotter e Jim Noel, condividono l'idea che la leadership sia un insieme di abilità che possono essere apprese e devono essere praticate. È possibile farlo lavorando su 5 punti: consapevolezza di sé, autocontrollo, motivazione, empatia e capacità di socializzare in un gruppo.

Bill George, in "True North", sottolinea che i leader non raggiungono il successo da soli. Anche se tutti abbiamo delle insicurezze, alcuni sono più aperti di altri. Il ruolo del tuo team è quindi quello di fornirvi assistenza nelle situazioni di incertezza, di esservi vicino nei momenti di difficoltà e di festeggiare con voi i momenti di successo.

Va bene, ma come posso usare le strategie del “Leadership 101”?

Ogni leader alla fine si allontana dalla propria azienda in un modo o nell'altro. Può cambiare azienda, andare in pensione, cambiare posizione e altre opzioni.

Quindi, parte del lavoro di un leader è preparare le persone e l'organizzazione a ciò che accadrà dopo la sua partenza. Perché, come ha detto Chris Musgrove, "il successo non si misura da ciò che si è fatto, ma da ciò che si è lasciato".

In ultima analisi, la tua leadership non sarà misurata in base ai tuoi risultati personali o ai risultati del tuo  team o della vostra azienda. Sarà giudicata dal risultato del suo staff e della sua organizzazione dopo la sua partenza. Il valore duraturo sarà misurato dalla tua eredità.

Valuta il riassunto del libro “Leadership 101

Cosa ne pensate del lavoro di John Maxwell? Fateci sapere cosa ne pensate, così potremo offrirvi sempre il meglio!

Se volete approfondire l'argomento, potete approfittare e acquistare il libro cliccando sull'immagine qui sotto:

Libro Leadership 101

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!