Lungo Cammino Verso la Libertà - Nelson Mandela

Lungo Cammino Verso la Libertà - Nelson Mandela

Impara da uno dei più grandi leader morali e politici del mondo, Nelson Mandela, come la battaglia, la forza di volontà e il rispetto possono cambiare la tua vita.

La biografia "Lungo Cammino Verso la Libertà" racconta la storia di Nelson Mandela, che è stato il principale leader del movimento contro l' Apartheid e ha combattuto coraggiosamente per rovesciare il regime di segregazione razziale, aiutando il suo paese a conquistare i diritti civili.

Grazie alla sua eredità di lotta per la pace nel mondo e l'unità dei popoli, la società ha già fatto passi da gigante nella lotta al razzismo, attraverso il suo discorso sulla libertà e la dignità umana.

Eri interessato all'affascinante traiettoria di questo leader umanitario? Quindi continua a leggere il nostro riassunto e lasciati emozionare!

Sul libro "Lungo Cammino Verso la libertà"

Il libro "Lungo Cammino Verso la Libertà", dal titolo originale "Long Walk to Freedom", è stato pubblicato nel 1994 e tradotto nel 2012.

L'opera ritrae l'autobiografia di Nelson Mandela, dal giorno in cui è nato, fino alla data della sua insediamento come presidente del Sud Africa, nel 1994. Tutti questi 76 anni sono descritti sulla base dei suoi ricordi, rievocando eventi importanti con un'incredibile ricchezza di dettagli.

Ci sono anche dettagli che riportano la sua vita, l'istruzione e i tempi in cui è stato in prigione. Inoltre, affronta il progresso politico e l'ardua lotta per ricostruire la società segregata del paese, facendola ottenere un riconoscimento internazionale.

Tutto il contenuto è molto leggero e piacevole, facendo avvicinare e coinvolgere il lettore.

Circa l'autore Nelson Mandela

Nelson Mandela è laureato in giurisprudenza, è stato presidente del Sud Africa e leader del movimento contro l' apartheid.

Mandela ha anche scritto "Cartas da Prisão de Nelson Mandela", "A Cor da Liberdade - Os Anos de Presidência", "Conversas que Tive Comigo", tra gli altri.

Trattandosi di un lavoro biografico, durante l'analisi verranno presentati tutti i dettagli sull'autore.

Per chi è questo libro?

L'opera di Nelson Mandela, "Lungo Cammino Verso la Libertà", è l'ideale per te che ami ispirare biografie, responsabili dell'influenza di milioni di persone.

Inoltre, il contenuto è adatto a chiunque cerchi un esempio di valori, resistenza, integrità, resilienza e determinazione, contemplando esempi pratici di tutte le lotte e le conquiste di questo grande leader sudafricano.

Principali idee tratte dal libro "Lungo Cammino Verso la Libertà"

  • Il risveglio per la giustizia è iniziato nella sua infanzia in campagna;
  • La politica è iniziata a Johannesburg;
  • L' Apartheid è avvenuto dopo la promozione del Partito Nazionale al governo;
  • L'inizio della violenza da parte dei militanti è iniziato con le tattiche più dure messe in atto dal governo;
  • La lotta si intensificò proporzionalmente alla persecuzione di Mandela;
  • Mandela è stato arrestato e ha mantenuto la sua postura per 27 anni di prigione, mentre la violenza era eccessiva in tutto il paese;
  • I combattenti per la libertà hanno ottenuto il sostegno globale, inducendoli ad avviare negoziati con il governo;
  • Nelson Mandela è stato rilasciato e ha continuato il suo lavoro di negoziazione con il governo;
  • Mandela è diventato presidente del Sud Africa.

Panoramica: Infanzia e adolescenza

Nelson Mandela nacque in un piccolo villaggio in Sud Africa nel luglio 1918. Suo padre era il capo di una tribù e chiamò Mandela "Rolihlahla", che significa "piantagrane".

Quando suo padre morì, la sua famiglia lo mandò a vivere con il capo Jongintab. Frequentava spesso le riunioni tribali, conoscendo da vicino le sofferenze del suo popolo e assistendo alla denuncia sulla sovranità dei bianchi.

In generale, Mandela ha ricevuto una buona istruzione per un sudafricano, essendo il primo della sua famiglia ad andare a scuola. La scuola che frequentava era interamente britannica, lasciando da parte la popolazione nera e la cultura africana.

Secondo il libro "Lungo Cammino Verso la Libertà" nel 1937, dopo aver completato la certificazione Junior all' Healdtown College in due anni, si trasferì a l Fort Hare University College, dove iniziò a studiare legge, politica, inglese e antropologia.

Tuttavia, durante il secondo anno di scuola, Nelson Mandela è stato espulso per aver sostenuto un boicottaggio degli studenti al fine di ottenere una maggiore rappresentanza da parte degli studenti.

Panoramica: Inizio in politica

Nel 1941, Nelson Mandela si trasferì a Johannesburg e trovò lavoro come guardiano notturno in una miniera d'oro. Così iniziò un disagio interno, poiché la sua opinione era che le miniere andassero a beneficio solo dei bianchi e gli africani fossero ridotti in schiavitù.

Secondo Mandela nel suo libro "Lungo Cammino Verso la Libertà", Walter Sisulu è stato un ponte per il suo desiderio di avverarsi, perché è stato grazie a lui che ha ottenuto un nuovo lavoro in uno dei più grandi studi legali, mentre studiava legge all'Università dell'Africa meridionale.

In quel periodo, Nelson Mandela ha iniziato a partecipare alle riunioni dell' African National Congress (ANC), che mira a garantire la cittadinanza di tutti gli africani in Sud Africa e una speranza di cambiamento per il paese.

Così, ha acquisito un gusto per l'attivismo, partecipando efficacemente alle lotte per la cittadinanza. Inoltre, Mandela ha stretto strette amicizie con altri attivisti.

Panoramica: Introduzione all' Apartheid

Nel 1944, si unì alla Lega della Gioventù con il sostegno dell' ANC, il cui scopo era quello di ottenere più sostegno, poiché il Congresso era piccolo.

In mezzo a tutto questo, Mandela ha sposato per la prima volta l'infermiera Evelyn Mase.

Nel 1948, il Partito Nazionale salì al potere in Sud Africa e durante tutta la campagna il partito fece annunci a favore della segregazione. Quando ha preso il potere non è stato diverso, ha immediatamente preso una serie di misure per mettere in pratica il regime dell'apartheid.

Fu così che iniziarono le controversie. Secondo Mandela, un traguardo interessante è stato il 1950, considerato il National Day of Protest, che consisteva nel chiedere ai lavoratori di rimanere a casa a causa dell'atto annunciato dal governo che i gruppi razziali dovevano rimanere separati.

Questo atto è stato un successo e ha fatto aumentare (e notevolmente) il numero dei membri dell' ANC.

A causa della disobbedienza civile, la polizia ha rapidamente arrestato Nelson Mandela per la prima volta. Successivamente, lui ei membri dell'ANC sono stati nuovamente arrestati, processati e giudicati colpevoli di opposizione al governo. Tuttavia, la condanna a nove mesi è stata sospesa per mancanza di prove.

Nel 1952, Nelson Mandela fondò il suo studio legale per aiutare gli africani. Ogni volta che è comparso in tribunale, è stata una sfida. Ciò ha indotto il governo a vietare la sua partecipazione alla corte.

Nelson Mandela riferisce nel suo libro "Lungo Cammino Verso la Libertà" che lui e Walter Sisulu credevano che una delle alternative per affrontare le leggi sempre più dure stabilite sarebbe stata attraverso la violenza.

Panoramica: Inizio della violenza e della persecuzione

La polizia aveva già iniziato a trattenere Nelson Mandela e in un primo momento lo aveva rimosso dalla politica. Nel 1956, fu arrestato (insieme a molti altri leader della campagna anti-governativa) da agenti di polizia, i quali sostenevano che Nelson Mandela aveva pianificato atti violenti nelle campagne di difesa.

Con il progredire del processo giudiziario, i conflitti esterni erano in pieno svolgimento. Nel 1960, la polizia uccise 69 e ferì più di 400 persone durante la tragedia di Sharpeville. Ciò ha scatenato le proteste nazionali, inducendo il governo a dichiarare lo stato di emergenza.

Subito dopo, il processo giudiziario è migliorato e gli imputati sono stati assolti perché le prove erano insufficienti.

Pertanto, il dibattito sulla violenza all'interno dell' ANC è stato atteso da tempo. In un incontro segreto con altri membri dell' ANC, Nelson Mandela ha informato che la violenza sarebbe diventata la norma.

Come spiegato nella biografia "Lungo Cammino Verso la Libertà", ha formato un'organizzazione militare per combattere il governo, chiamata MK.

Così, hanno iniziato a prepararsi. Si trasferirono alla fattoria Liliesleaf, dove fungeva da nascondiglio e campo di addestramento. L'idea del gruppo era quella di sabotare edifici governativi, centrali elettriche e obiettivi simili, annunciando l'arrivo del parlamentare e cogliendo di sorpresa il governo.

Panoramica: L'arresto di Nelson Mandela

Nelson Mandela racconta nella sua opera "Lungo Cammino Verso la Libertà" che in mezzo a tutto questo, il governo era ansioso di prenderlo. E ciò accadde il 5 agosto 1962, quando stava tornando alla fattoria Liliesleaf dopo un incontro segreto del parlamentare europeo.

Ha cercato di difendersi, ma il giudice lo ha condannato a 5 anni di carcere senza condizionale ed è stato inviato a Robben Island.

Dopo molti testimoni del governo e indagini, Nelson Mandela è stato giudicato colpevole sotto tutti i punti di vista, e tutto si è concluso con la sua pena di morte.

Tuttavia, le Nazioni Unite hanno ordinato l'amnistia per tutti coloro che si opponevano all'apartheid, facendo sì che la sua condanna finale si traducesse in ergastolo a Robben Island.

La vita sull'isola era molto desolante, aveva sistemi di visita rigorosi e molte cose venivano censurate, come notizie di politica, libri e riviste.

Nel frattempo, la situazione esterna è solo peggiorata, con conseguente aumento del numero di proteste e militanti in tutta l'Africa.

Nel 1976, la polizia massacrò gli studenti durante le manifestazioni a Soweto, e quel massacro e l' Apartheid si riverberarono in tutto il mondo, provocando grande furore nei media globali e nazionali.

Panoramica: Spiriti eccitati e le prime trattative

All'inizio degli anni '80, gli spiriti si surriscaldavano sempre di più e tutto era fuori controllo. C'è stato un aumento significativo del numero di neri che lottano per la libertà, nuovi gruppi di militanti e la popolarità dell' ANC.

A quel tempo, i conflitti erano costanti e la violenza era in corso da tutte le parti. Con ciò, Nelson Mandela ha visto la necessità di negoziare con il governo, poiché l' ANC aveva già dichiarato che non avrebbe negoziato con un regime razzista.

Il primo passo nella trattativa è avvenuto nel 1986, quando Mandela ha chiesto un incontro con il ministro della Difesa e, con sua sorpresa, è stata accettata. Dopodiché, è stato portato a casa del ministro.

Ma le cose iniziarono a funzionare solo nel 1988, quando la situazione era caotica, e il governo vide che non aveva altra scelta che ricorrere a trattative con Mandela.

Inizia così una serie di incontri segreti tra Nelson Mandela e il comitato dei funzionari governativi. Nel 1989, secondo il libro "Lungo Cammino Verso la Libertà", ebbe luogo l'incontro tra il nuovo presidente e Nelson Mandela, con l'intenzione del capo dello stato di ascoltare cosa aveva da dire Mandela per promuovere la pace.

Panoramica: L'inizio della speranza

Mesi dopo l'incontro, è stato decretato che Nelson Mandela sarebbe stato rilasciato, così come tutti gli arrestati per attività non violente, al fine di promuovere la pace.

Dopo 27 anni di prigione, Nelson Mandela è stato in grado di generare l'impulso per la libertà dei neri di cambiare improvvisamente con grande velocità. Ma c'erano ancora molti ponti da attraversare per porre fine alla violenza e iniziare la riconciliazione.

Secondo Nelson Mandela nella sua biografia "Lungo Cammino Verso la Libertà", i nazionalisti hanno emesso un decreto di emergenza e l' ANC, in trattative con il governo, ha approvato la sospensione del combattimento armato contro il governo dell' Apartheid. Successivamente, Nelson Mandela è stato eletto presidente dell' ANC.

I passi successivi sono stati compiuti attraverso negoziati formali con il governo, che hanno permesso all'ANC di acquisire un'importanza e una rappresentanza significative nel gabinetto. Conosci la conseguenza di questo? ANC e Partito Nazionale lavorano fianco a fianco.

Nelson Mandela ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 1993, con Klerk, allora presidente del Sud Africa.

Il 27 aprile 1994, l' ANC ha vinto il 62, 6% dei voti alle elezioni presidenziali e Mandela ha assunto la presidenza fino al 1999.

Il lavoro è continuato, facendo passi coraggiosi e abbattendo le barriere. Secondo Nelson Mandela l'obiettivo iniziale non è stato ancora raggiunto, ma la voglia di essere liberi e di non essere oppressi è stata vinta.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel libro "Developing The Leader Within You 2.0", dell'autore John Maxwell, Mandela è citato come esempio e riferimento di una personalità di influenza basata sul rispetto, e ha molti seguaci a causa dei valori che ha.

John Maxwell menziona anche Nelson Mandela nel suo libro "Le 21 Leggi Fondamentali del Leader", nella seconda legge sull'influenza. L'autore afferma che i leader sono in grado di influenzare le persone che li circondano, per le loro cause e per i loro obiettivi.

Infine, una storia di autobiografia molto simile a quella di Nelson Mandela è quella di Mahatma Gandhi, riportata nel libro "Autobiografia: - Mohandas Gandhi". I due avevano tratti simili, come una leadership ammirevole, la lotta per i diritti civili e il compromesso.

Inoltre, entrambi hanno affrontato nemici odiosi, ma Gandhi non era d'accordo con Mandela per il sostegno alla nonviolenza.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

In tutta la biografia di Nelson Mandela, ci presenta indirettamente vari modi di guardare agli ostacoli e come esercitare una leadership efficace.

Sulla base dei suoi discorsi e delle sue azioni durante la sua vita, Nelson Mandela dimostra che dobbiamo tenere i nostri avversari vicini a noi e che il coraggio è molto più della semplice mancanza di paura.

Riuniamo le due principali lezioni di leadership, insegnate negli frasi di Nelson Mandela nel suo lavoro "Lungo Cammino Verso la Libertà":

  1. È necessario offrire autonomia nei momenti giusti. Durante gli incontri Mandela è sempre stato l'ultimo a parlare, ha sintetizzato le opinioni di tutti e le ha unite alle sue idee, indirizzando tutti verso un obiettivo prefissato;
  2. Lo scopo non deve essere solo diretto a te, è necessario pensare a come le azioni influenzano gli altri in tutti gli scenari.

Infine, Nelson Mandela lascia l'eredità di essere stato un uomo di gesti e dimostra che caratteristiche come speranza, impegno e determinazione sono essenziali per vincere, anche in un mondo ineguale!

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Lungo Cammino Verso la Libertà"?

Ci auguriamo che la nostra sintesi vi sia piaciuta e che possiate applicare il consiglio dell'autore, Nelson Mandela, alla vostra vita. Lascia la tua opinione nei commenti, perché il tuo feedback è molto importante per noi!

Inoltre, per saperne di più sul contenuto, acquista il libro cliccando sull'immagine sottostante:

Libro 'Lungo Cammino Verso la Libertà'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!