Managing the Millennials - Chip Espinoza, Mick Ukleja

Managing the Millennials - Chip Espinoza, Mick Ukleja

Scopri in questo riassunto tutti i segreti sulla gestione delle aziende del futuro e su come collegare la forza lavoro in crescita con piani e idee pertinenti alla tua organizzazione.

Stai seguendo l'arrivo di nuove tecnologie e modernità in campo organizzativo?

Stiamo vivendo un'era chiamata "Generazione Millennials". Pertanto, le tecniche di gestione arcaiche non si adattano ai progetti attuali dei manager di successo.

Impara, in questo riassunto del libro "Managing the Millennials" di Chip Espinoza e Mick Ukleja, come affrontare il gap generazionale e come puoi essere più proattivo generando prestazioni migliori e risultati maggiori.

Sul libro "Managing the Millennials"

"Managing the Millennials" è stato pubblicato nel 2010 dall'editore Wiley.

Il libro di Chip Espinoza e Mick Ukleja spiega le competenze necessarie per una buona gestione e svela tutti i misteri che toccano un'azienda di successo e un'organizzazione di eccellenza.

Circa gli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja

Chip Espinoza è il coautore di "Managing the Millennials: Discover the Core Competencies for Managing Today's Workforce", "La generazione di millennial che riesce: come superare le percezioni sul posto di lavoro e diventare un grande leader" e "Una generazione del millennio: La 7 competenze ogni vent'anni - Qualcosa deve superare gli ostacoli e raggiungere la grandezza nel lavoro".

È anche il direttore accademico dei programmi di leadership senza scopo di lucro e di psicologia organizzativa della Concordia University Irvine.

Mick Ukleja è CEO di LeadershipTraq, presidente del consiglio di amministrazione di N. A. S. A. e autore di libri volti all'auto-miglioramento e alla gestione aziendale.

È il fondatore dell' Ukleja Center for Leadership Training presso l'Università della California e consulente di leader e imprenditori nell'area della gestione e dell'imprenditorialità.

Per chi è questo libro?

Il libro "Managing the Millennials" degli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja è adatto a leader e manager che vogliono apprendere le competenze necessarie per una buona leadership, sfruttando le tecnologie e gestendo un'organizzazione con qualità.

Principali idee tratte dal libro "Managing the Millennials"

  • La generazione millenials ha un nuovo modo di lavorare;
  • Il buon manager deve avere la capacità di astenersi dai propri pregiudizi;
  • Adattamento, comunicazione e previsione sono le competenze necessarie per un buon manager;
  • Influenzare direttamente la motivazione dei dipendenti aiuta a migliorare le prestazioni;
  • La generazione Y valorizza l'autoespressione e l'informalità;
  • Le relazioni sono importanti per la generazione del millennio;
  • La generazione innovativa vuole sapere il perché delle cose;
  • Costruire una cultura amichevole con la generazione del millennio è un modo per garantire un vantaggio competitivo.

Panoramica: Una generazione innovativa

Spesso troviamo persone molto più giovani che ricoprono posizioni importanti nelle aziende. Questa nuova generazione di lavoratori si chiama "Generazione Y".

È composto da giovani che hanno prestazioni e produttività elevate, utilizzano internet come strumento professionale, tengono conto del lavoro di squadra e vedono la diversità come parte della loro vita.

Leader e manager spesso non sono preparati a trattare con questo pubblico, il che a volte porta a divergenze di opinione e prestazioni indesiderate.

Nel libro "Managing the Millennials", gli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja spiegano alcune teorie che possono essere fonti illuminanti per i leader quando si tratta di cambiare il comportamento aziendale nell'organizzazione. Tra questi possiamo citarne 3:

  1. Teoria della maturazione: Questa teoria ha a che fare con le fasi naturali di maturazione della vita di un individuo.
  2. Teoria generazionale: Si riferisce a valori, comportamenti e pensieri formati in base alla generazione in questione.
  3. Teoria del corso della vita: La teoria del corso della vita è un'implementazione del corso generazionale in cui è necessario cercare ciò che il libro chiama "effetto di coorte". Questi effetti possono essere spiegati come eventi importanti, un messaggio, un fatto, una situazione storica in cui hanno influenzato la formazione del pensiero di una persona o di una generazione.

Imparare dalla nuova generazione

Per gli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja, iI leader deve imparare a confrontarsi con la generazione Y. Per questo, due caratteristiche sono fondamentali:

  1. Essere in grado di iniziare una relazione;
  2. Abbi pazienza per stabilire le aspettative.

In tutto il libro "Managing the Millennials", gli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja spiegano l'importanza di un manager adattivo. Quest'ultimo sa affrontare le differenze e porta dentro di sé la facilità di bandire i propri pregiudizi, sia in relazione all'esperienza nel mercato che in qualsiasi altro ambito dell'ambiente di lavoro.

Sono in grado di istigare il dipendente a fare del suo meglio e, soprattutto, crea sussidi per questo.

Tuttavia, c'è il manager noto come sfidato. Quest'ultimo è insicuro, esigente e lotta costantemente per mostrare e riaffermare la sua autorità posizionale.

Inoltre, considerano la Generazione Millennials una minaccia per il successo personale e professionale dell'azienda.

Tra tanti problemi e difficoltà incontrate, qual è veramente il punto di tensione tra i manager e questa nuova generazione?

Inizialmente, è il fatto che questa generazione sta raggiungendo la maggioranza all'interno delle organizzazioni, costringendo così un cambiamento dal vecchio standard e una nuova riformulazione delle regole, degli standard e dei valori già stabiliti.

Accettare un "dipendente del Millennio" non è stato un compito facile per i senior manager. Gli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja menzionano tre abilità necessarie per avere una buona relazione e quali sono le abilità essenziali per quella relazione. Sono loro:

  1. Adattamento;
  2. Comunicazione;
  3. Predizione.

L'adattamento è la capacità di accettare ed essere disponibili al nuovo, la comunicazione è l'atto di costituire un legame relazionale per evitare conflitti emotivi e favorire lo scambio di esperienze.

La previsione, invece, è quella di avere una visione ampia al punto da individuare possibili disturbi nell'ambiente di lavoro e aiutare questa generazione a conquistare tutta la scala del successo.

Ci stai? Che tipo di leadership sei stato?

Panoramica: La nuova visione di questa generazione

La generazione Y è ricca di modifiche rispetto alla generazione precedente. L'idea di valori, la conoscenza del mondo, la riflessione sull'importanza del lavoro sono alcuni esempi di concetti divergenti.

In campo professionale apprezzano un'attività significativa e piacevole. Sono persone aperte al cambiamento ed estremamente relazionali.

Una caratteristica naturale del gruppo Y, per gli autori Chip Espinoza e Mick Ukleja, è l'autonomia. Un altro punto di shock tra dipendenti e management.

Il gruppo Millennials vede la gestione costante dei propri atteggiamenti come una mancanza di fiducia e, per loro, questo crea un problema nello svolgimento delle attività nell'organizzazione.

Tuttavia, è necessario comprendere l'importanza dell'innovazione nel reclutare dipendenti di questa generazione.

Comprendi che le preoccupazioni per gli affari e le assunzioni non sono solo da parte della leadership. I giovani hanno a cuore la libertà di scegliere le azioni professionali e la ricerca della comprensione dei superiori riguardo alla vita personale.

Menti creative

La generazione Y è entusiasta e creativa, apprezza l'espressione di sé e vuole fare la differenza nel mondo.

Che la mente creativa gestisca meglio la risoluzione dei problemi è un dato di fatto. Tuttavia, è anche molto facile sviluppare la noia, soprattutto per quanto riguarda i carichi di lavoro e le attività ripetitive.

Migliorare alcune pratiche di gestione può essere la chiave per affrontare questi problemi e un suggerimento chiave è mettere questi dipendenti in sfide costanti attraverso le quali possono dimostrare le loro capacità e competenze nel loro complesso.

Valorizza le nuove idee

La generazione Millenials apprezza il feedback positivo, per Chip Espinoza e Mick Ukleja. L'atto di leadership che si prende cura delle tue idee e cerca di capirle è un'importante fonte di ispirazione.

E non solo quello. A questi giovani piace l'attenzione e ha a che fare con il coinvolgimento.

Se tu, il leader, hai qualche difficoltà con questo, inizia decentralizzando le tue esperienze personali e cerca di capire la conoscenza del mondo dell'altro. Mostrati curioso di conoscere le idee.

In questo modo, contribuisci direttamente alla crescita personale e professionale dei dipendenti e dell'organizzazione nel suo complesso.

Panoramica: Fai attenzione ai tuoi atteggiamenti

La generazione Y ha difficoltà ad accettare le critiche.

Come vogliono sottolineare nelle loro attività, il semplice fatto di sbagliare destabilizza questa tipologia di dipendenti. Alcuni atteggiamenti del leader fanno la differenza nel ritrovare l'equilibrio emotivo.

Quando qualcosa non va bene o quando arrivano critiche, è normale che il gruppo Y ne voglia sapere il motivo. Hanno bisogno di spiegazioni non solo per riconoscere l'errore, ma anche per vedere che c'era un errore lì.

Avere la difensiva come caratteristica è qualcosa di comune in questa generazione.

Ma come si può cambiare questo?

Tieni presente che rompere le barriere è procedurale.

Un altro modo per disinnescare la difensiva è la sincerità. La leadership deve imparare ad assumere gli errori.

Il libro "Managing the Millennials" ricorda che spesso lo scarso rendimento dei giovani è dovuto al sovraccarico o all'inserimento in aree inadatte alle loro funzioni e assumendosi colpe che non dovrebbero avere.

Riconosci i tuoi errori e cambia alcuni atteggiamenti

Comprendi che l'errore spesso non è nei tuoi subordinati, ma in te, il leader. È vostra responsabilità sapere come reclutare la generazione del millennio e determinare a ciascuna il ruolo che è appropriato per loro.

Non allarmarti se il tuo dipendente ti chiama per nome. La generazione Y è a favore dell'informalità.

Gestiscono meglio le relazioni basate sulla fiducia e sull'amicizia e sanno come rispettare un'autorità se è costruita su quelle fondamenta.

Ebbene, la generazione Y apprezza la semplicità. Ma capisci: le piace la semplicità ma non è semplicistica, riduzionista e molto meno basilare.

Se hai intenzione di tenere sotto controllo la tua azienda e impegnati i dipendenti della nuova generazione, fuggi dall'ambiguità.

Mick Ukleja e Chip Espinoza rivelano nel libro "Managing the Millennials" che il leader sfocato, mirato e influente riflette un'immagine carica di indecisione e insicurezza.

Attento! Questa nuova generazione non la affronta molto bene... Poiché sono individui che hanno paura di prendere decisioni sbagliate, cercano nel leader la forza necessaria per svolgere i loro compiti con maestria.

La generazione Y è multitasking.

Affinché questo funzioni davvero e porti grandi risultati all'organizzazione, è necessario adattare lo stile di gestione, che questa volta deve essere focalizzato sul team di dipendenti invece di essere al centro della volontà del leader.

Come analizzi la tua generazione millenials di manager?

Per il libro "Managing the Millennials" di Chip Espinoza e Mick Ukleja, il modo in cui trattano la squadra fa la differenza.

Presta attenzione al modo in cui partecipano alle riunioni e, soprattutto, a come le informazioni vengono trasmesse ai dipendenti.

La partecipazione di almeno un giovane millennio durante le conversazioni manageriali è importante. Possono facilmente fornire informazioni importanti sul reclutamento, sulla politica e persino sulla struttura organizzativa dell'azienda in questione.

La chiave per risolvere le difficoltà e le tensioni con la generazione Y è costruire una cultura che sia amichevole con il millennio. In ogni caso, a supporto di questo punto, è stato creato un inventario dei rapporti generazionali, il cosiddetto GRI.

Questo è uno strumento per avvantaggiare i manager, facilitare l'adattamento a questo nuovo pubblico ed essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.

È anche responsabile dell'analisi del pensiero, del comportamento e della percezione. In questo modo aiutano i manager che hanno bisogno di rinnovare le loro conoscenze, così come è utile per chi sperimenta qualche attrito o divergenza di opinioni con i giovani del millennio.

Per questo è fondamentale promuovere e comprendere le principali competenze di questa generazione. Sono loro:

  • Equilibrio tra vita personale e lavoro;
  • Ricompensa;
  • Espressione di se;
  • Dritta;
  • Realizzazione;
  • Informalità;
  • Semplicità;
  • Multitasking;
  • Senso.

Restate sintonizzati per questi suggerimenti. La generazione Y ti sta aspettando.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Secondo l'autrce Angela Miguel, nel libro "Aprenda Liderança com La Casa de Papel", lo scopo è la caratteristica più forte che determina i leader ed è da esso che si hanno le spiegazioni per le decisioni e per il destino.

I leader ispiratori condividono valori, esperienze, etica e idee, anche se ci sono differenze tra loro.

Ed Catmull, autore del libro "Verso la Creatività e Oltre", consiglia: dai sempre più preferenza alle persone che alle idee, perché le persone creative creano buone idee, ma le buone idee possono essere distrutte da cattive squadre.

Nel lavoro "L'Ottava Regola", Stephen R. Covey afferma che il leader deve ispirare fiducia e senza di essa non c'è efficacia nei progetti.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

  • Reclutare le persone migliori è la chiave del vantaggio competitivo;
  • Modifica la tua squadra, ma prima di tutto cambia il modo in cui la gestisci;
  • Il manager efficace cerca soluzioni e reclamo contestato. Sii consapevole di questa differenza;
  • L'esperienza non riguarda l'età, ma la costruzione. Sii disponibile all'apprendimento;
  • Valorizza le capacità del giovane millennio. Non sottovalutarlo, sopravvalutarlo;
  • Disarmare la difensiva della generazione. Chiedi una critica costruttiva;
  • Riafferma la relazione. Scappa dalla distanza. Un leader saggio crea una generazione fiduciosa.
  • Non essere dipendente dalle scuse. Prendi la tua colpa;
  • Esercita la tua autorità in modo efficiente. Valorizza l'informalità. Sii amico del tuo dipendente.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Managing the Millennials"?

Siamo curiosi di conoscere la tua opinione circa il libro "Managing the Millennials". Diteci nei commenti cosa ne pensate di questo riassunto.

Oh, e se vuoi conoscere tutti i dettagli di questo spettacolare lavoro di Chip Espinoza e Mick Ukleja, clicca sull'immagine.

Libro 'Managing the Millenials'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!