Nonviolent Communication - Marshall B. Rosenberg

Nonviolent Communication - Marshall B. Rosenberg

La felicità e la realizzazione sono anche nel modo in cui comunichiamo. Impara come uscire dall'amarezza e impara a comunicare con rispetto, empatia e senza essere violento!

Se sei una persona con la memoria corta e non sai come comunicare nei momenti di stress o di sorpresa, questo riassunto del libro "Nonviolent Communication", dell'autore Marshall B. Rosenberg, è fatto per te!

Se sei troppo stressato, sappi che potresti ferire le persone con le tue parole e anche attraverso loro ferire te stesso.

Si scopre che dobbiamo essere preparati ad affrontare i più diversi tipi di situazioni e soprattutto le persone. Per promuovere il rispetto, l'attenzione e l'empatia, dobbiamo sapere come comunicare e trattare gli altri.

Inoltre, avere competenze linguistiche e comunicative è fondamentale per ricordare sempre la natura dell'essere umano.

Sul libro "Nonviolent Communication"

"Nonviolent Communication: A language of life" è stato pubblicato nel 2006 dall'autore Marshall B. Rosenberg. Il libro consiste di 360 pagine divise in 13 capitoli.

Questo bestseller internazionale parla degli aspetti delle interazioni sociali, della comunicazione e racconta storie emozionanti mentre trasmette la conoscenza dell'autore.

Circa l'autore Marshall B. Rosenberg

Marshall B. Rosenberg (1934-2015) è stato uno psicologo, ha ottenuto un dottorato in Psicologia Clinica presso l'Università del Wisconsin. Marshall ha fondato il Center for Nonviolent Communication (CNC), educando vari professionisti, come uomini d'affari, guardie, dipendenti pubblici e prigionieri.

È anche autore di diversi libri come "Il linguaggio della pace in un mondo di conflitti", "Crescere i bambini in modo compassionevole", tra gli altri. L'autore ama lavorare su temi come la nonviolenza e l'empatia, promuovendo così la sua cultura di pace.

Per chi è questo libro?

A tutti coloro che hanno bisogno di migliorare la loro comunicazione con gli altri, allontanando i pensieri violenti e ottenendo più pace e felicità.

Principali idee tratte dal libro "Nonviolent Communication"

  • Conoscere i propri sentimenti in situazioni insolite aiuta a controllare in futuro;
  • Non esprimere i sentimenti e serbare rancore nuoce alla salute;
  • Dare giudizi errati è una specie di travisamento;
  • L'onestà e l'empatia aiutano a mantenere una comunicazione più efficace;
  • Dobbiamo perdonare gli altri e soprattutto noi stessi;
  • Per Marshall Rosenberg, ognuno è responsabile delle proprie azioni, pensieri e sentimenti;
  • Responsabilizzare le situazioni intense delle persone può scongiurare il potenziale rischio di violenza;
  • L'esagerazione dell'autocritica ci impedisce di vedere la bellezza che abbiamo dentro di noi.

Ci stai?

Dal profondo del mio cuore

Secondo Marshall Rosenberg, la comunicazione nonviolenta consiste in "abilità di linguaggio e comunicazione che rafforzano la nostra capacità di rimanere umani anche in condizioni avverse".

La comunicazione nonviolenta ti aiuta a diminuire le posture offensive e le reazioni violente attraverso la compassione. Inoltre, mira a promuovere il rispetto, l'attenzione, l'empatia e a generare il desiderio di arrendersi dal cuore.

Quando usi la comunicazione nonviolenta, devi esprimersi chiaramente, tenendo conto dei tuoi sentimenti, dei tuoi bisogni e di ciò che osservi e chiedi.

Ti permette di essere in uno stato di naturale compassione per tu stesso e per gli altri. L'approccio diventa efficace a vari livelli di comunicazione e a vari tipi di relazioni. Anche la comunicazione nonviolenta fornisce profondità e affetto nelle relazioni intime.

La comunicazione che blocca la compassione

Marshall Rosenberg condanna il senso di colpa, l'insulto, la svalutazione, l'etichettatura e altri aspetti negativi che denigrano e confrontano le persone tra loro.

Marshall Rosenberg cita Dan Greenburg, che dice che:

"L'atto del pensiero comparativo può avere su di noi la possibilità di una vita infelice in futuro".

Tali pensieri valutativi possono disturbare la pietà o la compassione attribuita a se stessi e agli altri.

Secondo Rosenberg, usare espressioni che negano la nostra responsabilità personale, come "Devo fare questo" o "Mi fai sentire colpevole" ti allontana solo dalla verità che tu stesso sei responsabili dei tuoi pensieri, sentimenti e atti.

Pretendere di essere soddisfatti comunque è anche una minaccia che genera il blocco della compassione, sostiene l'autore. Questo perché a lcune azioni possono risultare in ricompense, ma altre in punizioni.

Osservare senza giudicare

Quando se guarda l'un l'altro, non devi aggiungere o giudicare nessuno dalla nostra esperienza, poiché l'altro ha vissuto qualcosa di diverso. Questo atto può influenzare la tua vita ed il tuo benessere così come il suo.

Secondo Marshall Rosenberg, l'osservazione valutativa rende meno probabile che gli altri sentano il messaggio che vogliamo trasmettere.

Secondo il filosofo indiano J. Krishnamurti:

"Osservare senza valutare è la più alta forma di intelligenza umana".

Questo può non essere un compito facile perché sei portato a "giudicare il libro dalla copertina".

Tuttavia, lasciare andare questo precetto ci toglie anche dai legami della società che ti privano di vivere tranquillamente senza giudicare nessuno o essere giudicati.

Identificare ed esprimere i sentimenti

Secondo Marshall Rosenberg, se vive in un mondo in cui i sentimenti non sono sempre considerati importanti. Se guarda troppo l'un l'altro e dimentichiamo di guardare il tuo stato emotivo e questo finisce per costarci caro.

La vita sarebbe più semplice e utile se puoi esprimere correttamente e parlare di ciò che senti veramente.

Devi esprimerti in accordo con i tuoi sentimenti e quindi cercare il modo più chiaro per trasmetterli, rendendo chiaro se le nostre aspettative vengono soddisfatte o meno.

Assumere la responsabilità dei nostri sentimenti

Possiamo scegliere come rispondere a ciò che gli altri dicono e fanno, secondo Marshall Rosenberg:

"Ciò che gli altri dicono e fanno può essere il nostro stimolo, ma mai la causa dei nostri sentimenti".

L'insoddisfazione per qualche area della tua vita può essere il motivo del giudizio negativo e della critica dell'altro. Queste sono tutte espressioni che sono associate ai tuoi bisogni.

Generalmente, quando sentiamo una critica, tendi a investire la tua energia in autodifesa e contrattacco.

Secondo Marshall Rosenberg, scoprire che sei responsabile dei sentimenti degli altri corrisponde alla schiavitù emotiva. In questo modo, tendi a vedere le persone più vicine a te come dei pesi.

Chiedere ciò che arricchirà la nostra vita

Quando i tuoi bisogni non vengono soddisfatti, è meglio trovare un modo per parlare/chiedere all'altro in modo che capisca di cosa abbia bisogno.

Quando si fa una richiesta a qualcuno, usare un linguaggio positivo e chiaro su ciò che si vuole, sia per esprimere un certo disagio sia per non dare erroneamente per scontato che chi ascolta abbia capito la richiesta.

Quando ti esprimi apertamente con qualcuno, c'è spesso l'ansia di sapere cosa l'ascoltatore sta provando, pensando o volendo fare.

Marshall Rosenberg dice che la comunicazione nonviolenta non è uno strumento appropriato per cambiare le persone e il loro comportamento. Tuttavia, richiede un cambiamento nel proprio comportamento. L'obiettivo di comunicazione nonviolenta è di stabilire una relazione basata sull'empatia e la sincerità.

Ricevere con empatia

Secondo il filosofo cinese Chuang-Tzu, "la vera empatia richiede l'ascolto di tutto l'essere: Ascoltare con le orecchie è una cosa, ascoltare con l'intelletto è un'altra".

L'empatia si verifica solo quando ci liberiamo di tutte le idee preconcette e dei giudizi sugli altri. Dovremmo ascoltare le osservazioni, i sentimenti e i bisogni degli altri indipendentemente dalle parole che usano per esprimersi.

Possiamo poi chiedere all'altra persona la conferma di ciò che ha detto e dargli il tempo di riflettere su ciò che ha detto come un' opportunità per immergersi in se stesso.

Secondo Marshall Rosenberg, dobbiamo fare attenzione quando inviamo un messaggio, perché nella fretta possiamo dare l'idea di non avere interesse per i suoi sentimenti e bisogni.

Se non riuscì ad entrare in empatia nonostante i tuoi sforzi, questo è di solito un segno che sei troppo privi di empatia per essere in grado di offrire agli altri.

Il potere dell'empatia

Carl Rogers dice:

"È incredibile come i problemi che sembrano insolubili diventino solubili quando qualcuno ascolta, quando qualcuno non giudica, cerca di assumersi la responsabilità della persona senza cercare di plasmarla".

Secondo Marshall Rosenberg:

"Quando entriamo in empatia con gli altri, diventa più facile perché allora avremo toccato la loro umanità e realizzato le qualità che condividiamo".

Secondo Marshall Rosenberg, offrire empatia a persone in situazioni intense può scongiurare il potenziale rischio di violenza. D'altra parte, la nostra solidarietà può essere negata.

In questo caso, se la prendi sul personale quando senti un no, puoi sentirti feriti e perdere la possibilità di sapere cosa sta realmente accadendo all'altra persona.

Connettersi compassionevolmente con noi stessi

La comunicazione non violenta influenza ogni area della nostra vita, ma la più rilevante è il modo in cui trattiamo noi stessi. Essere troppo autocritici, per esempio, ti impedì di vedere la bellezza che hai dentro di te e di perdere la connessione con l'energia divina che è la tua origine.

Marshall Rosenberg dice che le persone si valutano, censurano quotidianamente le loro cattive azioni e soffrono in anticipo. Queste azioni creano una trama di odio contro te stesso. Tuttavia, devi tenere a mente che i tuoi errori servono solo per imparare grandi lezioni da essi.

Quando hai empatia, puoi perdonare te stesso. Sei in grado di riconoscere che la tua scelta era un tentativo di sopravvivere, anche se il processo di lutto ci ha mostrato che non ha funzionato molto bene.

Le situazioni stesse della vita a volte cercano di incolpare, e questo può influenzarci negativamente. Dato questo, non bisogna arrabbiarsi e cercare sempre di prendersi cura di se stessi.

Una forma importante di autocommiserazione, secondo Marshall Rosenberg:

"È fare scelte motivate dal nostro desiderio di contribuire alla vita, non dalla paura, dal senso di colpa, dalla vergogna, dal dovere o dall'obbligo".

Esprimere pienamente la rabbia

"Dovremmo liberare la nostra mente dai pensieri che associamo ad altre persone quando ci sentiamo arrabbiati, perché quel tipo di pensiero ci fa esprimere la nostra rabbia in modo superficiale, incolpando o punendo l'altra persona".

Secondo la "Comunicazione Nonviolenta", il primo passo per esprimere la rabbia è capire che nessuno è responsabile del vostro sentimento di rabbia se non te stesso.

Le azioni di terzi possono essere stimolanti per ciò che senti, ma non sono la causa del tuo sentimento buono o cattivo. La causa, a tua volta, è legata a pensieri, idee di colpa e giudizi.

Marshall Rosenberg fornisce quattro passi per permettervi di esprimere pienamente la vostra rabbia:

  1. Fermarsi e respirare;
  2. Identificare i nostri pensieri che stanno giudicando le persone;
  3. Collegarci ai nostri bisogni;
  4. Esprimere i nostri sentimenti e bisogni insoddisfatti.

L'uso della forza per proteggere

Secondo Marshall Rosenberg, la vera intenzione dell'uso della forza è quella di eliminare certi giudizi, privilegi e ingiustizie che possono esistere nella nostra vita quotidiana e nella società. Consiste nel proteggere, non nel condannare, incolpare o punire.

Nel suo lavoro, dice che difficilmente potremmo ottenere ciò che vogliamo se usassimo la forza per cambiare il comportamento delle persone. Se hai questo tipo di atteggiamento, ti consiglia di fermarvi e chiedervi:

  • "Domanda 1: Cosa voglio che questa persona faccia?"
  • "Domanda 2: Quali ragioni ho perché questa persona faccia questo?".

Liberare noi stessi e consigliare gli altri

Abbi molti apprendimenti culturali radicati che possono aiutarti o addirittura ostacolare, creando così un blocco.

Liberarsi richiede molta energia e consapevolezza per trasformare l'apprendimento distruttivo in pensieri e atteggiamenti positivi.

Secondo la "Comunicazione Nonviolenta", il tuo dialogo interno è impregnato di giudizi, il che ci rende alienati da ciò di cui abbia bisogno. Di conseguenza, si sviluppa la depressione, che ti impedì di agire per soddisfare realmente i tuoi bisogni.

L'uso della comunicazione non violenta ti aiuta a creare uno stato d'animo più tranquillo, sia per incoraggiare e concentrarsi su ciò che vuoi, sia per smettere di essere sopraffatti.

Marshall Rosenberg afferma che attraverso la comunicazione nonviolenta, piuttosto che interpretare le persone e i professionisti come indicato dalla psicoterapia, si deve prima entrare in empatia con loro e creare relazioni che siano reciproche e autentiche.

Esprimere apprezzamento nella comunicazione nonviolenta

"Nonviolent Communication" presenta le tre componenti più importanti quando esprimiamo apprezzamento:

  1. Le azioni che hanno contribuito al nostro benessere;
  2. I bisogni specifici che sono stati soddisfatti;
  3. I sentimenti piacevoli generati dalla soddisfazione di questi bisogni.

Secondo Marshall Rosenberg, la comunicazione nonviolenta ti incoraggia a ricevere l'apprezzamento con la stessa qualità empatica con cui ti esprimi. Ricevi ed esprimi te stesso in modo empatico, anche se la maggior parte dei complimenti potrebbe non essere di buona volontà.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Come Marshall Rosenberg, Gandhi, la cui storia è raccontata nel libro "Mahatma Gandhi: Autobiografia", aveva tratti come una leadership ammirevole, la lotta per i diritti e l'impegno, il sostegno alla non violenza.

Secondo Stephen Covey in "L'Ottava Regola", una persona con un alto QE sa cosa dire al momento giusto, come sentirsi e come esprimere i propri sentimenti. Ci sono tutte le ragioni per credere che la flessibilità quantitativa possa essere più importante del QI per il successo a lungo termine.

Infine, Daniel Goleman, nel suo libro "Intelligenza Emotiva", afferma che il QI contribuisce solo per il 20% al tuo successo nella vita. Il resto è il risultato dell'intelligenza emotiva, che include fattori come l'automotivazione, la persistenza, il controllo degli impulsi, la regolazione dell'umore, l'empatia e la speranza.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

  • Mettiti al posto dell'altro, cercando di capire le sue motivazioni;
  • Osserva e non giudicare le persone;
  • Pensa con il tuo cuore, perdona chi ti offende e perdona te stesso per non aver ottenuto ciò che volevi;
  • Renditi conto di come ti senti in situazioni di stress e cerca di ammorbidirlo;
  • Usa l'empatia in tutte le tue relazioni, sia parlando che ascoltando un'altra persona;
  • Se senti qualcosa di negativo, fai un respiro profondo e tratta ancora le persone con empatia e cordialità, ma non portare rancore;
  • Esprimi il tuo pensiero in modo più morbido;
  • Tratta le altre persone come vorresti essere trattato tu;
  • Sii sempre onesto con te stesso e con gli altri;
  • Fai attività che piaceranno solo a te e che hai scelto di fare.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Nonviolent Communication"?

Dicci cosa ne pensi nei commenti e valuta questo riassunto del libro di Marshall Rosenberg! La comunicazione tra te e noi è fondamentale per fornirti il miglior contenuto!

Se sei interessato al libro, puoi acquistarlo cliccando sull'immagine qui sotto:

Libro 'Nonviolent Communication'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!