Padre Ricco, Padre Povero - Robert Kiyosaki

Padre Ricco, Padre Povero - Robert Kiyosaki

Scopri il valore dell'intelligenza finanziaria, ciò che i ricchi insegnano sul denaro e in che modo questa conoscenza può renderti ricco!

Comprare una macchina o un appartamento? Investire nella mia formazione o acquistare un nuovo telefono? Molte persone trovano difficile riflettere sulle finanze personali e gestirle. Questo perché non cerchiamo di comprendere e applicare gli insegnamenti sul denaro.

La capacità di riflettere e pianificare le spese è ciò che viene chiamata "intelligenza finanziaria" ed è anche ciò di cui parla il libro "Padre Ricco, Padre Povero".

Poiché, solitamente, a scuola non viene impartita alcuna educazione sulle tecniche finanziarie, è compito del singolo individuo cercare di apprendere queste conoscenze al fine di raggiungere l'indipendenza finanziaria.

Questo è il motivo per cui le persone che abbiano anche un alto livello di educazione trovano difficile capire il settore delle finanze mentre persone con un grado minore di educazione sono capaci di accumulare grandi fortune.

Sembra interessante, vero? In questo articolo, vedrai un sommario delle migliori 9 idee del libro con i consigli personali su come iniziare la caccia all'indipendenza finanziaria e raggiungere la ricchezza.

Sul libro "Padre Ricco, Padre Povero"

Il libro "Padre Ricco, Padre Povero" (1997) di Robert Kiyosaki e Sharon Lechter, fornisce le linee guida per ottenere queste abilità, oltre a mostrare l'importanza di una mentalità ambiziosavolta al raggiungimento dei propri obiettivi.

Questo libro, uno dei più discussi nell'ultimo decennio, ha aperto gli occhi del mondo alla necessità di pensare alla pianificazione del denaro. La prima versione pubblicata è di 207 pagine ma potete trovarne altre con contenuti più ampi.

"Padre Ricco, Padre Povero" è strutturato in nove capitoli con sei lezioni da apprendere e applicare nella vita.

Circa l'autore Robert Kiyosaki

Robert Kiyosaki è un investitore e imprenditore con un patrimonio stimato di oltre 80 milioni di dollari. Il suo marchio Rich Dad ha pubblicato più di 15 libri finanziari di autoaiuto, che hanno venduto oltre 26 milioni di copie in tutto il mondo.

Egli è anche il creatore del software Cashflow e dei giochi da tavolo per educare adulti e bambini su concetti finanziari e di business.

Sharon L. Lechter è una contabile, autrice, imprenditrice, investitrice e relatrice motivazionale, attivista di alfabetizzazione finanziaria e filantropa americana. È co-autrice di "Padre Ricco, Padre Povero" e amministratore delegato e fondatrice di Pay Your Family First, un'organizzazione di educazione finanziaria.

Per chi è questo libro?

Questo è uno dei libri che rientra nella categoria dei libri che è obbligatorio leggere! Il libro "Padre Ricco, Padre Povero" presenta diversi concetti indispensabili alla gestione finanziaria e al come pensare al denaro.

È adatto a chiunque comprenda come funziona il denaro nel mondo e a coloro che sono interessati ad apprendere come i ricchi diventano ricchi e come raggiungere la libertà finanziaria.

Principali idee tratte dal libro "Padre Ricco, Padre Povero"

  • I ricchi non lavorano per soldi, ma i loro soldi funzionano per loro;
  • L'educazione finanziaria è essenziale;
  • La tua professione e il tuo lavoro sono elementi distinti;
  • Lavorare per imparare e crescere, non per soldi;
  • I ricchi "creano" denaro.

Principio 1: La Corsa al Successo

La cosiddetta "Rat Race" (letteralmente "corsa al successo, vita frenetica"), può essere definita come la routine del lavoro senza fine, e ciò non porta benefici a coloro che si stanno sforzando faticosamente. In poche parole, fai tutto il duro lavoro, mentre gli altri - il governo, i tuoi capi e anche altre aziende – ottengono le ricompense maggiori.

Di solito ne parliamo come qualcosa di cui siamo parte e che odiamo. Allora, perché continuiamo a correre?

Ciò è dovuto al fatto che la stragrande maggioranza delle persone ha paura del giudizio sociale a cui sarà soggetto. Ad esempio, si consideri il mantra "andare a scuola, studiare duramente e ottenere un buon lavoro".

Per Robert Kiyosaki, autore del libro "Padre Ricco, Padre Povero", questa idea, basata su concetti già superati, è ancora diffusa. In passato, l'ideale era ottenere un lavoro subito dopo il college e lavorare nella stessa azienda per decenni. Al giorno d'oggi questa ricetta non garantisce una vita senza rischi finanziari.

La verità è che puoi lavorare duramente, ottenere una buona laurea ma non vedere ancora una crescita finanziaria, perché rimani intrappolato nella "corsa al successo".

Crediamo ancora al mantra sopracitato e lo seguiamo per la paura di non soddisfare le aspettative che ci vengono imposte alla nascita. E qual è il risultato? Possiamo riuscire a evitare la povertà, ma certamente non diventeremo ricchi in questo modo.

Principio 2: Avidità e paura

Tutti noi sperimentiamo due tipi di emozioni legate al denaro: avidità e paura. Se hai denaro, è probabile che ti concentri sulle nuove cose che i soldi ti permettono di comprare (l'avidità). Quando non hai soldi, la preoccupazione è proprio di non averne a sufficienza.

Le persone con scarse conoscenze finanziarie hanno maggiori probabilità di consentire a queste emozioni di guidare il loro processo decisionale.

Ad esempio, mettiamo il caso che tu abbia ottenuto una promozione con conseguente aumento di stipendio. Puoi investire il denaro extra in azioni e obbligazioni, che potrebbero portare, nel tempo, una maggiore quantità di denaro. Oppure, ad esempio, puoi volerti gratificare acquistando un'auto nuova.

Questo è il momento in cui l'emotività prende il sopravvento e le decisioni vengono prese d'impulso: la paura dei rischi associati al mercato azionario può influenzare il fatto di non volersi addentrare in questo tipo di business. D'altra parte, l'avidità ti ispira a spendere per avere uno stile di vita migliore, anche se ciò significa avere maggiori spese in futuro.

Quindi, ti starai chiedendo: come evitare tutto questo? Come posso controllare queste potenti emozioni?

Il modo migliore per combattere questi pensieri è acquisire conoscenze finanziarie su investimenti, rischi e debiti. In questo modo, sarai in una posizione migliore per prendere decisioni razionali, anche di fronte alla paura e all'avidità.

Principio 3: L'importanza dell'educazione finanziaria

Molte persone credono sia necessario il solo talento per diventare ricchi. Ma, in realtà, il mondo è pieno di gente così e non tutti sono ricchi. Ciò che manca è l'intelligenza finanziaria, un'attitudine che purtroppo non è sviluppata nella maggior parte dei sistemi educativi.

Ai bambini non vengono insegnate le basi del risparmio e dell'investimento, per non parlare di argomenti più specifici come l' interesse composto e le sue applicazioni.

Per il libro "Padre Ricco, Padre Povero", un fattore che peggiora questo problema è il fatto che molti giovani, già al liceo, superano i limiti delle carte di credito.

Questa mancanza di formazione finanziaria forma adulti che finiscono per prendere decisioni basate sull'emozione, cosa che, invece, si dovrebbe evitare quando si ha a che fare con questioni finanziarie.

Inoltre, c'è il problema della mancanza di pianificazione finanziaria. Negli Stati Uniti, ad esempio, si stima che il 50% dei lavoratori non abbia attivato una strategia per il pensionamento.

È dunque evidente che la società non ci offre gli strumenti necessari per una buona comprensione finanziaria. Di conseguenza è necessario che gli individui cerchino una formazione in questa direzione, specialmente in tempi di grandi cambiamenti economici.

Principio 4: I fondamenti della ricchezza

Il percorso verso l'arricchimento deve iniziare il prima possibile e consiste nel valutare le tue finanze, stabilire obiettivi personali e perseguire le conoscenze necessarie per raggiungere i tuoi scopi.

Inizialmente, è necessario analizzare il proprio attuale stato finanziario. Con il tuo lavoro, qual è l'aspettativa delle tue potenziali entrate presenti e future? Quali sono le tue spese e come puoi sostenere in modo sostenibile?

Una volta eseguita questa analisi, è possibile stabilire obiettivi finanziari realistici appropriati per la fase di vita in cui ti trovi.

Il passo successivo è trovare i modi per acquisire le conoscenze finanziarie. Consideralo come il miglior investimento che puoi fare: quello in te stesso.

Per iniziare, è necessario che tu cambi il tuo focus: lavora per ciò che impari, non per ciò che ottieni. Se hai paura del rifiuto, ad esempio, prova un lavoro, anche per poco tempo, presso un'agenzia pubblicitaria.

Potresti non ottenere il massimo dei salari, ma acquisirai capacità di vendita e fiducia in te stesso, tutte cose che possono essere molto utili per il tuo futuro.

Inoltre, cerca di rendere produttivo il tuo tempo libero leggendo libri sull'argomento, cercando corsi e seminari, parlando con persone esperte, etc. Per il libro "Padre Ricco, Padre Povero", apprendendo le conoscenze base nella valutazione delle tue finanze e aumentando la tua preparazione, c'è una buona possibilità che tu riesca ad arricchirsi, in futuro.

Principio 5: Impara a correre rischi

Per follia si intende la ripetizione delle stesse azioni nella speranza di raggiungere risultati diversi. Seguendo questa logica, se hai intenzione di cambiare la tua realtà finanziaria, devi cambiare il modo in cui la gestisci.

Probabilmente la trasformazione più grande sarà iniziare a correre dei rischi. Chiunque abbia ottenuto successi finanziari è arrivato a questo livello gestendo i rischi, non solo tenendoli.

Invece di lasciare il tuo denaro a giacere nel conto corrente o mettendolo da parte per risparmiare, prova ad entrare nel mercato azionario. Sebbene sia considerato molto più rischioso rispetto ai servizi bancari, può generare profitti elevati anche in brevi periodi di tempo.

Maggiore è il potenziale di rendimento, maggiore è il rischio. Con questo in mente, dovresti apprendere le giuste informazioni e investire nel modo giusto in modo da aumentare le tue possibilità di fare soldi.

Principio 6: Motivazione

Il viaggio verso la ricchezza è lungo e difficile. Una disillusione può verificarsi quando il titolo che hai acquistato inizia a precipitare in un determinato contesto finanziario. Anche in tale situazione devi rimanere motivato e non rinunciare.

Un modo per aumentare la tua motivazione è creare una lista di cose che vuoi veder accadere e una lista di cose indesiderati.

Ad esempio: "Non voglio vivere un pensionamento come quello dei miei genitori" o "Voglio eliminare tutti i miei debiti entro tre anni".

Un altro buon modo per rimanere motivati? È spendere soldi per te prima di pagare le bollette. Sembra contraddittorio, vero? Calma, ora ti spiego.

Quando soddisfi i tuoi possibili desideri prima di saldare i debiti mensili, puoi identificare la quantità di denaro necessaria per risolvere entrambe le esigenze: ciò che vuoi e le tue spese.

Ti può anche ispirare il pensare a modi creativi per ottenere più soldi per sostenere te stesso. Anche questa abitudine crea disciplina finanziaria, è una caratteristica chiave nel processo di arricchimento.

L'ultimo consiglio per motivare te stesso è leggere libri e articoli su persone ricche e di successo per scoprire come superare le difficoltà che incontrano e come hanno stato trionfato. Conoscere tutto questo ti ispirerà a continuare i tuoi sforzi.

Principio 7: I pericoli della personalità

Anche dopo aver acquisito sufficienti conoscenze finanziarie, alcune caratteristiche negative possono minacciare le tue risorse. Le principali sono pigrizia e arroganza.

Per il libro "Padre Ricco, Padre Povero", la pigrizia si manifesta quando le cose che devono essere fatte cominciano ad essere evitate. Immagina, ad esempio, un dirigente che lavora 60 ore a settimana. Con così tanto lavoro egli è consapevole di essersi allontanato dalla famiglia e questo provoca problemi. In questo modo, invece di cercare un dialogo per risolvere il problema, lo evita e si "rintana" in ufficio.

Di conseguenza può subentrare un divorzio, un processo che genera un deterioramento emotivo, fisico e un impatto probabilmente costoso, che incide sulle sue finanze.

Allo stesso modo, l'arroganza è in grado di sbriciolare le tue capacità finanziarie. L'alleanza di "ignoranza + ego" determina ciò. Per definizione, è la combinazione di una mancanza di conoscenza finanziaria unita a un ego troppo orgoglioso per ammettere il fallimento.

Le conseguenze possono essere catastrofiche se permettete a un agente di borsa disonesto di infiammare il vostro ego quando vi espone i buoni punti di un investimento ma ve ne nasconde i punti negativi.

Quindi, anche se diventi un maestro dei servizi finanziari, fai sempre attenzione ai tratti della personalità citati in quanto possono essere dannosi per il tuo cammino.

Principio 8: Attività e passività

Conoscere la differenza tra attività e passività è essenziale per garantire che si stiano prendendo le decisioni migliori. Per dirla semplicemente, le risorse generano ricchezza e le passività ti sottraggono denaro.

Esempi di attività sono azioni, valute e cambi, obbligazioni pubbliche e private, materie prime, cioè tutto ciò che genera reddito, si valuta nel tempo e può essere venduto prontamente.

Investendo in attività, lasci che i tuoi soldi lavorino per te. L'obiettivo è di ottenere un reddito più alto delle spese, in modo da poter reinvestire l'eccedenza in più attività, permettendo a più soldi di lavorare per te.

Tuttavia, molti investitori confondono le attività con le passività. Ad esempio, molte persone credono che il finanziamento di una proprietà sia un modo per ottenere una risorsa.

In realtà, è proprio l'opposto: il debito significherà un alto costo mensile, cioè qualcosa che non genera reddito. Questo importo potrebbe essere investito in un bene che ti genera guadagno in modo continuo e che si valuta nel tempo.

Principio 9: Professione contro Affari

La tua professione è ciò che fai circa 40 ore a settimana e ti fornisce entrate per pagare le bollette, fare acquisti e coprire altre spese quotidiane. I tuoi affari, invece, sono ciò che investi in tempo e denaro per aumentare la tua attività.

Dal momento che la professione copre solo le tue spese, essa non sarà in grado di farti arricchire. Per questo motivo, Robert Kiyosaki parla nel libro "Padre Ricco, Padre Povero" che dovresti crearti un business mentre svolgi il tuo lavoro usuale.

Prendiamo ad esempio un dentista. Anche se il suo stipendio serve a pagare l'affitto e comprare cibo ed il necessario per la sua famiglia, in questo modo non si sta arricchendo.

In alternativa, può creare un'impresa e investire in immobili in affitto, cioè qualcosa che genera un reddito mensile. Inizialmente la tua professione può finanziare il tuo business, ma l'ideale è che con il passare del tempo il business stesso presenti una crescita sostenibile.

Quando ciò accade, la professione cessa di essere la tua risorsa maggiore e lo diventa la tua attività e questo è un forte segnale di indipendenza finanziaria e sicurezza.

La tua professione paga i conti, ma è il business che ti renderà ricco.

Cosa ne dicono altri autori?

In "Incrollabile", Tony Robbins dà preziosi consigli: se non stai attento, le tasse possono facilmente spazzare via il 30% o più dei tuoi rendimenti di investimento. Ecco perché è importante prestare attenzione solo all'importo netto che potrai effettivamente trattenere.

Tutti i miliardari che l'autore ha incontrato hanno una cosa in comune: loro e i loro consulenti sono davvero intelligenti su questa questione fiscale.

Secondo l'autore Lynda Gratton, dal libro "La Vita di 100 Anni", è necessaria una pianificazione finanziaria a lungo termine, con fiducia nelle proprie capacità e autocontrollo per un piano di risparmio e investimento.

Napoleon Hill, in "Pensa e Arricchisci", riporta una caratteristica comune tra gli intervistati di successo: sono in grado di prendere decisioni rapidamente e sono fiduciosi in tale decisione.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Il libro "Padre Ricco, Padre Povero" di Robert Kiyosaki è molto efficace nel mostrarti i percorsi che devi seguire per raggiungere l'indipendenza finanziaria, tuttavia, queste ambizioni possono essere raggiunte solo se inizi a muoverti e ad impegnarti al più presto.

Il tuo network può essere molto utile per aiutare il tuo cammino verso le conoscenze finanziarie e verso il mercato in cui vuoi inserirti. Parla con persone esperte e impara più che puoi.

È anche importante che tu tenga traccia delle tue finanze personali, con informazioni e dettagli sulle tue entrate e uscite mensili e l'elenco di tutte le tue attività e passività.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Padre Ricco, Padre Povero"?

Quindi, avresti mai pensato che la ricchezza non si misura con un buon stipendio? Sono i nostri investimenti in beni che ci rendono ricchi. Intuizione interessante, non è vero?

Ora che abbiamo finito questo riassunto, lascia il tuo commento! Il tuo feedback è fondamentale per il nostro miglioramento continuo. Inoltre, puoi cogliere l'opportunità di acquistare questo lavoro completo in questo momento; basta cliccare sull'immagine qui sotto:

Libro 'Padre Ricco, Padre Povero'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!