L’arte della Vittoria - Phil Knight

L’arte della Vittoria - Phil Knight

"Un'ispirazione per tutti coloro che hanno un sogno non convenzionale".

In questa autobiografia, Phil Knight racconta la storia semplice e personale della sua crescita, i suoi viaggi nel mondo, il risveglio dell'interesse per le scarpe, i suoi tempi di runner all'Università dell'Oregon e le sue prime imprese vendendo scarpe.

Phil Knight è chiaro riguardo alle difficoltà che h dovuto affrontare e quanto sia stato difficile mantenere la Nike anno dopo anno.

"L'arte della vittoria" inizia più di 50 anni fa nel 1962 con Phil Knight all'età di 24 anni. Ha un MBA a Stanford e non sa cosa fare della sua vita.

Da lì, seguiamo Knight ne suoi 18 anni successivi, attraverso continue avversità, insicurezza finanziaria e incertezze senza fine.

Sul libro "L'arte della Vittoria"

Il libro "L'arte della Vittoria" pubblicato nel 2016, dall'originale "Shoe Dog" scritto da Phil Knight, è una biografia che racconta la storia di come Nike è stata creata e di come è diventata quella che è oggi: una dei marchi più emblematici, innovativi e redditizi del mondo.

Questo lavoro è composto da 384 pagine ed è diviso in 2 parti.

Circa l'autore Phil Knight

Phil Hampson Knight, americano nato nel 1938, è il fondatore della Nike, magnate e filantropo. Nel 2018, è stato classificato da Forbes come il 28 ° più ricco del mondo, con un capitale stimato di 34, 7 miliardi di dollari.

Per chi è questo libro?

Questo libro "L'arte della Vittoria" / "Shoe Dog" di Phil Knight ha strumenti, ispirazione e motivazione per coloro che vogliono iniziare un'impresa. È anche indicato per coloro che vogliono saperne di più su Nike e per tutti coloro che cercano di fare del lavoro un business da sogno.

Principali idee tratte dal libro "L'arte della Vittoria"

  • "Non dire alle persone come fare le cose, dì loro cosa fare e lascia che ti sorprendano con i loro risultati";
  • "Non importa quale sia lo sport, lo sforzo totale vincerà il cuore della gente";
  • "Come i libri, gli sport danno alla gente la sensazione di aver vissuto altre vite, partecipando alle vittorie e alle sconfitte di altre persone";
  • "Quando aggiungi qualcosa di nuovo o servizi alla vita delle persone, rendendoli più felici, o più sani, o più sicuri, o meglio... Più che solo vivere, aiuti gli altri a vivere più pienamente".

Se hai la possibilità di iniziare qualcosa di folle, vai avanti!

Phil Knight ha sempre avuto una passione per gli sport e amava praticare. Da bambino aveva un lavoro che implica raccogliere i risultati sportivi del giorno. Questo compito andava svolto di notte perché i risultati venivano pubblicati il giorno successivo. Dopo il lavoro, correva a casa e quindi percorreva circa sette miglia al giorno.

Anni dopo, dopo essersi laureato presso il College of Management e aver frequentato la Stanford Graduate School of Business, Knight ebbe una visione: importare scarpe giapponesi in America ed era molto interessato al marchio Tiger, prodotto dalla società Onitsuka.

Anche se nessuno ne rimase impressionato, Phil decise di fare un viaggio in Giappone. Lì, rendendosi conto di non avere nulla da perdere, chiamò il signor Onitsuka per organizzare un incontro. Tuttavia, anche se sembrava un'idea folle, ci riuscì.

Dopo una riunione di due ore, che doveva essere al massimo di un quarto d'ora, Onitsuka regalò a Phil 300 paia di scarpe Onitsuka Tiger e i diritti di distribuzione negli Stati Uniti occidentali. Nei mesi successivi, Phil Knight avrebbe venduto queste scarpe da ginnastica dal bagagliaio della sua auto.

Tuttavia non disse che l'esecutivo della Blue Ribbon erano lui e suo padre, che era considerato l'unico investitore.

Dopo aver ottenuto l'accordo, Phil fece diversi viaggi in tutto il mondo. In uno di questi viaggi visitò il Tempio di Nike, la dea della vittoria. Anni dopo, Phil Knight andò ad uno spettacolo intitolato "The Knights". La commedia era la rappresentazione di un guerriero che offriva al re un nuovo paio di scarpe.

Questi eventi specifici, le esperienze che Phil ha acquisito nei suoi viaggi e la sua conoscenza di altre culture lo hanno influenzato, in seguito, nel suo percorso di vita, ma ne parleremo più tardi.

Abbi un mentore che crede in te

Dopo aver atteso per tre mesi l'arrivo delle sneakers Onitsuka, Phil ne inviò due paia al suo ex allenatore presso l'Università dell'Oregon, Bill Bowerman, sperando di ottenere una vendita e di ricevere una grande testimonianza.

Bowerman, infatti, si era appena offerto di diventare il suo partner e di prendersi cura del design del prodotto. Per Knight, avere il suo mentore come partner e vedere che anche lui condivideva le sue idee, fu una delle cose che gli dette maggiore fiducia per creare l'azienda nel modo che riteneva opportuno.

Bill Bowerman era un vero "Shoe Dog", termine usato nel settore per riferirsi ad una persona che è ossessionata dalle scarpe da ginnastica. Phil scoprirà in seguito che le competenze di Bill sarebbero state cruciali per il successo dell'azienda.

Una delle innovazioni di Bowerman fu la "Waffle Sole". Egli riuscì a crearla eseguendo test con vari tipi di gomma, in cui il composto veniva riscaldato e applicato direttamente alla suola delle scarpe da corsa. Dopo diversi test, Bill trovò finalmente il composto con la consistenza e la durata ideali.

L'allenatore di Phil fu determinante per il continuo successo della Blue Ribbon anche se gran parte di quel successo fu dovuto ai non convenzionali ma eccellenti impiegati di Phil.

Knight e Bowerman lavorarono insieme per molti anni. Per lui, il suo mentore fu come l'anima della compagnia tant'è vero che diceva sempre che "se Bowerman non è felice, la Nike non è felice".

Incoraggia tutti a essere sé stessi

Mentre la società Blue Ribbon cresceva, Phil creò una squadra in cui le persone condividevano la sua visione e lui si fidava ciecamente di loro. Questa squadra era composta da eccentrici di talento e tutti contribuivano a prendere decisioni.

In effetti, lavoravano così bene insieme proprio perché erano tutte persone fuori del comune. Questo faceva sentire tutti a proprio agio nell'ambiente di lavoro, nessuno stava male o voleva andarsene.

Phil Knight aveva adottato una filosofia al lavoro che derivava dalle parole del generale Patton: "Non dire alla gente come fare le cose, dì loro cosa fare e lascia che ti sorprendano con i loro risultati".

Per esempio, Phil non ha detto cosa fare a Jeff Johnson, il primo impiegato a tempo pieno della Blue Ribbon. Johnson ha lavorato a fianco di Bill nello sviluppo di sneakers rivoluzionarie e insieme hanno lavorato con ostinazione e testardaggine.

Nel corso degli anni, Onitsuka diventò il più grande alleato di Phil, ma non si fermò lì. Durante i vari cambiamenti di gestione, l'imprenditore diventò il suo avversario più grande e più pericoloso.

Quando il signor Onitsuka pretese i diritti sulla distribuzione che aveva dato al giovane uomo, Phil Knight si rese conto che non poteva fidarsi della compagnia giapponese e delle sue promesse, nonostante i contratti firmati.

Per Phil Knight, l'output era unico: Sii libero. Ma, per quello, avrebbe dovuto avviare la propria compagnia. E fu così, con questi problemi, che Phil annunciò la nascita della Nike. Nel 1971, la decisione fu presa. La Blue Ribbon avrebbe smesso di vendere prodotti giapponesi e, di conseguenza, non sarebbe più esistita.

Knight chiese ai suoi associati di suggerire nomi per la nuova compagnia. Jeff Johnson, il primo impiegato a tempo pieno della Blue Ribbon, chiamò Phil nel cuore della notte e disse che il nome della compagnia avrebbe dovuto essere Nike, perché era questo il suo sogno.

Fu in quel momento che Phil Knight ricordò l'impatto che la dea della vittoria gli aveva provocato anni prima ad Atene quando aveva visitato il Tempio di Nike. Knight decise allora che questo sarebbe stato il nome dell'azienda: Nike.

Da quel momento, la Nike subì varie difficoltà, Onitsuka aprì una causa contro di loro, portando la nuova società quasi in bancarotta. A proposito: Nike è quasi fallita numerose volte.

Phil dice che il trionfo della Nike fu l'IPO che coincise con lo stesso giorno di Apple. Inoltre, il prezzo dell'IPO delle due società era lo stesso, dimostrando che Nike era già considerata una grande azienda.

IPO (Initial Public Offering) è un acronimo che fa riferimento all'offerta pubblica iniziale, che rappresenta il valore delle azioni di una società quando viene venduta al pubblico per la prima volta.

Phil Knight dice che quella notte andò a dormire relativamente ricco, ma che il giorno successivo, svegliandosi, dopo che le azioni della Nike erano state vendute, era estremamente ricco e potente. Ancora oggi, la società è orgogliosa della propria integrità, alla quale attribuisce anche gran parte del suo successo.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Ray Kroc, in "La Vera Storia del Genio che ha Fondato McDonald's", dice di trovare il nostro differenziale. È così che i fratelli sono diventati riferimento, cioè attraverso pensieri su come risolvere i problemi dei clienti.

Dopo aver raggiunto il successo, Kroc ha apportato diverse innovazioni a McDonald's. Anche se c'erano molte caffetterie, riuscirono a creare il loro differenziale e ad essere competitivi.

Non lasciarti sopraffare da un errore che ti farà rinunciare al tuo sogno. Anche le persone di maggior successo hanno superato molti fallimenti che fanno parte del percorso verso il successo.

Se ritieni che sia troppo tardi per avviare un'attività in proprio, ti consigliamo il lavoro di Flávio Augusto, "Geração de Valor 1". L'autore mostra la tua visione dell'avventura e del mondo e ti dà consigli per distinguerti dalla massa.

Già nel lavoro "Felicidade Dá Lucro", Márcio Fernandes chiarisce che "non c'è separazione tra vita personale e professionale, perché siamo la stessa persona, unica e integrata, dentro e fuori dal lavoro."

Quindi quando diventiamo leader più efficaci, diventiamo anche migliori come amici, genitori, compagni, bambini, vicini di casa, clienti, cittadini... e viceversa.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

L'ascesa dell'azienda alla fama internazionale ci mostra che se credi nei tuoi principi, pensi in modo non convenzionale e resti fedele alle tue convinzioni, non c'è nulla che possa impedirti di ottenere ciò che desideri.

Un altro punto chiave della storia della Nike era il fatto che Phil si circondava di persone che credevano in lui e condividevano la sua visione.

I dipendenti con una visione non lavoreranno solo per soldi, saranno veramente coinvolti con la società. Quindi, circondati di persone che condividono la visione dell'azienda.

Alcuni modi per mettere in pratica le lezioni apprese in questo sommario sono:

  • Credi nei tuoi principi e rimani fedele alle tue convinzioni;
  • Non arrenderti quando sorgono ostacoli;
  • Circondati di persone che credono in te e condividono la tua visione. I dipendenti con la visione non lavoreranno solo per soldi, saranno veramente coinvolti con l'azienda;
  • Pensa in modo non convenzionale.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "L'arte della Vittoria"?

Cosa ne pensi del lavoro di Phil Knight, "L'arte della Vittoria" / "Shoe Dog"? Lascia il tuo feedback per conoscere la tua opinione e offrire sempre il meglio per te! Se vuoi approfondire l'argomento, puoi goderti e acquistare il libro facendo clic sull'immagine seguente:

Libro 'L'arte della Vittoria'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!