Thanks for the Feedback - Douglas Stone, Sheila Heen

Thanks for the Feedback - Douglas Stone, Sheila Heen

Comprendere l'importanza dei feedback per le relazioni interpersonali e sapere come riceverli e trasformarli in apprendimento.

Le persone hanno la tendenza a lodare o criticare. Tutto dipende da come affronti la loro visione di te, ed è di questo che parla il libro "Thanks for the Feedback", degli autori Douglas Stone e Sheila Heen.

Qualcuno ha mai detto quanto sei bella oggi? O quanto è stato completamente inaccettabile il modo in cui hai gestito un problema? O addirittura ti ha guidato per ottenere un risultato diverso da quello che immaginavi?

Riceviamo quotidianamente diversi feedback, sia positivi che negativi, poiché siamo costantemente sotto valutazione e soggetti a giudizio, e questo è inevitabile. Tuttavia, possiamo cambiare la nostra interpretazione e trasformarla in apprendimento.

Vuoi sapere come? Allora vieni con noi!

Sul libro "Thanks for the Feedback"

Il libro "Thanks for the Feedback" è stato pubblicato originariamente in inglese nell'anno 2014.

Con un linguaggio divertente e intelligente, gli autori Douglas Stone e Sheila Heen ci preparano a sederci di fronte al capo, al marito, alla moglie, ai genitori e migliorare con ogni feedback positivo e negativo che viene dato.

Circa gli autori Douglas Stone e Sheila Heen

Sia Douglas Stone che Sheila Heen sono fondatori del Triad Consulting Group e professori presso la Harvard Law School. I suoi clienti includono HSBC, la Federal Reserve Bank, Unilever e istituzioni pubbliche come la Casa Bianca.

Doug, come viene chiamato affettuosamente sul suo sito web, da 22 anni all' Harvard Negotiation Project, lavorando e ricercando teorie sui negoziati.

Sheila ha già dedicato 20 anni al progetto, specializzandosi in trattative difficili, quelle in cui le emozioni sono al limite e le relazioni sono tenute insieme da un filo.

Entrambi hanno scritto anche il best-seller "Hard Conversations", che ha prodotto apparizioni in programmi televisivi, come quello della famosa Oprah Winfrey.

Per chi è questo libro?

Poiché è incentrato sulla persona che riceve il feedback, il libro "Thanks for the Feedback" è adatto a tutti coloro che si sono già sottoposti a valutazioni delle prestazioni lavorative, o hanno ricevuto dalla suocera quel suggerimento su come crescere i propri figli, o addirittura un sermone di un poliziotto in un lampo.

Inoltre, è consigliato a persone che hanno costantemente bisogno di dare feedback e vogliono sentirsi dall'altra parte per migliorare le proprie capacità.

Principali idee tratte dal libro "Thanks for the Feedback"

Gli autori Douglas Stone e Sheila Heen portano nel libro "Thanks for the Feedback" diverse idee interessanti a tutti i destinatari del feedback:

  • Che cos'è il feedback e come influisce sulle nostre emozioni;
  • Come affrontare i fattori scatenanti della verità, della relazione e dell'identità;
  • Possiamo SÌ ignorare i feedback che non ci aggiungono a nulla.

Curioso di crescere attraverso le critiche senza sentirsi scosso? Dai!

Panoramica: La sfida del feedback

Iniziamo questo libro tascabile spiegando che cos'è il feedback. Secondo gli autori, Douglas Stone e Sheila Heen, nel libro "Thanks for the Feedback":

"Il feedback è qualsiasi informazione che ricevi su di te."

Questo può essere positivo o negativo, totalmente insensibile e ingrato, ma anche illuminante e esaltante. A volte, non ci rendevamo nemmeno conto che fosse successo.

Ricevere un buon feedback è un'abilità che può essere acquisita. E non è la stessa cosa che accettare tutto ciò che ti viene detto. Anche allora, abbiamo bisogno di filtri.

Le nostre reazioni ai feedback sono guidate da fattori scatenanti. E ci sono 3 tipi:

  1. Trigger reali: Innescati dal contenuto di feedback inutili. Di solito, i sentimenti innescati sono l'indignazione, l'offesa e l'irritabilità;
  2. Fattori scatenanti della relazione: temperati dalla relazione con la persona che fornisce il feedback. Il nostro focus qui è sull'audacia di chi lo trasmette;
  3. L'identità innesca: Quando la percezione di chi siamo è scossa. Potremmo vergognarci e mettere in discussione il nostro modo di essere.

I suddetti fattori scatenanti sono ostacoli al nostro coinvolgimento positivo. Ostacolano la nostra crescita e la crescita del rapporto con la persona che sta trasmettendo.

Panoramica: La difficoltà di vedere

Quello che dobbiamo prima sapere sul contenuto del feedback è che ci sono tre tipi di feedback: riconoscimento, guida e valutazione. Ognuno è diverso, quindi le emozioni e il modo di affrontarle sono diversi.

Essere visti e compresi, cioè essere riconosciuti, è essenziale. Questo bisogno è molto facilmente percepibile nei bambini, ma non viene superato quando diventiamo adulti.

Ma ci sono anche momenti in cui abbiamo bisogno di un riconoscimento diverso, da parte della persona che ci ha riconosciuto in precedenza per fornire una guida. In questo modo, possiamo sentirci incoraggiati a fare sempre il meglio.

Infine c'è la valutazione, cioè il classico feedback, che avviene quando la persona esprime esattamente la sua situazione in relazione a qualcosa. Questo tipo è più chiaro e più facilmente percepibile nelle sue sfumature positive e negative.

Gli autori Douglas Stone e Sheila Heen sottolineano nel che siamo spinti a loro e che il silenzio o l'oscurità della mancanza di valutazione può portare a una mancanza di fiducia in se stessi, mentre una mancanza di riconoscimento può lasciare un enorme buco in qualsiasi relazione.

La mancanza di guida può essere pericolosa, lasciando tutti confusi, con bassa produttività, affettività e morale.

Il libro, "Thanks for the Feedback", fornisce suggerimenti su come mantenere il riconoscimento lontano dagli altri due tipi, poiché le persone di solito ne hanno più bisogno e si offendono se li riconosci con un "ma...".

È necessario capire da dove viene quel feedback, i dati che hanno portato la persona a pronunciare quelle critiche e l'interpretazione vista attraverso gli occhi di chi parla. E anche dove va, cioè tu, l'ascoltatore.

Ti sei mai chiesto se la persona che ti critica capisce tutto quello che hai fatto e tutto quello che hai passato per essere dove sei ora? Ti sei mai chiesto se conosci la vera preoccupazione di chi parla e perché la tua azione è così importante?

Se non ti astieni dal porre domande alla persona che ti sta criticando, come "qual è il vero motivo per cui questo comportamento può causare problemi?", Si verificherà un feedback molto più efficace e felice.

Dobbiamo riconoscere che abbiamo punti ciechi. Compreso te! Giusto! Hai molti punti ciechi proprio come me e le persone con cui vivi.

Ti sei mai reso conto che non puoi vedere la tua faccia? O che non riconosci il tuo tono di voce? Anche i tuoi comportamenti più assurdi e completi sono battuti nientemeno che da te stesso.

È possibile che qualcuno abbia già detto: "Sei arrabbiato?". E l'unica cosa che si rese conto era che stava cercando di concentrarsi su qualcosa di difficile. Questa è matematica emotiva.

Tendiamo ad aumentare i sentimenti delle persone e a diminuire i nostri. Cosa genera un grande disaccordo quando dobbiamo avere la famosa empatia, non è vero?

Un'altra cosa che accade sempre è che attribuiamo i nostri difetti alle situazioni e quelli degli altri al loro carattere. E crediamo che le nostre intenzioni siano sufficienti, ma quella delle persone non lo è. Divertente, non è vero? Sono i nostri punti ciechi.

Per poterli vedere, abbiamo bisogno dell'aiuto delle persone, che siano sincere e, naturalmente, che diano un feedback.

Panoramica: La sfida di noi

La grande domanda quando siamo in un dialogo è che siamo due persone che non leggono nel pensiero. Non sappiamo cosa l'altro stia davvero cercando di dire, così come non sa come ci sentiamo al riguardo.

Questo può generare irritazione all'interno di una relazione quando riceviamo un feedback. È del tutto normale. Ma dobbiamo pensare se la persona ha credibilità e affidabilità nella questione e nella nostra vita.

Inoltre, come mi sento quando ricevo questo feedback? Dobbiamo riconoscere per essere in grado di assorbire e dirigere la conversazione di conseguenza.

È molto comune che si verifichino deviazioni. Chi non ha mai discusso di niente con nessuno e, alla fine, i due dicevano la stessa cosa in modi diversi? Fai attenzione, potrebbe essere che fossero cose diverse.

In questo caso, riconosci la deviazione e cerca di esporre i due modi di pensare all'altro, raggiungendo un consenso.

Ci sono anche momenti in cui diciamo: "Tal dei tali è un tipo duro, vedi?". Queste persone possono vedere le nostre peggiori debolezze e farci leva in modi che una persona "facile" non farebbe.

Gli autori Douglas Stone e Sheila Heen presentano nel loro libro "Thanks for the Feedback", una tecnica per facilitare la tua comprensione del feedback che hai ricevuto, fanno tre passi indietro:

  1. Un passo indietro: "Le differenze tra noi generano attrito?";
  2. Due passi indietro: "Questo sarebbe, in parte, il risultato dei ruoli che svolgiamo nell'organizzazione o nella famiglia?";
  3. Tre passi indietro: "I processi, le politiche, l'ambiente fisico o altri fattori stanno intensificando il problema?"

In questo modo, comprenderai meglio il sistema che ha dato origine a quel feedback, riducendo i giudizi e aumentando la responsabilità di entrambe le parti, e potresti persino rivelare cause nascoste nella ragione delle critiche.

Panoramica: La sfida del sé

In questa panoramica, ci avvicineremo un poco di più al pericolo. L'attivazione dell'identità lascia il feedback pericoloso, poiché solleva problemi problematici nella tua relazione con te stesso.

Reagiamo in modi totalmente diversi ai feedback e il modo in cui la nostra rete neurale risponde a questo è chiamato dagli autori Douglas Stone e Sheila Heen come un circuito.

In questo circuito, abbiamo la linea di base, che è il modo in cui ci vediamo prima del feedback. Se hai una visione di te stesso che fa un pessimo lavoro, ad esempio, qualsiasi feedback positivo ti eleva, ma il negativo fa più danni.

L'oscillazione può variare da persona a persona. Alcuni, anche con la linea di base più alta, sentono aspetti più negativi e positivi.

Alla fine della giornata, abbiamo la nostra linea di base e le fluttuazioni che possono verificarsi intorno ad essa. Inoltre, abbiamo il tempo che dura ogni picco di oscillazione, chiamato recupero.

Non essere troppo entusiasta di provare a misurare tutto. Un ricercatore ha già rivelato che tutto ciò può variare fino al 3000% tra le persone.

"Le emozioni distorcono la nostra percezione del feedback".

Sii sempre consapevole del feedback ricevuto. Devi renderti conto che non è possibile controllare ciò che il mondo pensa di te.

E qui arriva la buona notizia: tutto ciò che la gente parla di te è informazione e non sarà mai una conclusione.

Secondo il libro "Thanks for the Feedback", il modo in cui raccontiamo la nostra storia influenza il modo in cui riceviamo e assimiliamo il feedback. Conserva la complessità delle cose che hai vissuto e dei tuoi sentimenti.

Cambia la tua mentalità per crescere, in questo modo, anche se ricevi una recensione negativa, sarai in grado di capovolgerla e conoscerla.

Panoramica: Feedback nella conversazione

In questa parte del libro "Thanks for the Feedback", gli autori Douglas Stone e Sheila Heen mostrano che deve esserci un limite all'accettazione del feedback. Tutti hanno bisogno di limiti, anche se momentanei.

Per questo, ci sono tre tipi di limiti e suggerimenti su come sbarazzarsi di persone che non li rispettano:

  • "No, grazie - Mi fa piacere sentire il tuo consiglio... e forse non lo seguo";
  • "Non ora, non su questo argomento - Ho bisogno di tempo o spazio, o questo è un argomento molto delicato per me in questo momento";
  • "Nessun feedback - Il nostro rapporto dipende dalla tua capacità di mantenere i tuoi giudizi per te."

Devi sempre essere esplicito su ciò che stai chiedendo, mostrando il momento che stai attraversando; e quali sono le conseguenze per la relazione, raggiungendo un consenso.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Secondo Marcus Buckingham e Donald Clifton, autori del libro "Now, Discover Your Strengths", per aumentare la produttività dell'azienda, il segreto è concentrarsi sui punti di forza dei dipendenti invece di cercare di migliorare i punti deboli.

Nel libro "Mindset", della psicologa Carol S. Dweck, si discute di come le nostre convinzioni modellano il nostro comportamento e la nostra crescita.

Mentre le mentalità producono visioni del mondo definitive, le persone possono cambiare man mano che apprendono nuove abilità. Si può insegnare agli esseri umani a reagire in modi diversi, come affrontare le sfide e pensare in modo diverso.

Infine, in "Come trattare gli altri e farseli amici", Dale Carnegie parla anche della lode come un modo per influenzare: una delle caratteristiche più forti del comportamento umano è il desiderio di essere apprezzati dalle altre persone; a tutti noi piace ricevere complimenti e sentire che stiamo facendo un buon lavoro.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Quasi l'intero libro, "Thanks for the Feedback", parla di ciò che la persona che riceve il feedback può fare per capire cosa sta succedendo e sentirsi meglio ea proprio agio per crescere.

Gli autori Douglas Stone e Sheila Heen offrono alcuni suggerimenti per le persone che si occupano di feedback nelle organizzazioni e vogliono ottimizzare i loro risultati:

  • Leadership e Risorse Umane: non solo annunciare i vantaggi, spiega il dilemma di una valutazione delle prestazioni. Non confondere il riconoscimento con l'orientamento o la valutazione e promuovere una cultura dell'apprendimento;
  • Team leader ed emettitori di feedback: sii sempre un esempio da seguire, perché quando dai un feedback non verrai screditato. Gestisci la tua identità e mentalità, dare un feedback senza fiducia in te stesso può scuotere le strutture del destinatario.

Un promemoria per te, destinatario:

"Qualunque sia il contesto o l'azienda, sei la persona più importante nel tuo apprendimento. La tua azienda, il tuo team e i tuoi superiori possono offrire o trattenere feedback. Tuttavia, nessuno è in grado di impedirti di imparare."

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Thanks for the Feedback"?

Ci auguriamo che il nostro riassunto del libro "Thanks for the Feedback" vi sia piaciuto e che siate in grado di applicare i consigli degli autori, Douglas Stone e Sheila Heen, alla vostra vita. Lascia la tua opinione nei commenti, il tuo feedback è molto importante per noi!

Inoltre, per saperne di più sul contenuto, acquista il libro cliccando sull'immagine sottostante:

Libro “Thanks for the Feedback”

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!