Miliardari per Caso - Ben Mezrich

Miliardari per Caso - Ben Mezrich

Scopri come una creazione universitaria ha rivoluzionato le relazioni ed è diventata una delle aziende più potenti e miliardarie del mondo.

Al giorno d'oggi, come si relaziona la gente? E se ti avessi fatto questa domanda 10 anni fa, quali sarebbero le tue aspettative per il giorno d'oggi?

Probabilmente credevi nell'evoluzione e in un maggior coinvolgimento delle persone, ma non nel modo in cui avviene oggi.

Uno dei responsabili che ha portato a tutto questo è Facebook. Proprio così, il social network che probabilmente usi tutti i giorni. Ma pochi si chiedono come, dove e perché è stato creato, non è vero?

Puoi credere che questa storia sia avvenuta nel mezzo di dosi di paranoia, sesso, alcol, talento, qualche droga, molta ambizione e intrighi.

Sì, non lo sapevo neanche prima di aver letto il libro. Ma ora puoi controllare tutti i dettagli che ci sono dietro le quinte di questa storia vera.

Allora, andiamo!

Sul libro "Miliardari per Caso"

Il libro "Miliardari per Caso" di Ben Mezrich è stato pubblicato nel 2009. Il libro racconta la storia di due studenti di Harvard che hanno trasformato una creazione universitaria in un'impresa miliardaria, conosciuta col popolare nome di Facebook.

Tutta questa storia è stata ricreata attraverso molte interviste, studi e speculazioni delle azioni e dei pensieri dei fondatori, dal momento che non conta sulla partecipazione di Mark Zuckerberg.

Il contenuto è distribuito in 34 capitoli, che prendono il nome di importanti pietre miliari o il mese/anno degli eventi descritti. In tutto, il libro ha 260 pagine e la sua narrazione arriva fino al 2008.

Circa l'autore Ben Mezrich

Ben Mezrich è nato nel 1969 ed è uno scrittore. Si è laureato in Scienze Sociali presso l' Harvard College. È divenuto conosciuto e famoso per aver creato il suo particolare genere di non-fiction. Attualmente vive a Boston con la sua famiglia.

Ben ha scritto più di 10 libri, tra cui il best-seller "Bringing Down the House", "Sex on the Moo n", "Busting Vegas" e molti altri.

Per chi è questo libro?

Il contenuto del libro "Miliardari per Caso" di Ben Mezrich è l'ideale per te se ti piacciono le storie imprenditoriali e intendi conoscere le difficoltà e le evoluzioni che ha avuto il rivoluzionario Facebook, a partire da una semplice idea all'università fino a diventare potente e milionário.

Se intendi aprire la tua attività o ne possiedi già una, questo libro ti propone insegnamenti che ti guideranno al successo.

Principali idee tratte dal libro "Miliardari per Caso"

I punti chiave di questo libro di Ben Mezrich sono:

  • Facebook è cominciato, con un'idea, ad Harvard dopo un appuntamento con delle ragazze;
  • Questa prima idea rimase sospesa per un poco;
  • Mark non ha mai rinunciato alla sua idea e l'ha sempre inseguita senza sosta;
  • Il focus era dare agli utenti la migliore esperienza possibile;
  • È necessario rinunciare al successo temporaneo per un successo che dura tutta la vita, soprattutto finanziariamente;
  • Chiedi l'aiuto degli altri per investire nella tua idea;
  • Non limitarti a seguire i tuoi affari, ma vivi intensamente.

Quindi, dopo la parte introduttiva, mettiamoci al lavoro!

Facemash

Nell'ottobre 2003, Mark Zuckerberg e Eduardo Saverin si incontrarono ad Harvard e divennero migliori amici.

Mark studiava informatica ed era considerato un "computer umano". Secondo l'autore, Mark aveva rifiutato una proposta di lavoro da 2 milioni di dollari da parte di Microsoft, poco dopo aver sviluppato un software che creava playlist personalizzate a seconda delle preferenze degli utenti. Questo avveniva mentre Mark era ancora alle scuole superiori.

Eduardo, invece, studiava amministrazione e non sapeva molto di computer e programmazione, ma aveva successo grazie ai suoi investimenti e una buona rete di contatti.

Un giorno, i due uscirono con due ragazze asiatiche. Ma Mark Zuckerberg tornò a casa presto e iniziò a navigare su internet guardando le foto degli studenti dell'università. E attraverso le conversazioni via e-mail con i suoi amici, ebbe l'idea di creare un programma per mettere a confronto le ragazze più belle dell'università.

Il mattino seguente, Mark aveva hackerato il sistema di Harvard, avuto accesso alle foto di tutte le studentesse e consolidato un database. Mark chiamò il dominio di questo progetto con il nome di Facemash. com.

Dopo 3 giorni, Facemash. com era già disponibile. Era una semplice piattaforma che permetteva di votare quali ragazze fossero le più belle. Sempre nello stesso giorno, quando ritornò dalle lezioni, la piattaforma aveva già avuto circa 22 mila voti.

I fratelli Winklevoss

Secondo Ben Mezrich, poco dopo che Facemash. com divenne virale, fu il momento, per Mark, di essere punito. Fu chiamato dal consiglio disciplinare di Harvard. Si presentò nel giorno stabilito, si addossò colpa dicendo che, comunque, non aveva cattive intenzioni.

Inoltre, Mark Zuckerberg affermò che c'erano grossi difetti nei sistemi di sicurezza Harvard e si propose di aiutare a risolvere il problema, per ammorbidire la sua situazione. Andò a finire che non venne sospeso. Ricevette solo un richiamo e diffidato dal mettersi nuovamente nei guai.

Poco dopo, Mark ricevette via e-mail un invito per lavorare a un progetto. Progetto guidato dai fratelli gemelli Winklevoss. I due erano atleti alti, biondi e famosi ma non avevano le competenze per configurare il sito web di Harvard Connection.

Harvard Connection era un progetto che mirava a mettere online la vita sociale di Harvard e rendere più facile per gli studenti incontrarsi. Mark Zuckerberg rispose all'e-mail dicendo di essere interessato ad avventurarsi nel progetto e che si sarebbe messo a lavorare sul sito immediatamente.

La nascita di Facebook

Quando Eduardo e Mark tornano dalle vacanze, Mark era entusiasta del nuovo sito che doveva allestire. Consisteva in un'estensione di Facemash. com, con più funzionalità e una piattaforma esclusiva in cui l'utente poteva creare il proprio profilo con le foto e descrizioni desiderate.

Quindi Mark si rivolse a Eduardo e da lui prese in prestito del denaro per mettere in pratica la sua idea. Fu così che decisero di essere partners, Eduardo con il 30% e Mark con il 70%.

Ben Mezrich parla nel libro "Milliadari per Caso" che durante quel periodo Mark Zuckerberg lavorò instancabilmente sul suo sito web, lasciando da parte il progetto dei fratelli Winklevoss, ma a loro insaputa.

Nel febbraio 2004, il sito Web di Mark Zuckerberg venne completato e il sito web Facebook. com fu messo online per la prima volta.

Crescita iniziale

In breve tempo, Facebook. com iniziò a far parte della routine di tutti. In sole 2 settimane dalla sua pubblicazione c'erano più di 5000 registrati e la maggior parte di essi erano studenti di Harvard.

A causa del suo successo, i fratelli Winklevoss vennero a conoscenza di Facebook e chiesero a tutti di lasciare il sito. Ma questa richiesta non venne ascoltata.

Affinché il sito continuasse a crescere, era necessario strutturarsi meglio. Così venne assunto Chris Hughes, che sarebbe stato il responsabile per la pubblicità; Dustin Moskovitz avrebbe aiutato nella programmazione e avrebbe ricevuto il 5% delle azioni di Mark Zuckerberg.

Eduardo e Mark, a quel punto, avevano già dimenticato il problema con i fratelli Winklevoss, finché i gemelli non incontrarono il presidente di Harvard sostenendo che i due amici avevano violato i loro diritti e rubato la loro idea, evolvendola in quello che era diventato Facebook.

Il completamento di Facebook

Lo sviluppo di Facebook crebbe sempre di più. In otto settimane avevano già 50.000 studenti iscritti tra le prime 4 università americane e dati statistici riportavano che quasi il 70% degli utenti vi accedeva tutti i giorni.

Data la crescita, tutti i soldi iniziali erano già finiti. Pertanto, essendoci la necessità di ulteriori investimenti, Eduardo aprì un conto con un saldo di 10, 000 di dollari.

Secondo Ben Mezrich, con la fine dell'anno accademico, Mark ed Edward si dovettero organizzare meglio per poter fronteggiare una tale crescita.

I primi passi furono l'aggiornamento e la manutenzione continui, poiché c'erano molte persone che accedevano alla piattaforma continuamente. Successivamente, c'era da trovare il modo di fare soldi attraverso le inserzioni pubblicitarie.

Dopo la fine dell'anno accademico, Eduardo accettò uno stage estivo a New York presso una banca d'investimento. La sua idea era di generare nuove forme di entrate per il sito. Mark e Dustin partirono per la California per lavorare su Facebook. L'obiettivo di entrambi era che il sito raggiungesse più di cento università.

La vita in California e l'entrata di Sean Parker

In California, Mark incontrò Sean Parker, un ragazzo che aveva sempre desiderato lavorare su Facebook ma aveva incontrato il parere negativo di Eduardo.

Parker non aveva casa e quindi decise di accettare l'invito di Mark di andare a vivere con lui. Mark sapeva che sarebbe stata una buona opportunità perché Parker aveva conoscenze e avrebbe innalzato i risultati del sito. Un certo giorno, tuttavia, Eduardo arrivò in California e vide Parker incontrarsi con alcuni investitori di Facebook. Questo comportò che Eduardo bloccò il conto bancario della compagnia.

A causa di ciò Mark chiese aiuto a Parker che trovò un investitore in grado di offrire 500, 000 dollari in cambio del 7% della compagnia.

Mark e Parker investirono tutte le proprie forze nella compagnia e decisero di non tornare ad Harvard, mentre Eduardo vi tornò per completare gli studi. Dopo otto settimane, Eduardo tornò in California e firmò alcuni documenti ma senza pensare a quelle che sarebbero state le conseguenze.

Percorsi diversi

Nell'aprile 2005, Facebook stava crescendo ad alta velocità, aveva raggiunto circa 500 università e 3 milioni di persone.

In quello stesso periodo, Eduardo fu chiamato da Mark a un incontro di lavoro. Arrivato in California, c'era solo l'avvocato di Mark che chiedeva la firma di alcuni documenti.

Secondo l'autore, l'avvocato disse a Eduardo che non faceva più parte della compagnia e che ne aveva fatto parte solo grazie ai soldi che aveva investito in essa.

Eduardo fece delle verifiche è scoprì di essere stato eliminato e che la sua percentuale di buonuscita non sarebbe stata adeguata. Quindi per lui non c'era altra via d'uscita che denunciare Mark per avere il 30% della compagnia. Nel frattempo, Mark e Parker erano impegnati con le strategie di crescita di Facebook nella Silicon Valley.

Le cose poi si evolsero. Parker divenne presidente di Facebook ma venne arrestato per possesso di deroga e questo lo costrinse a lasciare Facebook e a diventare poi partner di un'altra compagnia.

Secondo Ben Mezrich, il punto di vista di Mark era che Facebook non fosse altro che una rivoluzione nello scambio di informazioni.

Nel 2007, Microsoft, infine, acquistò l'1, 6% di Facebook per 240 milioni di dollari.

È noto che oggi Facebook è un riferimento nei social network e ha un valore di mercato di circa 500 miliardi di dollari.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Peter F. Drucker, in "Il Manager Efficace", chiarisce che i dirigenti possono essere brillanti, fantasiosi e informati, ma allo stesso tempo inefficienti. I dirigenti efficaci sono sistematici. Lavorano sodo nelle aree giuste e questi professionisti della conoscenza aiutano l'azienda a ottenere risultati. Lo vediamo perfettamente quando Mark usa le sue conoscenze di programmazione.

Nel libro "Nella Testa di Steve Jobs", Leander Kahney afferma che una delle cause del successo di Apple è che Steve Jobs pone l'esperienza dell'utente in primo piano. Lo possiamo vedere perfettamente nel desiderio di Mark non solo di creare Facebook, ma anche di condividere con tutti e rendere l'esperienza dell'utente ancora migliore.

Sull'importanza di Internet per il marketing, Seth Godin, autore del libro "This Is Marketing", spiega che Internet ha cambiato le regole del gioco. È il mezzo più massiccio mai creato perché collega miliardi di persone. E all'interno di Internet uno dei principali social network è Facebook.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Il grande insegnamento che possiamo trarre da questa lettura è che dobbiamo trasformare i nostri desideri in realtà. Però, come?

Sai quale idea di azienda hai in mente e continui a rimandare? Sì, scommetto che ci stai pensando da molto tempo e che sai che nulla avverrà se non prendi una decisione adesso.

Anche se non sei pronto, vai avanti. Dopo tutto, scoprirai qual è la preparazione ideale mentre sei per strada. Fallirai ma questo ti renderà più forte e più vicino al tuo sogno. Sì, questo è l'unico modo.

Un altro punto che possiamo considerare è che per costruire un'azienda mostruosa come Facebook ci vuole il 100% di impegno. Possiamo concludere che Eduardo era solo l'investitore iniziale e non qualcuno che viveva e respirava il business come Mark.

Quindi non limitarti a fare affari, ma vivili. Lavora instancabilmente alla ricerca di miglioramenti continui e il successo apparirà.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Miliardari per Caso"?

Condividi la tua opinione con noi attraverso i commenti qui sotto! Ricorda che il tuo feedback è sempre il benvenuto!

Se vuoi approfondire questa storia, puoi acquistare il libro al link seguente:

Libro 'Migliadari per Caso'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!