Il Cigno Nero - Nassim Nicholas Taleb

Il Cigno Nero - Nassim Nicholas Taleb

Scopri perché gli eventi imprevedibili, i cosiddetti cigni neri sono sottovalutati, perché le persone vedono modelli fuorvianti nei dati e impara ad abbracciare la casualità.

Ti sei mai reso conto che siamo sempre alla ricerca di una spiegazione logica di ciò che accade?

Questo perché la mente umana non è preparata ai cigni neri e cerca di forzare una spiegazione coerente, quando spesso non ce n'è una.

È molto più facile per noi ricordare una sequenza di eventi quando sono collegati rispetto a quando sono casuali.

Vuoi saperne di più? Continua a leggere questo riassunto!

Sul libro "Il Cigno Nero"

"Il Cigno Nero" (2010), traduzione dell'originale "The Black Swan", presenta una panoramica della casualità e dei problemi che possono portarci a fare delle previsioni.

L'autore Nassim Nicholas Taleb ci mostra come affrontare i cigni neri e come non cadere nella trappola delle persone che si definiscono esperte.

Circa l'autore Nassim Nicholas Taleb

Nassim Nicholas Taleb è un professore di ingegneria del rischio del Politecnico di New York University, presidente della società di investimento Empirical, consigliere di gruppo Universa e un importante investitore nel mercato finanziario.

Inoltre, Taleb è l'autore di altri libri come "Antifragile". Prosperare nel disordine e Rischiare grosso. L'importanza di metterci la faccia nella vita di tutti i giorni.

Per chi è questo libro?

Il contenuto di questo lavoro è fortemente raccomandato per tutte le persone il cui lavoro comporta l'analisi di grafici e tendenze, per coloro che desiderano minimizzare il rischio e per chi è interessato all'epistemologia.

Principali idee tratte dal libro "Il Cigno Nero"

I punti salienti del libro di Nassim Nicholas Taleb sono:

  • I cigni neri sono eventi altamente improbabili, che sono facilmente spiegabili, ma solo dopo che si sono già verificati;
  • I cigni neri sono alla base della tecnologia, della scienza, degli affari e della cultura;
  • In un mondo sempre più connesso, i cigni neri stanno diventando più comuni;
  • La mente umana è soggetta a numerosi punti ciechi, illusioni e pregiudizi;
  • Uno dei pregiudizi più pericolosi è l'uso improprio di strumenti statistici standard, come la "curva a campana", che ignora i cigni neri;
  • Altri strumenti statistici, come la "distribuzione della legge di potenza", sono molto più adatti a modellare molti fenomeni importanti;
  • La maggior parte delle previsioni sono pseudoscienze.

Questo libro è composto da 4 parti: "quando tutti i cigni erano bianchi", "l'errore della narrativa", "mediocristan o estremistan?" e "falsa predizione".

Parte I: Quando tutti i cigni erano bianchi

Per cominciare, capiamo qual è l'origine dell'espressione cigno nero e perché dà il titolo al libro.

Prima del 1697, gli insegnanti insegnavano con sicurezza ai bambini delle scuole europee che tutti i cigni erano bianchi.

Avevano poche ragioni per pensare diversamente poiché tutti i cigni già esaminati avevano lo stesso piumaggio color neve.

Ma poi l'esploratore olandese Willem de Vlamingh sbarcò in Australia e tra le tante creature, incontrò uccelli con piume scure che sembravano molto simili a cigni.

Una volta osservati, costrinsero gli europei a rivedere per sempre il loro concetto di "cigno".

Nel corso del tempo i cigni neri sono diventati più comuni. Solo perché non li hai mai visti non significa che non esistano.

Eventi improbabili sembrano impossibili quando sono nell'ignoto o nel futuro. Ma una volta accaduti, le persone li assimilano alla loro concezione del mondo.

Lo straordinario diventa comune, e gli esperti, in qualità di analisti politici e di mercato, sbagliano perché non hanno previsto il verificarsi (poi apparentemente ovvio) dell'evento improbabile.

Pensa all'avvento delle Guerre Mondiali I e II, agli attacchi terroristici dell'11 settembre, al lancio di Internet negli anni '90, o a invenzioni che cambiarono il mondo come il motore a combustione interna, il personal computer e Internet.

Questi eventi e invenzioni sono arrivati "dal nulla", ma a ben vedere, sembrano quasi inevitabili.

Parte II: L'errore della narrativa

Nella Parte 2, Nassim Nicholas Taleb spiega come e perché la nostra mente cerca uno schema in tutti gli eventi, anche quando non ce n'è uno.

Le storie aiutano le persone a ricordare e capire il passato. Pensa al profilo tipico di un uomo d'affari di successo in una rivista economica.

La narrazione inizia nel presente, dopo che è diventato ricco, oltre i suoi sogni più ambiziosi.

Poi si torna ai suoi umili inizi.

Ha iniziato "dal nulla" e voleva diventare ricco, affrontando un ostacolo dopo l'ostacolo che gli si presentava.

Ma ha preso decisioni sagge e ha avuto la meglio su coloro che gli consigliavano di essere cauto.

Come un successo costruito, ha accumulato una fortuna. È andato presto in pensione, ha sposato una modella e ora ha dei bambini meravigliosi.

È un superuomo, un'ispirazione.

Ora considera un'ipotesi alternativa: è stato fortunato.

Le sue virtù non avevano nulla a che fare con il suo successo. È essenzialmente un vincitore della lotteria.

Il pubblico guarda alla sua vita e inventa una storia su quanto sia stato brillante, quando in realtà era solamente nel posto giusto al momento giusto.

Questo è un "errore dei giochi": la gente sottovaluta la fortuna nella vita - sebbene la sopravvaluti ironicamente in determinati giochi d'azzardo.

Persino l'imprenditore stesso è vittima di un pensiero difettoso. Guarda a se stesso, e arriva a una conclusione radicale, come, "Se io ho potuto farlo, chiunque può riuscirci!"

Non tutto il successo è fortuna. In alcune professioni, l'abilità è importante (ad esempio, se sei un dentista), ma la fortuna domina in altri casi.

Nel caso dell'imprenditore ispiratore, considera le persone che hanno iniziato dallo stesso posto come lui.

Dove sono tutte le persone con posizioni simili che hanno iniziato come lui e hanno gli stessi attributi? Sono anche loro ricche? O sono senzatetto?

La mente usa molti schemi di semplificazione che possono portare all'errore.

Una volta che le persone hanno delle teorie, cercano prove di conferma, che chiamiamo bias di conferma.

Per provare che le loro teorie funzionano, le persone si concentrano ad analizzare una serie temporale o in una sequenza storica, cercando e trovando modelli che non sono in realtà tali.

Parte III - "Mediocristan" o "Estremistan?"

In questa panoramica, l'autore spiega i concetti di Mediocristan o Extremistan.

La mente umana tende ad smorzare le caratteristiche della realtà nuda e cruda. È importante?

Può essere importante e molto, a seconda che tu sia in Mediocristan o nell'Estremistan. Dove sono questi strani posti? Da nessuna parte.

Sono, infatti, metafore memorabili per ricordare due classi molto diverse di fenomeni naturali.

Il Mediocristan fa riferimento a fenomeni che potresti descrivere con concetti statistici standard, come una distribuzione gaussiana, nota come "curva a campana".

L'Extremistan si riferisce a fenomeni in cui un singolo evento o persona può distorcere radicalmente la distribuzione.

Per capire la differenza, pensa all'altezza umana rispetto alla vendita dei biglietti del cinema.

Mentre un campione di umani può contenere persone molto alte (forse una persona di due metri) e alcune persone molto basse (forse cinque piedi), non troverai nessuno alto 3.000 piedi o alto 3 pollici.

La natura limita le altezze nei campioni.

Ora considera le vendite dei biglietti del cinema.

Un film di successo può avere vendite che superano il valore medio di così tanto che la modellizzazione del campione con una curva gaussiana è fuorviante - rendendo così inutile la nozione di valore medio.

Faresti meglio ad usare un diverso tipo di curva per questi dati, ad esempio la curva della legge di potenza di Vilfredo Pareto (dalla famosa legge 80/20). In una distribuzione modellizzata con una legge di potenze, gli eventi estremi non sono trattati come valori anomali.

Parte IV - False previsioni

In questa panoramica capiremo perché essere in Extremistan può essere pericoloso e perché bisogna guardarsi dagli esperti.

Essere in Extremistan potrebbe non essere così male se si potesse prevedere quando gli eventi estremi si verificano e quanto sono grandi. Ma nessuno può farlo con precisione.

Pensa ai film di successo. Lo scrittore William Goldman è famoso per aver descritto il segreto dei successi di Hollywood: nessuno può prevederne uno.

I prezzi delle azioni sono gli stessi. Chiunque affermi di essere in grado di prevedere il prezzo di una prodotto in futuro è un ciarlatano.

Tuttavia, le riviste sono piene di previsioni in merito a ciò che accadrà sul mercato. Lo stesso per la tecnologia.

Sai quale sarà il prossimo grande evento? No. Nessuno lo sa. I prognostici spesso trascurano grandi eventi importanti: i cigni neri che governano la storia.

Quando tutto ciò che hai è un martello, tutto diventa un chiodo.

Se tutto quello che hai sono curve gaussiane, sigma (deviazioni standard) e casualità moderate e comuni, vedrai curve a campana ovunque e spiegherai i dati che non sono confermati come "valori anomali" o "rumore".

Inoltre, gli esseri umani seguono il branco e cercano una guida esperta.

Tuttavia, alcuni problemi non possono avere esperti perché i fenomeni che l'esperto dovrebbe conoscere sono completamente casuali.

Certo, questo pensiero scomodo richiede un palliativo, cioè pensare che il mondo sia molto più organizzato e uniforme di quanto non sia normalmente. Questa convinzione che tranquillizza di solito piace alle persone.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Richard Thaler, nel suo libro "Misbehaving", spiega che gli esseri umani non hanno un comportamento razionale nelle loro decisioni di acquisto, andando contro quanto previsto dalle teorie economiche tradizionali. Presuppone che le persone reali agiscano in modi prevedibilmente irrazionali, sviluppando la teoria dell' "Economia comportamentale".

Nel libro "Il Principio 80/20", Richard Koch presenta come utilizzare il Principio di Pareto, il quale afferma che il 20% dei nostri sforzi equivale all'80% dei nostri migliori risultati, nella vita professionale e personale. Afferma che lo stato naturale del mondo è lo squilibrio, non l'equilibrio.

Infine, in "Mindset", Carol Dweck presenta due tipi di mentalità: la mentalità di crescita e la mentalità fissa. Le persone con una mentalità di crescita amano le sfide perché credono che l'errore sia una fonte di apprendimento, non avrebbero paura di dimostrare le proprie convinzioni e ammettere che hanno ancora bisogno di imparare.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Capiamo come rendere il cigno nero un amico.

Tieni gli occhi aperti per individuare i cigni neri: guardati intorno e fai in modo di accorgerti di quando sei in Extremistan anziché in Mediocristan.

Le credenze sono attraenti, ma non attenerti a loro: controlla le tue credenze quando ti trovi di fronte a prove contrarie. Abbi il coraggio di dire "non so", "ho sbagliato" o "non ha funzionato".

Scopri dove puoi muoverti e dove non puoi: stai cercando di prevedere che tipo di torta di compleanno desideri tua figlia?

Forse non lo sai: pensa al di fuori delle solite categorie concettuali. Elimina le alternative che sai essere sbagliate invece di cercare sempre di capire cosa è giusto.

All'aumentare del periodo di previsione, gli errori di previsione aumentano in modo esponenziale: sospendi il giudizio laddove le prove sono insufficienti e non fidarti di previsioni eccessivamente accurate. Spesso devi concentrarti solo sulle conseguenze, non sulle probabilità.

Esponiti a "cigni neri positivi": e, allo stesso tempo, proteggiti dai negativi. "Scommetti centesimi per guadagnare dollari." Cerca asimmetrie in cui le conseguenze favorevoli siano maggiori di quelle sfavorevoli.

Guarda ciò che non è ovvio: cerca la prova di non conformità per le teorie. Pensa: "Quale evento confutarebbe questa teoria?" piuttosto che accatastare le prove che la convalidino, e trova qualsiasi prova che contraddica la tua nozione. In altre parole: l'accumulo di prove confermative non dimostra una teoria o un modello mentale.

Evita il dogmatismo: "Denuncia" il passato e ricorda che la storia mente. Questo è il punto principale: i dogmatismi sono un'armatura psicologica contro "le frecce della fortuna avversa". Pensa per te.

Questo universo, questo pianeta e vita su di esso erano tutti eventi altamente improbabili. Ma sono successi. Quindi goditi la tua buona fortuna e ricorda che anche tu sei un cigno nero.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Il Cigno Nero"?

Allora, ti è piaciuto il riassunto? Non dimenticare di lasciare il tuo feedback nei commenti!

Inoltre, l'edizione completa del libro è disponibile per l'acquisto di seguito:

Libro 'Il Cigno Nero'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!