The E-Myth Revisited - Michael E. Gerber

The E-Myth Revisited - Michael E. Gerber

Scopri il percorso per costruire business di successo attraverso le esperienze di Michael E. Gerber.

Sai qual è la vera ragione per cui la gente fonda un'azienda? E, queste persone lo fanno rischiando investimenti nella ricerca di profitti, come imprenditori nati, o è solo quello che possiamo chiamare "il mito dell'imprenditore"?

Aprire una piccola impresa è il sogno di molte persone che desiderano smettere di essere impiegati per assumere il ruolo di capo, raggiungendo l'autonomia per gestire e innovare nelle loro aree di attività, oltre alla ricerca di ascensione finanziaria.

Ma, per fare questo, non basta avere la volontà e le conoscenze nel settore di attività scelto. In questo riassunto del libro "The E-Myth Revisited", scopri ciò che serve per avviare imprese sostenibili, attraverso l'esperienza dell'autore Michael E. Gerber, che ha già aiutato migliaia di piccoli imprenditori in tutto il mondo.

Vuoi scoprire cos'è il mito dell'imprenditore e qual è la chiave del successo nella creazione di piccole o grandi aziende? Poi, continuate a leggere mentre vi mostriamo la realtà della nascita delle imprese e chi le fa accadere.

Sul libro "The E-Myth Revisited"

Il libro "The E-Myth revisited", è stato pubblicato nel 2011, ed è stato scritto dell'autore Michael E. Gerber.

Il libro consiste di 214 pagine, che è diviso in 3 parti e 19 capitoli, in cui affrontano il tema della creazione di imprese, affrontando i processi di sviluppo del business, obiettivi e strategie.

Il libro è un bestseller e ha venduto più di tre milioni di copie in tutto il mondo.

Circa l'autore Michael E. Gerber

Michael E. Gerber è un rinomato autore americano che ha dedicato la sua vita a comprendere e migliorare il mondo dell'imprenditoria.

Nel 1977 ha fondato E-Myth Worldwild, che lavora con la guida delle piccole imprese. Autore di 13 libri, è stato coach, insegnante e formatore ed è diventato il "guru" più illustre del mondo per le piccole imprese.

Per chi è questo libro?

Questo libro è indicato per coloro che vogliono aprire il proprio business e avere successo in questo viaggio, per le persone che sono imprenditori e vogliono sfruttare le loro imprese e anche per le persone che hanno già visto chiudere le loro aziende, ma vogliono trovare la strada giusta per un nuovo tentativo.

Principali idee tratte dal libro "The E-Myth Revisited"

  • Perché il mito dell'imprenditore non è reale;
  • L'equilibrio tra le personalità tecniche, manageriali e imprenditoriali;
  • Un'azienda di successo non dipende dalle persone, ma dai sistemi;
  • Per avere successo, bisogna lavorare per l'azienda e non nell'azienda;
  • La creazione del prototipo aziendale è un processo continuo basato su innovazione, quantificazione e orchestrazione;
  • Il programma di sviluppo del business è basato su obiettivi e strategie;
  • L'integrazione tra tutti i sistemi dell'azienda è essenziale.

In questo riassunto, affronteremo i punti importanti dell'autore del libro "The E-Myth Revisited" per creare imprese sostenibili. Vogliamo andare a prenderlo?

Il mito dell'imprenditore e delle piccole imprese

Per iniziare a capire la visione dell'autore Michael Gerber sull'imprenditorialità, il libro di Michael Gerber inizia con la scomposizione dell'idea del "mito dell'imprenditore". Ma cos'è esattamente questo mito? Ebbene, è l'idealizzazione dell'imprenditore, che in realtà è circondato dall'ignoranza stessa su ciò che accade nel mondo degli affari, e Michael Gerber sottolinea ulteriormente:

"Le sue radici affondano nella credenza romantica che le piccole imprese siano create da imprenditori, il che il più delle volte non è vero".

Quindi, chi avvia piccole imprese?

Per rispondere a questa domanda è necessario capire la differenza tra l'imprenditore, l'amministratore e il tecnico.

Il tecnico è quello che lo fa, e possibilmente quello che apre una piccola impresa perché crede che le conoscenze che possiede sono quelle necessarie per essere un imprenditore. Ma non lo è, è stato semplicemente preso dalla malattia dell'imprenditoria. E questo ha delle conseguenze.

"La malattia dell'imprenditoria trasforma il mestiere nato dall'amore in un peso".

Così il "The E-Myth Revisited" mostra che le persone che effettivamente entrano nel mondo degli affari hanno tutti e tre i profili.

Il profilo dell'imprenditore è guidato dai sogni e dalla capacità di vedere le opportunità, mentre la personalità manageriale è responsabile dell'organizzazione e della pianificazione delle azioni.

Inevitabilmente, una personalità spicca e può causare uno squilibrio che sarà sentito dal business. Ma quando sono equilibrati, l'imprenditore, l'amministratore e il tecnico sono la chiave per gestire un business di successo.

L'infanzia, o la nascita dell'azienda, è di solito segnata dal tecnico che è stato spinto dal desiderio di smettere di essere un dipendente per diventare un datore di lavoro. Ma, il tecnico tende a voler eseguire tutte le funzioni veramente tecniche, e lascia da parte la parte amministrativa del business. E qual è il costo di questo?

"Più il proprietario fa, meno i dipendenti fanno. Meno i dipendenti fanno, più il proprietario è convinto di dover fare tutto lui".


Sembra che siamo in un loop, vero? E come ne usciamo? Conoscete già la risposta. Devi maturare e diventare un amministratore, essere quello che gestisce le persone invece di quello che fa tutto il lavoro.

Senza tornare ad essere una piccola azienda, l'amministratore dirige l'attività verso la crescita. E può essere naturale pensare che questo sia un percorso di sviluppo, passando attraverso queste fasi, ma non è esattamente quello che Michael E. Gerber ritrae nel libro.

Cita grandi aziende, come McDonald's, che non sono passate attraverso fasi di maturità, sono semplicemente partite mature, sono aziende che sanno come ci sono arrivate e sanno anche esattamente cosa fare per raggiungere i loro obiettivi.

E la differenza è proprio nella prospettiva dell'imprenditore, che si tratta di avere un modello aziendale funzionale e non solo un modello di lavoro funzionale.

Il lavoro dice che questo modello dovrebbe soddisfare il bisogno di un gruppo di clienti in modo innovativo. Per chiarire questo, e metterlo in relazione con il tecnico, l'amministratore e l'imprenditore, si possono evidenziare alcuni punti sul modello di business:

  • Il modello dovrebbe essere stimolante e che accende l'immaginazione dell'imprenditore per liberarsi dal tecnico;
  • L'amministratore e il tecnico hanno bisogno dei loro modelli;
  • L'amministratore ha bisogno di un modello che garantisca un'adeguata pianificazione aziendale
  • Il tecnico ha bisogno di un modello che soddisfi il suo bisogno di lavorare.

E, come già detto, è necessario cercare un equilibrio, un modello che armonizzi tutti i fattori. Quindi, per risolvere questo problema conosceremo la rivoluzione Turn-Key.

La rivoluzione chiavi in mano

"Al centro della rivoluzione Turn-Key c'è un modello di fare affari che ha il potere di trasformare drasticamente qualsiasi piccola impresa".

Per capire cos'è la rivoluzione Turn-Key, "The E-Myth Revisited" porta alla mente, di nuovo, una storia di successo: la catena di franchising McDonald's.

Conosciuto come il piccolo business di maggior successo al mondo, McDonald's è diventato quella grande catena quando Ray Kroc ha deciso di aprire il primo franchising dopo aver capito il potenziale del business.

Quel potenziale era segnato dalla capacità di produrre rapidamente degli hamburger identici, che possono essere fatti da chiunque. Poi, era necessario un modello di business efficiente per espandere la rete, qualcosa di più di un semplice franchising di marca, un modello in cui il franchisor concede i diritti ad altri per commercializzare i propri prodotti.

Se volete saperne di più sulla creazione di McDonald's, guardate il nostro riassunto del libro "La Vera Storia del Genio che ha Fondato McDonald's".

Stiamo parlando del franchising di business formattato, in cui non solo i prodotti sono offerti, ma anche l'intero sistema di business. Il che porta un'altra grande lezione sottolineata da Michael E. Gerber nell'opera:

"Un'impresa deve dipendere dai sistemi, non dalle persone".

Quando il sistema funziona bene e può essere riprodotto, l'azienda ha la possibilità di espandersi nel sistema di franchising. E, per arrivare a questo punto, è necessario lavorare per l'azienda e non nell'azienda. Un'altra grande differenza tra il tecnico e l'imprenditore.

Quando il lavoro è fatto dall'azienda, quello che fai è creare strutture per farla funzionare senza di te. In questo modo, l'imprenditore controlla la propria vita piuttosto che essere dominato dal suo lavoro.

Per avere successo nel business del franchising, "The E-Myth Revisited" porta sei punti da analizzare quando si costruisce questo modello di business:

  1. Offrire valore al di là di ciò che ci si aspetta da clienti, dipendenti, fornitori e finanziatori;
  2. Può essere utilizzato da persone con un basso livello di formazione;
  3. Costruire un luogo di ordine impeccabile;
  4. Documentare tutto il lavoro nei manuali operativi;
  5. Offrire un servizio uniformemente prevedibile;
  6. Utilizzare un codice di colore, abbigliamento e strutture.

Ma non può essere così facile, vero? Creare imprese che funzionano ha molti più aspetti da considerare rispetto ai soli sei passi.

Creare un piccolo business che funziona

In questa parte finale Michael Gerber in "The E-Myth Revisited" chiama il Business Development Process il processo continuo di creazione del prototipo dell'azienda, basato su tre attività principali:

  1. Innovazione: l' innovazione è l'atto di fare cose nuove e deve occupare il centro delle imprese per avere successo;
  2. Quantificazione: la quantificazione è un alleato dell'innovazione, misura quanto i nuovi atteggiamenti incidono sui risultati;
  3. Orchestrazione: dopo aver innovato e testato i risultati, è necessario orchestrare il funzionamento delle attività, modellando sempre le migliori strategie.

Una volta fatto questo, è il momento di pensare a come riprodurre questo prototipo in altri luoghi attraverso un programma di sviluppo aziendale.

Questo programma comporta la definizione di diversi punti, che sono: l'obiettivo principale, l'obiettivo strategico e le strategie organizzative, di gestione, del personale, di marketing e dei sistemi.

Parliamo un poco di più di ognuno di loro.

Obiettivo principale

Questo obiettivo dovrebbe essere focalizzato su di te e non sulla società, quindi è quello che volete dalla tua vita. In questo modo, l'obiettivo principale è importante per dare ragione alla tua impresa.

Obiettivo strategico

È ciò che la vostra azienda dovrebbe fare affinché il vostro obiettivo personale e principale sia raggiunto. Rendendo l'azienda il mezzo attraverso il quale l'imprenditore realizza i suoi sogni, l'obiettivo strategico può essere visto come uno strumento per valutare questo viaggio sulla base di standard.

Il primo standard è il denaro, gli altri sono definiti secondo il business e possono essere basati sul tempo di creazione del prototipo e sull'area di azione. Non c'è limite alla quantità di standard creati.

Strategie organizzative

L'organizzazione è essenziale, anche per le piccole imprese, e non deve essere basata su personalità e persone, ma su ruoli e responsabilità.

È importante creare un organigramma, con le responsabilità e le funzioni di ogni membro dell'azienda. Anche l'imprenditore avrà le sue funzioni e deve sapere che i suoi atteggiamenti devono essere quelli che si aspetta dai dipendenti.

Se il leader non segue le regole, allora nessun altro sarà obbligato a seguire.

Strategie di gestione

"Il Sistema di Gestione è la strategia di gestione che fa sì che l'azienda produca i risultati desiderati".

La strategia di gestione si basa in realtà sulla creazione di un sistema di gestione, che deve essere incluso nel prototipo per generare un risultato sul mercato. Deve essere il più automatico ed efficace possibile.

Questo sistema deve essere sviluppato e testato, e affronta tutte le fasi per la fidelizzazione del cliente. Avendo bisogno di un minimo di interferenza umana, è una performance schematizzata passo dopo passo del tuo business per attrarre e convertire nuovi clienti.

Strategie personale

Come fai a mantenere il tuo staff impegnato e a svolgere i ruoli designati? La risposta sta in una buona strategia del personale.

Per creare una buona strategia del personale è necessario mostrare ai tuoi dipendenti che fare i compiti assegnati è più importante che non farli, quindi dovrebbe essere chiaro cosa c'è dietro il lavoro di ogni persona, qual è l'obiettivo.

Quindi, è in questa strategia che comunicherete l'obiettivo principale, l'obiettivo strategico, l'organigramma e il contratto di lavoro e i manuali operativi che definiscono il lavoro.

Questa strategia sarà dimostrata da atteggiamenti e convinzioni, attraverso gli standard stabiliti.

Strategie di marketing

Le strategie di marketing sono orientate all'interesse del cliente. Parte di questo è la capacità di mettere da parte i propri pensieri su ciò che il cliente vuole per scoprire effettivamente i suoi desideri.

"Quando il cliente dice" ci penserò "non crederci".

Questa è una frase comune da sentire, e perché Michael E. Gerber dice di non crederci?

Quando questa è la risposta del cliente, ha effettivamente pensato, e ci sono due opzioni per il suo pensiero: o è emotivamente incapace di rifiutare o la sua mente inconscia non è stata sufficientemente alimentata.

È nella mente inconscia che si prendono le decisioni, come un appello emotivo che poi riceve sostegno dalla mente cosciente.

Così il libro evidenzia due pilastri per costruire una strategia di marketing efficace: demografia e psicografia. La demografia riguarda la conoscenza del vostro cliente, sapere chi è realmente, mentre la psicografia riguarda la comprensione del perché farebbero un acquisto, il "perché" dell'acquisto.

Strategie di sistema

Che i sistemi siano la chiave del successo negli affari lo avrete già capito, ma è solo nei momenti finali de Il mito dell'imprenditore, che Michael E. Gerber definisce il sistema:

"Un sistema è un insieme di oggetti, azioni, idee e informazioni che interagiscono e quindi alterano altri sistemi".

E in un'azienda ci sono tre tipi di sistemi:

  1. Sistemi rigidi: questi sistemi sono composti da elementi inanimati, come le attrezzature di lavoro e i colori dei settori aziendali;
  2. Sistemi malleabili: qui si parla di esseri viventi e anche di idee, come i dipendenti e le loro idee per il business;
  3. Sistemi di informazione: questo è l'anello di congiunzione tra i sistemi rigidi e malleabili, il libro "The E-Myth Revisited" cita come esempi: controllo delle scorte, previsione dei flussi di cassa e rapporto d'attività.

Essendo una parte essenziale del programma di sviluppo, oltre ai punti evidenziati, l'integrazione tra i sistemi dell'azienda.

Tutti gli obiettivi e le strategie evidenziate funzionano solo se sono pensati insieme. Non possono essere separati. Quindi, il punto chiave, il prototipo stesso, è l'integrazione.

È l'unione e l'armonia delle comunicazioni nell'azienda, le strategie di reclutamento, il nome dell'azienda, le pubblicità, le componenti visive. Oggetti, azioni, idee e informazioni che camminano insieme.

"Se capite tutto questo, è segno che è valsa la pena di leggere questo libro.

Se non capisci, togliti la benda perché non c'è più tempo.

Hai troppe cose da fare.

Non c'è tempo per lanciare un dardo nel buio ."

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel libro "Manual Completo de Empreendedorismo", i 53 autori che lo hanno scritto affermano che l'obiettivo dell'imprenditorialità non dovrebbe essere solo il guadagno finanziario. Anche se generare entrate è molto importante, fare ciò che ti piace ti motiverà, ti ispirerà e ti aiuterà ad ottenere il meglio dal tuo business.

In "Innovation and Entrepreneurship", l'autore Peter Ferdinand Drucker difende la teoria che la creatività e l'innovazione non sono atti di genio, ma uno studio, una ricerca e una pianificazione che richiede disciplina per seguire passi sistematici. Considera che per innovare è necessario avere la disciplina per applicare le tecniche giuste.

Infine, nel libro "Inove ou Morra", di Luiz Guimarães, introduce una proposta che cerca di modernizzare e innovare le aziende per adattarsi all'era digitale, concentrandosi principalmente sui clienti. Il lavoro porta riflessioni che aiutano a comprendere meglio i cambiamenti e le loro cause, oltre ad affermare che non è necessario essere una Startup per innovare

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Quindi, ora che avete visto i concetti su "The E-Myth Revisited", che ne dite di riassumere con alcuni consigli pratici?

  • Non lasci che la personalità tecnica domini il tuo business, non puoi fare tutte le funzioni dell'azienda;
  • Creare procedure operative che possano essere seguite da chiunque lavori con te;
  • I compiti dovrebbero essere assegnati in base ai ruoli e alle responsabilità;
  • Per mantenere la squadra impegnata, il leader deve dare l'esempio e adempiere ai ruoli stabiliti;
  • Rendere i dipendenti dell'azienda consapevoli dell'obiettivo dell'azienda, il motivo per cui svolgono i loro compiti;
  • Concentrarsi sulla comprensione del motivo che porterei il cliente a fare l'acquisto;
  • Ricordati: tutto ciò che viene pianificato e realizzato nell'azienda deve essere integrato.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "The E-Myth Revisited"?

Non dimentica di lasciare il tuo feedback su questo contenuto e la tua valutazione qui nei commenti!

E, se vuoi conoscere maggiori dettagli sulle esperienze e le storie di Michael E. Gerber che lavora alla E-Myth Worldwide, puoi trovare il libro "The E-Myth Revisited" completo cliccando sull'immagine sotto! Buona lettura!

Libro The E-Myth Revisited

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!