L’Industria della Felicità - William Davies

L’Industria della Felicità - William Davies

Scopri perché aziende e governi del XXI secolo cercano di aumentare la felicità e come si è sviluppata la loro scienza della misurazione e della manipolazione.

I lavoratori felici sono più produttivi. Tuttavia, molti di loro, oggi, non sono soddisfatti di ciò che fanno. L'alto tasso di assenteismo e apatia sul posto di lavoro costano miliardi di dollari in perdita di produttività ogni anno. Manager e specialisti hanno risposto a questo problema con lo sviluppo di programmi volti ad aumentare il livello di soddisfazione e felicità sul lavoro. Questo ha contribuito a migliorare i risultati? Per imparare, continua a leggere questo sommario.

Sul libro "L'Industria della Felicità"

In "L'Industria della Felicità" l'autore William Davies ci dice come venditori, economisti e i loro leader misurano la felicità e il modo in cui ne traggono vantaggio.

Il libro è un'analisi approfondita di come il benessere stia diventando un prodotto e di quelle che saranno le conseguenze di ciò.

Circa l'autore "William Davies"

William Davies è professore e direttore senior del Goldsmith Center for Political Economy Research dell'Università di Londra. È anche sociologo e ha scritto per diversi giornali importanti come The Guardian, New Left Review, tra gli altri.

Inoltre, Davies è anche autore dei libri "The Limits of Neoliberalism: Authority, Sovereignty and the Logic of Competition e Nervous States: How Feeling Took Over the World."

Per chi è questo libro?

Il contenuto di questo libro è destinato alle persone interessate al ruolo della felicità nella società moderna e a tutti coloro che hanno a cuore le violazioni della privacy nell'era di Internet.

Principali idee tratte dal libro "L'Industria della Felicità"

I punti salienti del libro di William Davies sono:

  • La politica economica globale considera la felicità e il coinvolgimento dei lavoratori come preoccupazioni centrali;
  • Le aziende considerano la felicità una risorsa, non un obiettivo;
  • La scienza può misurare la felicità;
  • I social network hanno acquisito molta influenza perché sono strumenti che mostrano i dati sul benessere della popolazione;
  • I tassi di malattie psicologiche sono correlati con problemi sociali, ad esempio la disuguaglianza;
  • Un approccio efficace per il benessere è quello di concentrarsi sulla riforma istituzionale.

Questo riepilogo contiene sette aspetti importanti legati all'industria della felicità: "Il regime della felicità", "La storia dei metri di felicità", "Comportamentismo sociale", "Il ritorno dei metri", "Lavoratori infelici", "L'influenza della tecnologia" e "Conseguenze".

Aspetto I: Il regime della felicità

In questa prima parte, contestualizzeremo l'attuale preoccupante scenario di malattie psicologiche e apatia in tutto il mondo.

La mancanza di coinvolgimento dei lavoratori mina la produttività e la diffusione di malattie psicologiche sta gravando sulle risorse governative.

L'aumento dei tassi di depressione e disimpegno dei lavoratori può spiegare perché coloro che detengono il potere nelle corporazioni e nel governo, ora danno la priorità alla crescita della felicità.

I leader aziendali e i responsabili politici sono fortemente interessati alle tecniche e alle tecnologie che possono essere utilizzate per misurare e mitigare lo stress, l'apatia e la depressione.

Le corporazioni ora creano posizioni come "direttore generale della felicità".

Essi fanno affidamento sulle neuroscienze per monitorare gli stati d'animo dei dipendenti e assumere consulenti comportamentali per creare programmi che incoraggino i membri della loro forza lavoro.

I governi mantengono statistiche sul benessere nazionale e offrono indicazioni ottimistiche ai disoccupati.

Parte II: La storia dei metri di felicità

Nella seconda parte, impareremo da dove è venuta l'idea di monitorare e misurare la felicità delle persone.

Il concetto di felicità come strumento di manipolazione aziendale e governativa risale all'Illuminismo del XVIII secolo.

Nella sua dottrina sull'utilitarismo economico, il filosofo Jeremy Bentham (1748-1832) sosteneva che le politiche del governo avrebbero dovuto portare la più grande felicità al maggior numero di persone.

Ma come potrebbe qualcuno misurare i livelli di felicità che certe azioni potrebbero produrre?

Bentham suggerì di misurare i battiti del cuore delle persone per rivelare i loro sentimenti interiori.

Questo ha prefigurato gli sforzi di oggi per quantificare le emozioni monitorando la frequenza cardiaca, le onde cerebrali e i movimenti oculari.

Parte III: "Comportamentismo sociale"

In questa panoramica, verremo introdotti al concetto di comportamentismo e alle conseguenze della sua attuazione.

Nel corso del ventesimo secolo, gli psicologi americani hanno preso le distanze dalle domande astratte e metafisiche. La tradizione comportamentista ha spinto questa tendenza all'estremo.

Difeso dal presidente dell' American Psychological Association, John B. Watson (1878-1958), il comportamentismo insegnava agli psicologi che non avevano bisogno di indagare sui sentimenti dei pazienti.

Potevano imparare tutto ciò che dovevano sapere osservando le risposte delle persone a vari stimoli.

Watson eliminò i ruoli delle pulsioni, dei desideri e delle percezioni interiori, affermando che poteva spiegare tutto il comportamento umano come risultato del condizionamento.

Le sue affermazioni suscitarono l'interesse nel campo della propaganda.

Nel 1920, Watson si unì all'agenzia pubblicitaria J. Walter Thompson dove perseguì l'idea che la funzione di una pubblicità efficace non fosse quella di esaltare il prodotto ma di "innescare" le emozioni attraverso gli stimoli.

A Watson non importava cosa volessero i clienti.

Credeva che avrebbe saputo dire cosa i consumatori volevano solo scatenando le emozioni appropriate.

Per contenere l'arroganza di Watson, l'agenzia di Thompson integrò questo approccio comportamentale con la ricerca sulle attitudini dei consumatori.

Con solidi metodi di ricerca, i professionisti del marketing potevano così imparare ciò che le persone volevano e vendere a loro attraverso la forza della pubblicità comportamentale.

Parte IV: Il ritorno dei metri

Nella parte V, capiremo come i contatori di felicità vengono nuovamente usati.

Nella seconda metà del XX secolo, gli economisti e i politici hanno usato parametri di mercato per calcolare l'atteggiamento delle persone su altri problemi di varia natura.

Stabilendo un valore monetario per tutto, inclusa la natura, cercavano di utilizzare l'economia per risolvere anche le controversie legali pubbliche.

Tale espansione delle metriche ha suscitato interesse nel misurare i livelli di felicità.

Se gli economisti fossero in grado di fare una valutazione del genere, potrebbero confrontare i livelli di felicità delle persone a seconda dei loro redditi e calcolare una correlazione tra piacere e denaro.

Con questa correlazione come riferimento, potrebbero stabilire il valore monetario di beni non di mercato - come l'aria pulita o una biblioteca - misurando il piacere che forniscono.

Le autorità britanniche hanno usato questa tecnica per determinare il valore delle istituzioni culturali.

Parte V: Lavoratori infelici

In questa panoramica, esamineremo l'impatto finanziario che i lavoratori depressi o disinteressati portano alle organizzazioni e ai governi.

La demotivazione del lavoratore è una grande minaccia per la produttività.

L'organizzazione Gallup ritiene che le frequenti assenze di lavoratori infelici e le loro prestazioni apatiche costino all'economia statunitense più di 500 miliardi di dollari l'anno in termini di perdita di gettito fiscale, produttività e costi sanitari.

Ciò preoccupa i governi, poiché una minore produttività porta a economie oscillanti e minori entrate fiscali.

Se i lavoratori infelici perdono il lavoro, aumentano le spese per i sussidi. Inoltre, i paesi con l'assistenza sanitaria pubblica devono affrontare costi più elevati, perché molti lavoratori scontenti hanno anche problemi di salute mentale che possono intensificare l'incertezza data dalla disoccupazione.

La lotta contro i disturbi mentali utilizza dal 3% al 4% del PIL negli Stati Uniti e in Europa.

Un business nella consulenza alla felicità sta prendendo sempre più piede per aiutare le aziende e le agenzie governative a raggiungere questo obiettivo. I "guru della felicità" ora offrono psicologia motivazionale e pratiche di meditazione per lavoratori e manager disoccupati sull'orlo dell'esaurimento.

Alcune aziende considerano la felicità una "risorsa". Il benessere diventa semplicemente un mezzo per ottenere profitti, stato o potere.

I manager valutano le esperienze come l'amicizia in ufficio come preziose solo perché I manager valutano alcune esperienze – come l'amicizia tra colleghi in ufficio – come qualcosa di prezioso perché comprendono che la felicità che l'amicizia comporta sarà il carburante per la successiva sfida aziendale.

Parte VI: L'influenza della tecnologia

In questa sezione analizziamo come la tecnologia viene utilizzata per misurare la felicità dei lavoratori.

Molti esperti sono ottimisti riguardo alla capacità di manipolare l'umore perché la tecnologia moderna apre a nuove opportunità per monitorare e interpretare il comportamento della popolazione.

Gli esperti possono accedere a una vasta gamma di dati granulari e dettagliati, grazie a innovazioni tecnologiche e cambiamenti sociali, come:

Aumentare i dati generati e archiviati

Le transazioni giornaliere di persone con un'intelligente infrastruttura di rete aziendale e governativa producono record comportamentali che le istituzioni possono analizzare.

Social Networks

Spesso le persone non hanno la pazienza di rispondere ai sondaggi inviati via e-mail o per telefono. Tuttavia, offrono i loro pensieri, simpatie, antipatie e opinioni su Facebook, che conserva queste informazioni nella sua banca dati.

Quindi i social network sono un'ottima fonte di informazioni.

Computer emotivamente intelligenti

I ricercatori possono ora programmare i computer per dedurre umore e atteggiamenti basandosi sul comportamento delle persone. Gli analisti hanno progettato algoritmi per scoprire le emozioni che si nascondono nei post su Twitter e Facebook.

I programmi possono anche leggere le emozioni dalle espressioni facciali catturate su telecamere di sorveglianza.

I supermercati Tesco hanno sperimentato sistemi di sorveglianza che interpretano gli umori dei clienti e mostrano annunci grafici che si adattano all'umore di ogni cliente.

Parte VII: Conseguenze

Qui possiamo vedere la chiara preoccupazione dell'autore William Davies in merito a questa commercializzazione del benessere.

La spinta a coltivare la felicità si concentra sul vedere le persone come entità danneggiate, bisognose di riparazione.

Tuttavia, si ignora il contesto nel quale è nata l'infelicità individuale, non si considera se questo sentimento sia una ragionevole risposta alla condizione di vita delle persone. La visione sotto il profilo medico può aiutare a risolvere questo problema.

Inoltre, molti psicologi descrivono la connessione tra le malattie mentali ed i sentimenti di perdita di potere.

Forse la visione della mente come una cosa rotta da aggiustare con un trattamento comportamentale o un intervento farmaceutico incoraggia la passività associata alla mancanza di potere.

Per affrontare questa sensazione di impotenza, la società deve confrontarsi con le istituzioni sociali, politiche ed economiche che la causano.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel libro "Ikigai", l'autore Ken Mogi afferma che la parola ikigai è di origine giapponese e significa, in libera traduzione, "ragione di vita". Dice che tutti hanno un Ikigai, basta trovarlo, e definisce i 5 pilastri per quello, che sono:

  • Inizia in piccolo;
  • Liberati;
  • Armonia e sostenibilità;
  • La gioia delle piccole cose;
  • Essere nel qui e ora.

In "Factfulness" confuterai le visioni del mondo che hai avuto fino ad oggi, iniziando a guardare una situazione da due lati, senza generalizzazioni.

Dopo gli insegnamenti di Hans, Ola e Anna Rosling, sarai più critico nell'analizzare le situazioni e i conflitti del mondo, capendo che le cose non sono sempre come ci mostra la TV.

Infine, per te che sei un leader, in "The Servant", imparerai il concetto di leadership di servizio con la storia di John Daily, un boss che mira a trasformare la sua situazione per avere una vita più piena, imparando il principi fondamentali di un buon leader.

Mentre sfogli le pagine, imparerai molto su come rendere motivante la tua leadership nella ricerca di uno scopo.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Per affrontare efficacemente il deficit di felicità, le persone hanno bisogno di sentirsi autorizzate a parlare per sé stesse, ad affermare ciò che piace o non piace nel loro lavoro e smettere di dipendere dalle misurazioni degli esperti per spiegare i loro sentimenti.

Perché ciò accada, i potenti dovrebbero ascoltare le critiche senza etichettarle come un sintomo di infelicità senza possibilità di guarigione.

La società deve reindirizzare alcune spese dal budget della felicità e usare quelle risorse per ristrutturare le istituzioni politiche ed economiche.

Ad esempio, è possibile rivedere la struttura del vostro business, respingendo il modello della gerarchia a favore di un "controllo cooperativo".

Quando i dipendenti sono partecipi del lavoro, non hanno bisogno di esercizi per la felicità per conoscere il proprio valore.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "L'Industria della Felicità"?

Come pensi che possiamo contribuire al benessere della società? Non dimenticare di lasciare il tuo feedback nei commenti e valutare questo PocketBook!

Inoltre, per saperne di più sui contenuti, acquista il libro cliccando sull'immagine sottostante:

Libro 'L’Industria della Felicità'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!