The Invisible Hand - Adam Smith

The Invisible Hand - Adam Smith

Volete sapere come il liberalismo e la divisione del lavoro agiscono in modo cruciale nell'economia? Scoprite in questo riassunto le origini di questo concetto e la sua relazione con il commercio e la finanza!

Ti sei mai chiesti come è nata l'idea della divisione del lavoro nel sistema industriale? Qualcosa che oggi vediamo comunemente nelle piccole e grandi aziende è basato su molta filosofia ed economia. Per riunire tutti questi concetti, Adam Smith usa il termine "The Invisible Hand".

Nel libro, l'idea della divisione del lavoro è legata agli interessi dell'individuo, spiegando i concetti del sistema mercantile con l'arrivo della rivoluzione industriale.

In questo riassunto, spiegheremo ognuno dei sei capitoli che compongono questo libro, comprese le linee guida di un modello di liberalismo economico che l'autore suggerisce a beneficio dello stato e degli individui.

Sei interessato a quest'opera di uno dei più rinomati filosofi ed economisti del mondo? Allora continua a leggere e godetevi il liberalismo proposto da Adam Smith!

Sul libro "The Invisible Hand"

Il libro "The Invisible Hand" è stato pubblicato nel 2013, è composto da 6 capitoli estratti dall'opera più famosa di Adam Smith: "La Ricchezza delle Nazioni" (1776). Per un totale di 128 pagine di lettura.

All'interno dei 6 capitoli, Adam Smith discute la natura degli scambi commerciali e finanziari, proponendo linee guida nella visione del liberalismo che favoriscono lo sviluppo dello stato e degli individui.

Durante il lavoro, spiega come funziona il mercato e introduce il termine che è il titolo del libro: "The Invisible Hand", che sarebbe un intervento naturale che assicura l'equilibrio e la crescita della società attraverso l'interesse personale degli individui.

Circa l'autore Adam Smith

Adam Smith era un economista e filosofo scozzese nato nel 1723. Fu dalle sue idee in queste aree che l'economia cominciò ad essere conosciuta come una scienza.

L'autore divenne noto al culmine della rivoluzione industriale in Inghilterra (1776), con la pubblicazione del libro "La Ricchezza delle Nazioni", che servì come base per l'espansione del capitalismo industriale.

Non c'è da meravigliarsi se nel 2007 la Banca d'Inghilterra ha messo in circolazione una nuova serie di banconote da venti sterline con l'immagine di Adam Smith, accanto a nomi come Shakespeare, Darwin e Newton.

Per chi è questo libro?

In "The Invisible Hand", Adam Smith affronta le basi e i concetti legati al sistema mercantile, mostrando linee guida su come il liberalismo si inserisce in questo contesto.

Inoltre, tutta questa conoscenza che il libro offre ti permette di mettere in discussione e riflettere sugli attuali modelli economici, permettendo una formazione di opinione su ciò che pensiamo sia giusto e sbagliato.

Questo libro è per te che vuoi capire meglio questa ideologia ed i suoi benefici che, secondo questo genio dell'economia, può generare per il sistema industriale.

Idee principali del libro "The Invisible Hand"

  • Le 3 caratteristiche della divisione del lavoro di Adam Smith che hanno aumentato l'efficienza dei processi;
  • La divisione del lavoro è nata dall'interesse delle persone ad acquisire qualche prodotto, producendo qualcosa che conoscevano per poterlo scambiare;
  • Il denaro cerca sempre la merce, ma la merce non cerca sempre il denaro;
  • Tassare i prodotti essenziali rende il costo della vita più costoso, aumentando il costo del lavoro, portando ad un ulteriore aumento delle materie prime;
  • Gli individui senza l'influenza della legislazione tendono a seguire i propri interessi, che in un certo senso sono gli stessi della società;
  • Dove circola poca ricchezza c'è poco da guadagnare;
  • L'ingiustizia dei governanti è antica, per la quale la natura degli interessi umani difficilmente troverà un rimedio.

Divisione del lavoro

Adam Smith inizia il suo libro "The Invisible Hand" spiegando il concetto di divisione del lavoro e, per questo, dà alcuni esempi del suo tempo (1776) per mostrare come questo principio fu fondamentale per l'aumento della produttività industriale.

Uno di questi è con una fabbrica di spilli dell'epoca, dove 10 persone divise in settori di produzione erano in grado di produrre fino a 4.800 spilli al giorno, mentre se ognuno di questi dipendenti cercasse di fare uno spillo intero, riuscirebbe a malapena a produrne 20 in un giorno.

Per spiegare questo aumento di produttività, Adam Smith utilizza 3 caratteristiche chiave:

  1. Aumento dell ' attitudine di ogni lavoratore;
  2. Risparmiare tempo non cambiando i compiti;
  3. Maggiori possibilità di scoprire metodi più semplici e di creare macchine che facilitino la produzione.

Quest'ultimo argomento è giustificato dalla seguente frase contenuta nel libro di Adam Smith:

"Gli uomini sono molto più propensi a scoprire metodi più facili e disponibili per raggiungere qualsiasi obiettivo quando tutta la loro attenzione e la loro mente sono dirette a un unico obiettivo".

Il capitolo si conclude mostrando la gigantesca catena di dipendenza tra le industrie che si forma dalla divisione del lavoro, inducendo ciascuna a produrre qualcosa per fornire il bisogno dell'altra, e così via.

Il principio della divisione del lavoro

In questa parte del libro "The Invisible Hand", si spiega che la divisione del lavoro è nata dall'interesse personale dell'individuo ad acquisire qualcosa di suo, e non dalla sua gentilezza nel voler aiutare il prossimo.

Adam Smith lo esplicita con la frase:

"Dammi quello che voglio e avrai quello che vuoi".

Così l'autore di "The Invisible Hand" espone la necessità di mostrare i benefici al possessore del prodotto per avere la transazione.

Ed è stato questo sistema di scambio per interesse che ha propiziato l'inizio della divisione del lavoro, dove ogni individuo ha prodotto qualcosa dell'interesse di un'altra persona per ottenere il prodotto del suo interesse.

Il principio del sistema mercantile

Il denaro presenta due significati: uno come moneta di scambio e l'altro come valore delle cose.

Così, una persona può essere considerata ricca per avere grandi quantità d'oro, o ricca per possedere una grande quantità di bestiame, che può anche essere usato come strumento di commercio e misura di valore, per esempio.

Su questa base, Adam Smith mostra che i paesi del suo tempo, come la Spagna, iniziarono ad accumulare oro come sinonimo di ricchezza statale, stimolando iniziative in tal senso.

Il grande vantaggio dell'oro era che, a differenza della maggior parte dei prodotti, il suo trasporto era facile, rendendo bassa la sua fluttuazione del valore di mercato.

Tra le iniziative menzionate ci sono lo stimolo alle esportazioni e la restrizione delle importazioni, con le esportazioni che sono importanti perché gli altri paesi devono soldi, offrendo benefici per il commerciante e lo stato.

Le importazioni eccessive, d'altra parte, possono portare problemi, come la svalutazione della moneta.

Contestualizzando con il suo tempo, Adam Smith dà l'esempio della Gran Bretagna, che ha limitato le importazioni di bestiame vivo e carne come misura per sostenere e rafforzare il mercato interno.

Secondo la citazione del libro "The Invisible Hand":

"Il denaro va necessariamente dietro alle materie prime, ma le materie prime non vanno sempre o non necessariamente dietro al denaro".

Questa frase spiega molto bene la relazione tra denaro e merce, cioè, il denaro è sempre usato per ottenere cose, ma non compriamo le merci con l'obiettivo di generare più denaro con quello, come nel caso dell'autoconsumo.

Restrizioni all'importazione di merci

In questo capitolo di "The Invisible Hand", il liberalismo, l'ideologia che guida l'intero libro, viene spacchettato ed esemplificato.

Come commentato in precedenza, le restrizioni alle importazioni nacquero per mantenere il denaro nel paese stesso, propiziando l' aumento del capitale della società e di conseguenza aumentando la dimensione delle industrie e l'economia dello stato.

Tuttavia, per Adam Smith, non è necessario l'intervento dello Stato in questo settore, e per spiegare questo fenomeno, fa uso dell'espressione usata nel titolo del libro: c'è una "Mano Invisibile" che produce un risultato che non fa parte della sua intenzione.

Per capire meglio, l'autore dice che le persone tendono naturalmente a investire i loro soldi in luoghi vicini a dove vivono, questo è dovuto alla maggiore conoscenza delle persone e delle leggi, che finisce per generare maggiore fiducia all'investitore.

Detto questo, è chiaro come non ci sia tanto bisogno dell'interventismo, promuovendo una forte idea di liberalismo, dato che le persone tendono naturalmente a questo tipo di azioni che, di conseguenza, per il concetto di "The Invisible Hand", finiscono per beneficiare la società nel suo insieme attraverso l'interesse personale di ognuno.

Inoltre, Adam Smith usa diverse frasi del suo contesto per sostenere la sua idea di liberalismo, come ad esempio:

"Proibire, con una legge permanente, l'importazione di grano e bestiame stranieri è in realtà sancire che la popolazione e l'industria del paese non possono superare, in qualsiasi momento, ciò che la produzione lorda del proprio suolo può mantenere."

Il capitolo si conclude con il problema della tassazione dei prodotti essenziali, che rende più caro il costo della vita della popolazione ed aumenta il costo del lavoro, spiegando fino a che punto è opportuno continuare con la libera importazione o ripristinare la libera importazione.

Irrazionalità dei vincoli

Attraverso la comprensione del corso naturale del denaro tra importazioni ed esportazioni, Adam Smith spiega che spesso diventa irrazionale e inutile porre restrizioni straordinarie alle importazioni per i paesi che sono commercialmente svantaggiati.

Continuando con l'ideale liberista, nel libro "The Invisible Hand" si dimostra che il commercio libero e senza pressioni spesso aumenta il reddito annuale della popolazione locale molto di più di quando si ha l'attuazione di sussidi.

Il commercio dovrebbe essere un fattore di amicizia e di unità, ma ha finito per diventare "la fonte più fertile di divergenza e di animosità". Questa linea di ragionamento può essere conclusa dalla seguente frase del pezzo:

"La violenza e l'ingiustizia dei governanti del genere umano sono un male antico, per il quale, temo, la natura degli interessi umani difficilmente ammetterà un rimedio".

Tuttavia, tra queste dispute per il denaro, vale la pena notare che la ricchezza dei nostri vicini può essere vantaggiosa per il commercio, ma anche pericolosa, poiché un cliente ricco è una buona cosa, ma un concorrente ricco non lo è.

Questa competizione per il mercato va solo a beneficio della società, con la generazione di prezzi ridotti e una maggiore diversità. Evidenzia anche l'importanza della ricchezza del luogo, perché dove non c'è molto flusso di denaro, c'è poco da aggiungere.

I sistemi agricoli

Ci sono due tipi di spesa, quella sterile ed improduttiva e quella produttiva.

Per spiegare meglio questi due concetti, Adam Smith utilizza il sistema agricolo del suo tempo, dove il prodotto generato viene prima utilizzato per la sussistenza dei lavoratori (spese aziendali), e il surplus di produzione viene venduto per generare capitale.

In altre parole, le spese dei lavoratori sono considerate produttive, perché oltre ad utilizzare il prodotto stesso per risparmiare sulle spese, tutto il resto è profitto.

In questo modo, si produce molto di più di quello che viene appena sostituito, aumentando rapidamente il reddito e la ricchezza della società, se paragonato all'industria manifatturiera, dove le spese sono considerate improduttive.

Questo perché il lavoratore deve utilizzare il suo capitale acquisito producendo una manifattura per la sussistenza e la sopravvivenza. Il suo capitale sarà aumentato solo attraverso il risparmio delle spese, non essendo in modo naturale come citato sopra.

Ma entrambi hanno la loro importanza, poiché il sistema agricolo produce la base di sussistenza per il produttore della manifattura, che a sua volta produce gli strumenti necessari affinché il contadino possa dedicare tutto il suo tempo alla produzione.

Così, Adam Smith esalta di nuovo nel suo libro "The Invisible Hand", le linee guida del liberalismo, spiegando come la tassazione e la proibizione delle esportazioni possono essere terribili per l'economia della società.

Un esempio di questo, sono i 2 fattori che si generano quando si crea un "monopolio nel mercato nazionale":

  1. Abbassa il valore reale della produzione, riducendo i profitti;
  2. Aumenta il tasso di profitto per tutti gli altri prodotti, rendendo l'agricoltura svantaggiosa.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel suo libro "Il Cigno Nero", Nassim Nicholas Taleb ci mostra come affrontare i cigni neri e come non cadere nella trappola delle persone che si definiscono esperte. Lui anche presenta una panoramica della casualità e dei problemi che possono portarci a fare delle previsioni.

In "Pensieri Lenti e Veloce", Daniel Kahneman, che ha anche vinto il premio Nobel per l'economia, fornisce informazioni su come funziona il cervello al momento della decisione. Sottolinea che ci sono due modi per decidere qualcosa. Il modo rapido ed emotivo e il modo lento e razionale.

Infine, nel libro "Misbehaving" di Richard H. Thaler, vengono affrontati i concetti comportamentali degli individui e come questo ha un impatto sull'economia.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

Con questo riassunto ti sei già fatti un'idea di quanto sia ricco questo libro, vero? Ecco alcuni altri suggerimenti che possono e aggiungeranno molto alla tua vita:

  • Impari e capisci di più sulle tasse e su come influenzano il tuo prodotto ed il tuo commercio;
  • Investi e fai fluire il "denaro". Dove c'è più ricchezza, è il luogo dove si ottengono i migliori risultati;
  • Essere consapevoli delle leggi e della legislazione dello stato, valutando il loro impatto sulla crescita del tuo business.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "The Invisible Hand"?

Vogliamo conoscere la tua opinione, dopo tutto è fondamentale per noi. Lascia il tuo feedback nei commenti qui sotto e valuta questo riassunto!

Inoltre, per conoscere maggiori dettagli sul lavoro, basta cliccare sull'immagine qui sotto:

Libro 'The Invisible Hand'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!