Il Piccolo Principe - Antoine de Saint-Exupéry

Il Piccolo Principe - Antoine de Saint-Exupéry

Scopri come questo libro per bambini può farti riflettere sulla vita e seguire nuove direzioni.

Nostalgia. Quando parliamo di questo argomento, ci rendiamo conto che non c'è più tempo nostalgico della nostra infanzia.

E quando parliamo di infanzia, ricordiamo le virtù e l'innocenza dei bambini. Pensiamo a come queste piccole persone, che sono appena entrate nella vita, di solito vedano il mondo con altri occhi, con una visione molto più fiduciosa.

Nel corso degli anni, abbiamo perdiamo molte di queste virtù e speranze, cambiamo il nostro modo di pensare e, la maggior parte delle volte, quel mondo colorato e promettente di bambino diventa, da adulti, un mondo grigio e senza speranza.

Ed è qui che arriva il Piccolo Principe. In questa sintesi, intendiamo mostrare come la favola di un bambino si rivolge a temi per adulti, facendoci riflettere su come i pensieri che abbiamo avuto da bambini possano essere salvati fino ad oggi e quindi portarci a seguire direzioni nuove e promettenti.

Quindi, che ne dici di un po' di nostalgia? Vediamo questo classico!

Sul libro "Il Piccolo Principe"

Pubblicato nel 1943, originariamente come "Le Petit Prince" (in francese), Il piccolo principe è un'opera senza tempo. I suoi insegnamenti e le sue riflessioni spaziano dai bambini piccoli agli adulti più esperti.

Tradotto in dozzine di lingue, il lavoro di Antoine de Saint-Exupéry incanta le persone di tutto il mondo raccontando la storia di un pilota che cade con il suo aereo nel mezzo del deserto del Sahara. Lì incontra il Piccolo Principe, che gli racconta del suo incredibile viaggio, che gli donerà apprendimenti per il resto della sua vita.

Circa l'autore Antoine de Saint-Exupéry

Nato a Lione, in Francia, Antoine de Saint-Exupéry (1900-1945) è stato uno scrittore, pittore e pilota, tre caratteristiche che, curiosamente, si riflettono nel libro Il piccolo principe.

Per la maggior parte della sua vita, l'autore fu pilota di aerei con i quali eseguiva voli civili e militari. Tuttavia, a causa della Seconda guerra mondiale, Saint-Exupéry fuggì negli Stati Uniti, dove pubblicò alcuni libri e, dopo essersi reso conto della propria abilità come disegnatore, gli fu chiesto di scrivere un libro per bambini.

Così arrivò questa fiaba infantile, la cui storia e messaggio continuano a perpetuarsi fino ad oggi.

Per chi è questo libro?

Come ho detto in questo articolo, "Il Piccolo Principe" non ha un gruppo di età definito. Per cui segnaliamo questo libro a tutti, perché le sue riflessioni sulla vita possono portare nuove visioni sia per i bambini che per gli adulti, facendo in modo che ricordino i loro tempi d'infanzia e riflettano sugli aspetti della vita.

Principali idee tratte dal libro "Il Piccolo Principe"

Il libro di Antoine de Saint-Exupéry riporta, attraverso i suoi 27 capitoli e 91 pagine, idee quali:

  • L'importanza di ascoltare il bambino dentro di noi;
  • La critica nei confronti del nostro attuale modo di vivere;
  • Il valore delle amicizie e delle responsabilità che abbiamo in esse.

Vieni con me e saremo in grado di comprendere meglio questi concetti nel corso di questo testo!

Dall'infanzia al deserto

Il libro racconta la storia di un pilota (come nel libro non si fa menzione del nome del pilota, anche se tutte le prove indicano che si tratti di Antoine de Saint-Exupéry stesso. Mi riferirò a lui solo come "Pilota" in questo riassunto) che fin dall'infanzia aveva il desiderio di essere un disegnatore.

Dopo averlo disegnato lo mostrò a degli adulti chiedendo loro cosa pensassero che fosse. La risposta che ottenne fu sempre la stessa: "È un cappello!"

Ciò di cui la gente non si rendeva conto, tuttavia, era che l'immaginazione di un bambino non aveva limiti e che nel disegno la visione dell'autore era diversa. Il disegno non era un cappello, ma un elefante inghiottito da un boa.

Solo così gli adulti capirono. Ma, anche così, la sua arte fu disdegnata e il suo sogno scoraggiato, perché, secondo loro, il disegno non avrebbe portato alcun futuro, e ritenevano che avrebbe dovuto concentrarsi sulla geografia, la storia, la matematica, tra le altre cose.

Quindi, seguendo queste raccomandazioni, quel bambino sognatore divenne un pilota di aeroplani, viaggiò nel mondo, capì la geografia e divenne adulto.

Tuttavia, portava sempre con sé il disegno del boa in modo da poter chiedere alle persone cosa pensassero che fosse e sperando che, se avesse trovato qualcuno che la pensava come lui, avrebbe potuto avere una conversazione interessante con qualcuno.

Un giorno, l'aereo del pilota ebbe un problema e cadde nel mezzo del deserto del Sahara. Con provviste per soli otto giorni, provò a riparare l'aereo. Fu allora che sentì una voce e tutto cambiò. La voce chiede: "Mi disegni una pecora?".

Il pilota si voltò e vide una figura. Aveva appena incontrato il Piccolo Principe.

Conoscere il Piccolo Principe

Nel dubbio se quel bambino fosse reale o meno, il pilota cercò di soddisfare la strana richiesta del ragazzo di disegnare una pecora e, dopo vari tentativi, ci riuscì. Fu così che conobbe quel giovane ragazzo e capì da dove veniva.

Facendo molte domande ma senza rispondere ad alcuna, il Piccolo Principe proveniva da un piccolo pianeta o, come noi lo chiamiamo, una meteora, nota come B-612.

Questa meteora fu scoperta nel 1909 da un astronomo turco, a cui non veniva riconosciuta la scoperta semplicemente per gli abiti che indossava. Ma nel 1920, ripresentò la sua scoperta, questa volta con abbigliamento tipico europeo, e gli venne dato credito.

Su questo piccolo pianeta, dove il ragazzo rimaneva stupefatto a guardare il tramonto, aveva come unica compagnia una rosa.

E poiché stiamo parlando della rosa, ora posso raccontare un po' della sua storia. L'unica rosa sul pianeta del Piccolo Principe nacque improvvisamente ed era molto vanitosa.

Così chiese al Piccolo Principe le cure necessarie per poter vivere bene. Inoltre, raccontava sempre storie a cui il Principe non credeva completamente.

Un giorno, il ragazzo decise di andarsene. Ripulì il piccolo pianeta, strappò le erbacce che erano cresciute, si prese cura della rosa e le disse addio.

Poi, nonostante la difficoltà dell'addio, il Piccolo Principe approfittò di uno stormo di uccelli selvatici e partì per il suo viaggio.

Comprendere il suo viaggio

Durante il tuo viaggio, il Principe attraversò diversi pianeti cercando di conoscere più luoghi e di avere maggiore conoscenza.

Ora, cerchiamo di capire meglio ciò che ha vissuto in ciascuna di queste esperienze:

Il Re

Il primo pianeta visitato dal ragazzo aveva come abitante una singola persona, un re che, vedendo il Piccolo Principe, insisteva nel dare ordini sottolineando che si sarebbero dovuti eseguire, per tutte le cose.

Questo re credeva di regnare su tutte le cose, tutti i luoghi e tutte le stelle, essendo un monarca universale. Così il principe decide di testare questo potere e chiese al re di ordinare il tramonto.

Il re allora spiegò al ragazzo che, nonostante fosse un re assoluto, i suoi ordini dovevano rimanere ragionevoli. E disse: "Il re deve esigere ciò che ognuno può dare. L'autorità è basata sulla ragione".

Il Vanitoso

Il secondo pianeta era abitato da un uomo molto vanitoso che viveva solamente affinché gli altri potessero ammirarlo e lodarlo. Anche se era l'unica persona su quel pianeta, il suo obiettivo era distinguersi per la sua bellezza, intelligenza e ricchezza.

Il Principe allora gli chiese: "Ti ammiro. Ma a cosa ti serve?" E andò sul pianeta successivo.

L'ubriacone

Sul terzo pianeta c'era un ubriaco che, quando il ragazzo gli chiese il motivo per cui beveva, rispose che lo faceva per superare l'imbarazzo del bere.

E così il Piccolo Principe divenne sempre più affascinato da quanto fossero strani fossero gli adulti.

L'uomo d'affari

Andando sul pianeta successivo, il ragazzo trovò un uomo d'affari. Quest'uomo, che non alzò nemmeno la testa per ricevere il principe, si concentrò solo sul conteggio del numero di stelle intorno a lui.

Dopo aver sentito la domanda del ragazzo che gli chiedeva perché contasse le stelle, l'uomo d'affari rispose che era solo per conoscere le dimensioni dei suoi possedimenti perché possedere le stelle lo avevano reso ricco, anche se non le usava.

Rendendosi conto che gli adulti erano sempre più strani, Il Principe ricordò le cose che lo circondavano e quanto le apprezza: la rosa, i vulcani, il suo piccolo pianeta. E così, proseguì il suo viaggio.

Il Lampione

Il quinto pianeta era piccolo e il suo unico abitante era un lampionaio. La sua funzione era semplice: al crepuscolo avrebbe dovuto accendere la lanterna e all'alba avrebbe dovuto spegnerla, perché quello era il regolamento.

C'era solo un problema: su questo pianeta i giorni duravano solo un minuto e questo rendeva il lampionaio esausto per il continuo lavoro.

Il Principe, allora, gli suggerì di camminare attorno al pianeta così da poter essere sempre nella parte dove c'era il giorno e poter riposare.

Tuttavia, l'unico desiderio dell'uomo era di dormire ma, se l'avesse fatto, non avrebbe rispettato il regolamento. Quindi continuò nella sua routine e il Principe partì per il pianeta successivo.

Il geografo

Il sesto pianeta era molto più grande degli altri, ma anche quello abitato da una sola persona, un geografo. Era un uomo studioso che aveva il compito di fare la mappa dei pianeti.

Tuttavia, il ragazzo si rese conto che non sapeva nemmeno se il pianeta stesso su cui stava avesse oceani e montagne. Quando lo interrogò su questo, ebbe la seguente risposta: "Non sono un esploratore. C'è mancanza di esploratori, qui!".

E da geografo, l'uomo si sedette alla sua scrivania, aspettando che gli esploratori arrivassero e gli parlassero dei territori da mappare.

Il Piccolo Principe gli chiese quindi un suggerimento su quale pianeta visitare. Il geografo suggerì un grande pianeta che, secondo lui, aveva una buona reputazione: la Terra. Così il ragazzo ripartì per la tappa successiva del suo viaggio.

L'arrivo sulla Terra

Quando raggiunse la Terra, il Piccolo Principe si rese conto che questo pianeta non era simile agli altri. Era un pianeta molto più grande e c'erano molti re, ubriaconi, uomini d'affari, geografi, uomini vanitosi e lampionai.

Tuttavia, non vide nessuno e il suo primo contatto fu con un serpente.

Questo serpente spiegò al ragazzo che nel deserto in cui si trovava non c'era nessuno, disse di avere il potere di trasportare le persone più lontano di quanto facesse un bastimento e che il suo tocco poteva far tornare la gente da dove veniva.

E il Principe, conoscendo questa informazione, proseguì il suo viaggio. Attraversò il deserto e scalò montagne in cerca di uomini, finché trovò una strada e un giardino pieno di rose.

Parlando con loro, si rese conto che il suo fiore, che riteneva unico e di estremo valore, era solo una rosa ordinaria e che ce n'erano a migliaia di uguali.

Triste per la sua scoperta e vagando per il pianeta, incontrò la volpe. E fu durante la conversazione con la volpe che il ragazzo apprese il suo più grande insegnamento.

Fu grazie a lei che capì l'importanza di addomesticare le persone che lo circondavano. Perché addomesticando qualcuno, quella persona diventa unica per te.

Prima di addomesticare la volpe, il Piccolo Principe non era altro che un ragazzo normale per lei. Ma, dopo che l'avesse addomesticata si sarebbero creati dei legami e i legami diventano relazioni. Addomesticando e diventando addomesticati, acquisiamo una migliore conoscenza di cose e persone.

Il principe dunque addomesticò la volpe e si divertono molto insieme. Ma, un giorno, fu ora di andare, e la volpe proferì i suoi ultimi insegnamenti:

"Diventi eterno responsabile di ciò che addomestichi" e "L'essenziale è invisibile agli occhi".

Fu così che il principe capì che la sua rosa non era una rosa qualsiasi, perché l'aveva addomesticata e ne era stato addomesticato, il che la rendeva speciale e unica per lui e di conseguenza lo rendeva responsabile per lei. Così continuò il suo viaggio.

Durante il suo viaggio, il principe trovò ancora un manovratore che guidava treni pieni di persone che non sapevano cosa volessero, e un venditore che vendeva pillole che avevano la capacità di togliere la sete alle persone, facendo loro risparmiare molto tempo.

Così erano passati otto giorni dacché incontrò il Pilota nel deserto, quando il Principe finì di raccontare la sua storia e come era arrivato lì. E quando l'acqua finì, partirono in cerca di un pozzo.

Dopo molto camminare, trovarono l'acqua e si poterono reidratare. E fu in quel momento che il Pilota scoprì che era ora che il Principe partisse.

Il ritorno a casa

Il Piccolo Principe aveva vagato sulla Terra per un anno e capì che era ora di tornare sul suo pianeta e dal suo fiore.

Quindi ritrovò il serpente, che gli spiegò che, con il suo veleno, l'avrebbe potuto rimandare a casa senza che sentisse alcun dolore.

Il ragazzo disse al Pilota che sarebbe dovuto partire ma che sarebbe stato un momento difficile perché avevano instaurato una bella amicizia. Come aveva detto la volpe, erano stati entrambi addomesticati. Gli disse che se ne sarebbe andato ma che il suo corpo sarebbe rimasto, che non avrebbe sofferto.

E così fu. Il Piccolo Principe tornò a casa con il morso del serpente per prendersi cura del suo fiore. Ma quando partì, il Pilota ebbe la certezza che, ogni volta che avesse guardato le stelle, avrebbe sentito la dolce risata del ragazzo.

Il Pilota riparò il suo aereo e tornò a casa e nessuno mai credette alla storia di come aveva incontrato "Il Piccolo Principe".

Ma lui sa che a molte miglia di distanza lui è lì, che si prende cura del suo fiore e pulisce il pianeta dalle erbacce, ricordando gli amici che aveva addomesticato durante il suo viaggio.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel libro "Il Vero Nord", l'autore Bill George ci consiglia di seguire la nostra Bussola morale interiore, chi sei, i tuoi valori più sacri: gli indicatori vitali che usi per navigare nella vita.

Secondo l'autore Lynda Gratton di "The 100-Year Life", Family, Friends, Health, and Learning sono gli ingredienti immateriali ma necessari per una vita ricca e appagante.

Infine, secondo Tony Robbins nel suo libro "Incrollabile", devi dare: dai i tuoi soldi, dai la tua attenzione, dai il tuo tempo. Contribuire è ciò che dà significato alla vita di molte persone.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

"Il Piccolo Principe" non è un libro semplice. I suoi pensieri sono profondi e ci fanno riflettere su diverse cose. In effetti, raccomando che dopo aver letto questo PocketBook, tu legga l'intero libro e approfondisca questa bellissima storia.

Dalla lettura di questa storia e dai personaggi che abbiamo conosciuto, possiamo trarre i seguenti insegnamenti:

  • Il libro "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry ci porta molti pensieri su come abbiamo lasciato da parte i nostri pensieri infantili e siamo arrivati a pensare in modo semplice e senza speranza. La storia ci presenta, nella figura del Piccolo Principe, un simbolo di speranza, che non capisce le contraddizioni dei pensieri adulti e simboleggia il bambino che tutti noi abbiamo ancora dentro di noi;
  • La storia dell'astronomo turco presenta una riflessione sul giudicare le persone dalle apparenze, così come il disegno del boa e dell'elefante mostra che "l'essenziale è invisibile agli occhi";
  • La volpe mostra l'importanza dell'addomesticare, cioè la creazione di legami e la responsabilità che abbiamo su di essi, sia nella vita personale che professionale;
  • Il re mostra il desiderio di potere, ma ci dà l'insegnamento che bisogna essere ragionevoli e che ognuno può dare secondo le proprie capacità;
  • Il vanitoso dimostra che non dovremmo dipendere dalla lode degli altri e credere nelle nostre capacità;
  • L'ubriaco ci parla dei vizi che potremmo trovarci ad affrontare;
  • L'uomo d'affari è così occupato a contare le stelle da non approfittare di ciò che possono offrire. Servono solo a numerare i suoi possedimenti;
  • Il lampionaio non mette in discussione gli ordini in modo da poter migliorare il proprio lavoro pur rimanendo insoddisfatto;
  • Il geografo rappresenta le persone che non inseguono i loro obiettivi, perché aspettano solo che arrivino gli esploratori con nuove informazioni e, di conseguenza, non disegnano le mappe;
  • Il manovratore e il mercante fanno una riflessione sugli adulti che vogliono sempre più tempo, ma non hanno un obiettivo da seguire;
  • E il pilota rappresenta persone che capiscono che non è mai troppo tardi per correre dietro ai propri sogni.
  • Vale la pena sottolineare che "Il Piccolo Principe" è un libro aperto alle interpretazioni, quindi alcuni personaggi possono assumere significati diversi a seconda di chi legge.
  • Ma la cosa più importante è che possiamo riflettere su questi significati e usarli nelle nostre vite, sia personali che professionali.

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "ll Piccolo Principe"?

Lascia un commento con la tua opinione! Ti invito a riflettere su questa storia e capire un po 'di più sui suoi insegnamenti!

Ricorda che il tuo feedback è sempre il benvenuto!

Se vuoi approfondire l'argomento, puoi acquistare il libro tramite la immagine seguente:

Libro 'Il Piccolo Principe'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!