The Subtle Art of Not Giving a F*ck - Mark Manson

The Subtle Art of Not Giving a F*ck - Mark Manson

Un modo completamente diverso e insolito per superare le sfide della vita!

Sei stanco dello sviluppo personale di libri che portano sempre informazioni generiche su approcci "come essere felice" o "pensare positivo sempre"?

Bene, questo libro sfugge completamente a quelle idee e ci aiuta a guardare il mondo in un modo molto diverso dal convenzionale! Curioso? Quindi continua a leggere!

Sul libro "The Subtle Art of Not Giving a F*ck"

In "The Subtle Art of Not Giving a F*ck", in contrasto con molti libri di auto-aiuto, Mark Manson ci presenta un linguaggio scarno, ma coinvolgente, con un certo fascino per l'espressione "f*ck", ossia fregarsene della pressione che il mondo attuale ci impone e come dovremmo comportarci in questa realtà.

Sebbene la scelta della parola usata dall'autore sia un po' ' "eccentrica", il libro offre intuizioni genuine e si esprime in un modo tale da portarci a riflettere sull' abitudine di preoccuparci troppo per le cose sbagliate.

Circa l'autore Mark Manson

Mark Manson è un autore, imprenditore e proprietario di un blog con il suo nome. Inoltre, è l'amministratore delegato e fondatore di Infinity Square Media LLC, società che lavora con la gestione web.

Conosciuto per andare dritto al punto anche in maniera ruvida, i suoi libri possono piacere o meno. Come dice lo stesso autore, "Alcuni dicono che sono un idiota, altri dicono che ho salvato loro la vita".

Per chi è questo libro?

Il contenuto di questo libro è adatto a tutte le persone che hanno interesse per la crescita personale e, naturalmente, per coloro che hanno un buon senso dell'umorismo!

Principali idee tratte del libro "The Subtle Art of Not Giving a F*ck"

  • Sappi che "connettersi con se stessi" non è la stessa cosa che essere insensibili o disinteressati;
  • Comprendi che un'impressione, e una prospettiva più realistica della situazione in cui ti trovi, può aiutarti a risolvere i problemi di ansia;
  • Scopri l'importanza di affrontare cose più grandi dei tuoi "problemi".

Eri incuriosito? Continua a leggere questo sommario perché presto capirai il punto di vista di Manson!

Ciclo vizioso infernale

Mason descrive nel suo libro quello che chiama il "circolo vizioso infernale": le persone sono sempre più insicure, arrabbiate e ansiose con se stesse a causa della società odierna e della sua cultura esibizionista. Come mai?

Alcune persone hanno vite incredibili con belle ragazze e auto costose nel garage e viaggiano tutto l'anno nei posti più belli della Terra. E' un esempio, no?

È difficile per una persona "normale" non pensare, come dice Mark Manson nel libro, "Accidenti, mi sento come una cacca...". Cioè, pensare a queste cose (esperienze positive) ci lascia tristi (esperienza negativa).

Mark Manson ci dice che questo è il motivo dell'intero problema, dobbiamo smettere di preoccuparci di queste cose e dobbiamo accettare la nostra realtà (è normale che le cose vadano male), accettare che il mondo sia così com'è.

La legge dello sforzo inverso

Mark Manson usa il concetto del filosofo Alan Watts chiamato "Legge dello sforzo inverso" per spiegarsi. Più proviamo a sentirci bene sempre, più infelicità otterremo. Questo perché "cercare qualcosa" rafforza solo l'evidenza che non possediamo quel qualcosa.

È qui che si entra in un paradosso crudele: cercare il positivo è negativo, mentre la ricerca del negativo è positiva.

"Gli errori che fai sul lavoro ti aiutano a capire cosa ci vuole per avere successo, la sofferenza che provi in palestra ti dà più salute ed energia."

Questi sono esempi citati dall'autore sulla legge dello sforzo inverso. In questo modo, le cose che contano veramente nella vita sono quelle in cui superi i relativi sentimenti negativi.

Così diventi più carismatico, fiducioso e preparato.

L'arte di fregarsene

Bisogna capire che questa espressione non significa che si dovrebbe smettere di preoccuparsi per le cose o addirittura di non preoccuparsi di nessuno; Queste persone nella società sono chiamate psicopatici.

Così Mark Manson spiega il vero significato dell'espressione usata attraverso tre sottigliezze.

Prima sottigliezza

"Fregarsene non significa essere invulnerabile, ma saper convivere con la vulnerabilità."

C'è una cosa che dobbiamo avere nella nostra vita: un obiettivo. Se il tuo obiettivo è diventare, ad esempio, il miglior ballerino della tua città, dovrai superare non solo i tuoi concorrenti ma anche le probabili discriminazioni (sì, esistono, sii consapevole di questo).

In questo modo, per raggiungere il tuo obiettivo non dovresti preoccuparti e, attraverso molti allenamenti, sconfitte, sofferenze e dopo aver "affrontato il fallimento al petto", superando tutte le avversità e difficoltà, arriverai a guadagnare la tua posizione.

Seconda sottigliezza

"Se vuoi superare le avversità, devi prima preoccuparti di qualcosa di più importante."

Sembra ovvio, ma molte volte ci infastidiscono con cose banali o inutili (credimi, c'è una ragione). Nel suo libro Manson cita l'esempio di una vecchia signora che si lamenta di una promozione da 30 centesimi che è lei non aveva interpretato bene...

Sono solo trenta centesimi e la persona si irrita per niente. Mark Manson sottolinea che questo è un modo per le persone di rilasciare tutti i sentimenti infelici immagazzinati e che anche queste persone non hanno davvero uno scopo, qualcosa di importante di cui preoccuparsi.

Quindi concentrati, investi il tuo tempo e le tue energie in ciò che conta davvero per te.

Terza sottigliezza

"Che tu lo capisca o meno, scegliamo sempre ciò che conta davvero."

Manson spiega che siamo nati e viviamo i nostri giovani prendendosi cura di tutto e di tutti. Ma col passare del tempo e la vita continua a presentarci le esperienze più diverse, ci rendiamo conto che la maggior parte delle cose non ha alcuna rilevanza.

Spiega che la nostra emotività diventa più selettiva, a cui dà il nome di maturità.

"Non viviamo con le persone che abbiamo cercato così duramente di impressionare".

Man mano che ci avviciniamo alla vecchiaia perdiamo molta della nostra energia e il nostro desiderio per il mondo diminuisce, così diventiamo meno preoccupati per le cose e accettiamo meglio la nostra condizione, anche con tutti i difetti.

Mark Manson spiega con questo che abbiamo bisogno di rivolgere la nostra attenzione agli amici, alla famiglia e alle cose che ci piace davvero fare.

Il valore della sofferenza

In questo capitolo, Manson descrive la storia di Hiroo Onoda, che ha lottato per 30 anni vivendo nella foresta con un unico scopo ben definito, senza mai arrendersi.

Quando è stato trovato da Norio Suzuki, è tornato in Giappone affrontando una realtà completamente diversa da quella che aveva conosciuto al tempo dell'impero giapponese.

In questo modo, Onoda si sentiva più felice a vivere nella foresta, perso nel mezzo dei cespugli umidi, dedicando la maggior parte della sua vita a una "guerra fantasma", piuttosto che nel nuovo Giappone della cultura del consumo e le donne che indossano abiti occidentali.

Mark Manson spiega che il proposito di Onoda aveva un significato e che la sua sofferenza aveva una causa più grande, quindi era in grado di sopportarlo e anche di farselo piacere.

Alla fine della storia, Manson ci porta un'altra riflessione: "Per cosa stiamo soffrendo?". Non ha importanza, purché per te vi sia un significato e una rilevanza..

Ma fa attenzione! La vita è dura e "la via della felicità è piena di ostacoli e di umiliazioni". Un buon modo per non lasciarsi andare e stare bene e sentirsi meglio è ammetterlo.

Cosa ne dicono gli altri autori?

Per Daniel Goleman, autore di "Intelligenza Emotiva", le forti emozioni possono interferire con l'attenzione e in tutti gli aspetti del pensiero chiaro. Piuttosto che cercare di eliminare i propri sentimenti, le persone dovrebbero sforzarsi di trovare un equilibrio intelligente tra ragione ed emozione.

Per Marcus Buckingham e Donald Clifton, autori del libro "Now, Discover Your Strengths", per aumentare la produttività, la chiave è concentrarsi sui punti di forza dei dipendenti piuttosto che vivere cercando di migliorare i punti deboli.

David Allen, nel libro "Detto, Fatto! L'arte di fare bene le cose", insegna a organizzare e gestire le giornate; dimostra che il punto di partenza della produttività è rilassare la mente.

Ok, ma come posso applicare tutto questo alla mia vita?

Mark Manson descrive nel suo lavoro che "connettersi con se stessi" è qualcosa che molte persone trovano "cool" nelle altre persone. Tuttavia, la maggior parte di noi ha abitudini impregnate della consapevolezza che ci importa ciò che la gente pensa.

L'autore dice anche che l'implicazione del "sai già cosa" non è indifferenza, ma piuttosto un modo per avere il coraggio di essere decisivi e fermi, affrontare le avversità negli ambienti a cui partecipiamo, personali e / o professionali, e creare una mentalità adeguata al problema.

Dice inoltre che le persone più irritate sono quelle che hanno aspettative di vita irrealistiche, fantasiose e vuote e che, per avere successo, dobbiamo uscire dalla comodità, concentrando la nostra attenzione su problemi più grandi che meritano attenzione!

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "The Subtle Art of Not Giving a F*ck"?

Allora, ti è piaciuto questo riassunto? Lascia un commento in modo che possiamo conoscere la tua opinione, questo argomento è davvero molto insolito e c'è spazio per molti feedback da parte tua!

E un consiglio finale; se ti piacciono gli ideali di Mark Manson non esitare ad acquistare l'opera completa! Basta cliccare sull'immagine qui sotto per acquistare il libro.

Libro 'The Subtle Art of Not Giving a F*ck'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!