Think Like Zuck - Ekaterina Walter

Think Like Zuck - Ekaterina Walter

Il successo di Mark Zuckerberg potrebbe essere riassunto in 5 P che, se applicate alla vostra vita personale e professionale, vi renderanno un leader e manager eccezionale.

In questo riassunto del libro "Think Like Zuck" di Ekaterina Walker, imparerai come assorbire tutti gli insegnamenti del creatore del più grande successo di internet.

Quante foto ti sono piaciute su Facebook? E quanti commenti hai lasciato ai tuoi amici? Quante volte ti sei informato o hai detto alla tua linea temporale come ti senti?

Tutto questo è possibile solo grazie a Mark Zuckerberg, che ha realizzato la sua passione per collegare le persone attraverso internet con la sua visione totalmente improbabile.

Ma rilassatevi, tutto questo si può imparare dalle 5 P del successo che, se applicati alla tua vita professionale e personale, possono fare di te un leader e un manager eccezionale.

Vieni con me!

Sul libro "Think Like Zuck"

"Think Like Zuck" (2013) porta esempi di aziende di successo come Zappos, Threadless, CollegeHumor, TOMS, Dyson e soprattutto mostra come la nascita di Facebook ha sviluppato un cambiamento nel modo di comunicare e coinvolgere le persone.

Il bestseller del Wall Street Journal ha 216 pagine con i cinque segreti del successo dell'azienda creata da Mark Zuckerberg: passione, scopo, persone, prodotto e partnership.

Circa l'autore Ekaterina Walter

Ekaterina Walter è una scrittrice, oratrice e innovatrice sociale che ha realizzato iniziative di marketing e di business per un ampio elenco di marchi, tra cui Intel.

È uno dei direttori della Word of Mouth Marketing Association International (WOMMA) ed è sulla lista della rivista Fortune degli uomini d'affari più influenti sui social media.

È anche coautrice dei libri "The Power of Visual Storytelling" e "The Laws of Brand Storytelling".

Secondo il suo profilo nella rivista Forbes, le sue domande preferite sono "Perché?", "E se?" e "Come posso aiutarti?"

Per chi è questo libro?

Tutti coloro che hanno bisogno di ispirazione, conoscenza e comprensione per lasciare un segno in un mondo che non è facile da cambiare.

Anche per coloro che vogliono fare la differenza nel campo dell'imprenditoria e della leadership.

Infine, per voi che vuoi conoscere tutte le lezioni che la creazione di "Zuck" ha da offrire.

Principali idee tratte dal libro "Think Like Zuck"

  • "Mantieni la tua energia e dedizione al massimo, perseguendo qualcosa in cui credi".
  • "Non limitarti a fare un grande prodotto, guida un movimento significativo";
  • "Rafforzare squadre potenti che possono eseguire la tua visione";
  • "Rompere tutte le regole quando si crea un prodotto innovativo e rivoluzionario";
  • "Sviluppare grandi partnership che alimentano la creatività e danno energia all'esecuzione".

Eccitato di sapere come Mark Zuckerberg ha fatto tutto questo ed ha raggiunto il successo?

Ci stai?

Prima P per il successo: passione

Il 20 settembre 2005, la società del "nuovo principe di internet" si è consolidata come Facebook. Ma ancora prima, negli anni 1990, Mark ha creato "Zucknet" per collegare i computer della sua famiglia.

Era tutto per la passione di connettere le persone attraverso internet.

"Perché (le persone) sono più connesse, il mondo sarà un posto migliore, le persone saranno più comprensive e avranno più empatia", ha detto Mark Zuckerberg in uno dei suoi discorsi.

Secondo Ekaterina Walter, una delle cose che distingue il fondatore di Facebook dagli innumerevoli imprenditori frustrati è la passione. Questo sentimento ci porta a credere nei nostri sogni, trasformandoli in realtà.

Pertanto, non esiste il fallimento per coloro che hanno passione per ciò che fanno. Ecco perché Mark non considera i suoi tentativi falliti come un fallimento.

Il quartier generale di Facebook è a Palo Alto, e c'è un poster che dice: "Fatto è meglio che perfetto".

Non solo Mark predica la passione come requisito fondamentale per il successo:

  • Blake Mycoskie è il fondatore di TOMS, e aveva una passione per la distribuzione di scarpe ai bambini che vivono in povertà;
  • Chris Gardner è passato dall'essere un giovane senzatetto con suo figlio piccolo ad essere un agente di borsa multimilionario, investitore e filantropo. Forse conoscete la sua storia dal film, o dal libro, "The Pursuit of Happyness". Dice che bisogna "trovare qualcosa che si ama così tanto che non si può aspettare l'alba per farlo di nuovo";
  • Steve Jobs credeva che "le persone appassionate possono cambiare il mondo in meglio". Ed ha consigliato in un discorso del 2006 alla sua laurea: "Se non hai ancora trovato quello che vuoi fare, continua a cercare, lo saprai quando lo farai".

Trovare la propria passione ed agire per arrivare al risultato fa parte del viaggio. Ora è il momento di trovare il tuo cuore e quello del tuo business: lo scopo.

Seconda P del successo: scopo

"Le grandi aziende non creano solo grandi prodotti, ma creano movimenti".

In questa parte del libro "Think Like Zuck", Ekaterina Walter racconta la storia di quattro soldati sovietici che sono stati lasciati in mezzo alle tempeste dell'oceano, senza comunicazione con la loro base.

Con il principio militare del "non lasciare nessuno indietro", hanno razionato cibo e acqua, che erano buoni solo per due giorni. Mantenendo questo comportamento, sono sopravvissuti per 49 giorni, fino a quando sono stati trovati dalla marina americana.

Ma perché sono sopravvissuti in mezzo a tali avversità? Semplice, avevano, oltre alla passione per la vita, uno scopo comune: essere trovati, o trovare qualcuno che potesse aiutare.

Nell'ambiente degli affari non è diverso. Lo scopo è il "perché" l'organizzazione esiste. Che differenza fa l'organizzazione nel mondo?

Per Mark Zuckerberg e i suoi colleghi creatori di Facebook, la ragione di esistere della rete era semplice: "rendere il mondo più aperto e connesso".

È importante rendersi conto che la missione di un'azienda può cambiare, poiché è il discorso fatto all'esterno e all'interno dell'azienda. Ma lo scopo rimane lo stesso.

Guarda come è cambiato il discorso di Facebook, ma dicono più o meno la stessa cosa:

  • 2004: "Facebook è un elenco online che collega le persone attraverso il social networking nei college".
  • 2012: "Fondato nel 2004, Facebook è in missione per rendere il mondo più aperto e connesso. La gente usa Facebook per connettersi con gli amici e la famiglia e per esprimere le cose che sono importanti per loro".

Ekaterina Walter parla anche di come, al fine di mantenere l'azienda seguendo lo scopo pensato dal suo fondatore, abbiamo bisogno di valori e leader che possano rafforzare e mostrarli nella pratica.

Dopo tutto, i leader di successo non si preoccupano delle pressioni esterne, quando hanno solo bisogno di concentrarsi sulla loro visione e sui loro valori.

Mark Zuckerberg ha cambiato il modo in cui ci connettiamo, e la cosa interessante di tutto questo è che era esattamente quello che voleva.

Terza P del successo: le persone

"Non c'è fattore più vitale per il successo a lungo termine di un'azienda della qualità del suo capitale umano."

Un buon team è sempre all'ordine del giorno dei libri sulla leadership e sugli affari. Questo non è diverso. Tanto che Ekaterina Walter dedica un intero capitolo per parlarne.

Ekaterina sottolinea che una grande squadra è fondamentale per il successo di un'idea.

In questa parte, viene presentata la forte relazione tra l'impegno dei dipendenti e il successo aziendale. La felicità dei dipendenti è sempre legata a una maggiore produttività, sicurezza e, di conseguenza, a un profitto maggiore.

Ma, come detto nella sezione precedente, il leader ha bisogno di condividere la visione e i valori con la squadra, facendo seguire a tutti lo stesso percorso dietro lo stesso sogno. Ed è questo che definisce la cultura aziendale.

L'azienda X PLANE ha portato la mappa culturale a un altro livello. La visione futura di questa azienda di design e consulenza aziendale era bloccata in una cultura che non favoriva la crescita.

Per risolvere questo problema, è stata creata la mappa della cultura, che ha caratteristiche chiave che determinano i comportamenti attesi dai dipendenti:

  • Trasparenza nella leadership e nella conduzione;
  • Curiosità insaziabile
  • Condivisione interna delle conoscenze;
  • Aiuto tra i membri del team;
  • Processo decisionale a tutti i livelli;
  • Gestione visiva.

Facebook non ha una mappa culturale così visiva come X PLANE, tuttavia l'azienda ha la cultura hacker.

Secondo Mark Zuckerberg, trovare persone competenti è un processo difficile. Tuttavia, trovare persone competenti che condividano anche l'obiettivo dell'azienda può sembrare un compito quasi impossibile.

Ekaterina Walter dice che "le persone giuste sono quelle che condividono le tue convinzioni, vivono i tuoi valori e combattono per lo scopo che hanno". Inoltre, sono quelli che vedranno i cambiamenti in arrivo e vi avviseranno e vi guideranno sulla strada giusta.

Ma se vuoi far parte del team di Facebook, il processo è anche complicato. Ci sono due puzzle di programmazione, più quattro interviste che analizzano la capacità del candidato di risolvere problemi in modo tecnico.

Assumere la persona giusta è l'ultimo dei problemi, poiché dopo che il programmatore perfetto si unisce alla squadra, quello che serve è tenerlo lì.

L' azienda ha diversi modi di motivare le persone. Uno di questi è l' Hackathon, che consiste in ore extra al mese per i dipendenti per presentare le loro proposte di miglioramento.

La cosa più interessante di questi Hackathon è che non sono pianificati in anticipo. Una domanda salta fuori: "Ehi ragazzi, siete pronti per un hackathon?" e si diffonde come una cattiva notizia.

"Se vuoi un'azienda straordinaria, devi riempirla di persone straordinarie."

Il consiglio per i leader è l'effetto colibrì.

I colibrì sono animali con diverse caratteristiche positive che possono essere espresse in un leader.

Secondo Mark Zuckerberg è un perfetto esempio di leader colibrì. E tu?

Quarta P per il successo: Prodotto

Questa parte del libro inizia in un modo che può spaventare: "Facebook sta cambiando". Cosa vuol dire che il social network che si è affermato sul mercato e che ha ancora il maggior numero di utenti al mondo sta cambiando?

Al momento del suo lancio, Facebook era un prodotto ideale per il suo mercato. Tuttavia, se Mark Zuckerberg si fosse accontentato, i cambiamenti della società e delle altre società lo avrebbero superato.

Un tempo molto criticato, ma utilizzato dall'Università di Harvard, Facebook ha rivelato la necessità del social networking.

Come un buon stratega, Mark Zuckerberg ha impostato la sua creazione a Stanford e Yale, dove già utilizzavano reti sociali interne.

Una volta iniziata la sua crescita, non si è più fermata. Inoltre, sono stati fatti diversi investimenti che hanno permesso un'ulteriore espansione.

Alcune caratteristiche che Facebook ha ricevuto nel suo viaggio sono state:

  • Wall posts e gruppi: i wall posts sono stati un successo immediato, e hanno permesso agli utenti di fare dei post che apparivano automaticamente alla loro rete;
  • Foto con capacità di tagging;
  • Notizie;
  • Beacon: era un sistema di pubblicità sociale ed è stato creato nel 2007 e interrotto nel 2009;
  • Tempistica.

Con l'esempio di alcune caratteristiche di cui sopra, si può vedere che la stragrande maggioranza esiste fino ad oggi, ma Beacon, così come molti altri, sono stati interrotti.

Questo è dovuto al fatto che il leader o il manager deve "sapere quando rinunciare o dire di no", poiché "è una qualità strategica cruciale per qualsiasi impresa".

Il prodotto è una miscela di passione per ciò che si sta creando, scopo di sapere dove si vuole arrivare con esso, persone e partnership, poiché non possiamo realizzare nulla da soli.

Quinta P per il successo: Partnership

Questa sezione, così come il capitolo 5 del libro "Think Like Zuck", inizierà spiegando che le partnership sono quelle che la persona che ispira e motiva una squadra fa con la persona che ha una visione strategica e analitica.

Inoltre, vale la pena notare che questa collaborazione è interna e deve avvenire dentro di te per diventare un leader completo, proprio come il nostro amico Zuck.

Ma anche le partnership interpersonali sono importanti. Per esempio: Mark e Sheryl Sandberg, del libro "Facciamoci Avanti", hanno iniziato con incontri di lavoro per amici personali.

Il giovane timido e secchione laureato ad Harvard ha fatto squadra con la signora piena di abilità comunicative e insieme sono stati in grado di completarsi a vicenda per sfruttare la loro vita personale e professionale.

Mentre Mark Zuckerberg si concentra su ciò che ama: creare nuovi prodotti e funzionalità. Sheryl Sandberg si concentra su ciò che sa fare meglio: gestire le funzioni aziendali.

L'autore chiama questo tipo di partnership "Il visionario e il costruttore". Il primo è colui che sogna e immagina, e il secondo costruisce sulla visione del primo.

Lei porta anche altre partnership potenti di questo tipo, come quella di Walt Disney (visionario) e suo fratello Roy Disney (costruttore).

Anche gli amici fondatori di HP, William Hewlett e David Packard, sono un duo di successo. La grande curiosità è che lanciarono una moneta per decidere il nome della compagnia, e oggi non si può immaginare di chiamare la compagnia PH, giusto?

È importante avere, non solo questa compatibilità istantanea, ma anche altre caratteristiche per una partnership di successo:

  • "Aspettative chiare";
  • "Valori e visione condivisi";
  • "Fiducia reciproca";
  • "Scambio equo di valori";
  • "Punti di forza complementari";
  • "Impegno";
  • "Rispetto reciproco".

Cosa ne dicono gli altri autori?

Nel raccomandato "Tutti Contano", Bob Chapman e Raj Sisodia esplorano come i veri leader devono continuamente studiare per sviluppare se stessi e coloro che li circondano, in modo che diventino anche leader eccellenti, che credono nelle persone e le valorizzano.

Ed Catmull, autore del libro "Verso la Creatività e Oltre", consiglia: dare sempre la preferenza alle persone rispetto alle idee, perché i creativi creano buone idee, ma le buone idee possono essere distrutte da cattive squadre. Pertanto, Ekaterina Walter ci dice in questo libro che dobbiamo sapere come scegliere le persone giuste.

Eric Ries, nel libro "Partire Leggeri", spiega che è importante che la parola "innovazione" sia compresa ampiamente. Possono essere scoperte scientifiche originali, un nuovo uso per una tecnologia esistente, la creazione di un nuovo modello di business, tra gli altri.

Ok, ma come posso applicare questo alla mia vita?

"Think Like Zuck" è pieno di analisi e storie che motivano e ci fanno credere che se agiamo, tutto è possibile.

Ricordiamo le 5 P che hanno fatto il successo di Facebook:

  • Passione: fai ciò che ami e corri dietro ad esso. I benefici arrivano sempre a chi crede in quello che sta facendo. Chiediti: "Cosa amo fare?";
  • Scopo: sapere dove vuoi andare e l'obiettivo in relazione al tuo stage. Fai la domanda: "Se potessi cambiare qualcosa nel mondo oggi, cosa sarebbe?";
  • Persone: non limitati ad assumere le persone giuste, ma coltivai, così puoi raccogliere quei frutti e camminare più forti in una direzione;
  • Prodotto: creare il prodotto è l'inizio, ma migliorarlo e sapere quando fare un passo indietro è altrettanto importante;
  • Collaborazioni: fai squadra con persone che ti completano e che possono portarti più lontano. Riconosci le tue debolezze e andate alla ricerca di coloro che possono aiutarvi a superarle.

Sono sicuro che, con questi insegnamenti, sei più preparati per inseguire i tuoi sogni. E chissà, forse vedrò il tuo nome come il prossimo CEO più improbabile del mondo?

Ti è piaciuto questo riassunto del libro "Think Like Zuck"?

Non dimenticare di lasciare il tuo feedback, così possiamo sempre migliorare i nostri contenuti! Se sei interessato all'argomento e vuoi saperne di più sul contenuto per intero, basta cliccare sull'immagine qui sotto!

Libro 'Think Like Zuck'

Aggiungi ai preferiti
Aggiungi a leggere
Segna come letto
Create Account
Iscriviti gratis

E ricevi un riassunto settimanale dei best-sellers più venduti da leggere e ascoltare quando vuoi!